Acqualatina: microtunnelling per la rete fognaria di Cisterna Latina


Entrano nella fase conclusiva i lavori di risanamento e ampliamento della rete fognaria portati vanti da Acqualatina nel comune di Cisterna di Latina. Lavori, che hanno preso il via un anno fa e che interessano la rete di raccolta dei reflui, per un totale di circa 2,9 chilometri, dei quartieri C8 e C9.
L’ultimo tratto dell’intervento interessa il tratto di rete tra Via Monti Lepini a Via De Nicola e prevede anche la posa della nuova rete in corrispondenza dell’attraversamento del Fosso Cisterna. Il tracciato delle nuove condotte prevede anche l’attraversamento sotterraneo della linea ferroviaria Roma-Formia e della Via Appia. Interventi questi ultimi che saranno realizzati con l’impiego di una tecnologia no-dig, ovvero senza scavo a cielo aperto, in modo da ridurre tempi e costi dei lavori e arrecare meno disagio alla popolazione. Nello specifico, verrà utilizzata la tecnica del microtunnelling, che consiste nel fare avanzare le tubazioni a spinta all’interno di una microgalleria realizzata da una particolare testa d’avanzamento, a testa fresante, guidata dall’esterno.
Inoltre, il gestore del ciclo idrico provvederà anche all’ammodernamento della rete idrica in una delle principali strade cittadine, Via Marconi, nell’ambito di un più ampio progetto di recupero delle perdite di rete attivo su tutto l’Ato4 Lazio. Questi ultimi lavori, pur non compresi nel contratto di appalto originale, sono stati inseriti successivamente in quanto ritenuti necessari e complementari a quelli preventivati e in corso sulla rete fognaria, vista la fatiscenza della rete idrica esistente soggetta a forti perdite. Nello specifico verranno sostituiti 900 metri dell’obsoleta rete e sarà effettuata la completa bonifica degli allacci di tutte le utenze.


Leggi anche

Nel quadro dei lavori per l’ampliamento dell’impianto di depurazione dei reflui di Borghetto Santo Spirito, eseguiti dall’impresa ZUMAGLINI e GALLINA di Torino, sono state portate a termine con successo due trivellazioni orizzontali controllate (TOC), eseguite dall’Impresa subappaltatrice veneta ANESE che ha diretto la posa di due condotte in ghisa sferoidale – fornite da Saint-Gobain PAM Italia SpA – in parallelo: una DN 400 e l’altra DN 600. Un vero record se consideriamo che il DN 600 è il diametro più grande di tubazioni in ghisa sferoidale tirato finora in Italia con questa tecnica. All’estero si è arrivati fino al DN 800….

Leggi tutto…

Per ridurre al minimo i disagi per la popolazione e i turisti, il Comune, che gestisce il servizio idrico integrato, ha scelto la tecnica della Trivellazione orizzontale controllata per la posa di un nuovo collettore in una strada del centro storico. La sostituzione della vecchia condotta si è resa necessaria per via del suo avanzato stato di deterioramento, causa di continue perdite …

Leggi tutto…

L’intervento riguarda la dorsale principale che assicura l’approvvigionamento della zona industriale di Vado Ligure. Per il recupero funzionale della condotta, che ha una lunghezza di 1 chilometro e un diametro di 300 mm, verrà utilizzata la tecnica Primus line, che prevede l’inserimento di un tubolare all’interno delle tubazioni esistenti. La conclusione dei lavori è prevista per la metà di maggio…

Leggi tutto…

Già avviati i lavori per la realizzazione di una condotta della lunghezza di 12 chilometri che porterà l’acqua in uscita dal depuratore nell’agro di Lentini, a beneficio delle aziende agricole della zona, invece di finire in mare. Le opere, che prevedono anche la costruzione di una vasca di raccolta, saranno completate per la fine dell’anno. Intanto è stato stilato un piano per l’estensione della rete fognaria in città, che in diversi aree ne è ancora priva…

Leggi tutto…

La multiutility ha avviato i lavori per la sostituzione dell’adduttrice che garantisce l’approvvigionamento idrico della città. Saranno posati 15 km di tubazioni in ghisa sferoidale al posto delle vecchie condotte in cemento amianto. I lavori sono suddivisi in tre stralci, prevedono l’attraversamento di un tratto di autostrada e di linee ferroviarie, e termineranno per la fine del 2019. Il costo dell’opera è di 13,5 milioni di euro

Leggi tutto…