Acque piano interventi Pontedera

Acque ammoderna le reti di Pontedera

Si concluderà a fine anno prossimo il piano di interventi programmato da Acque per migliorare il servizio idrico erogato ai cittadini di Pontedera (Pisa). Programma che tocca tutti gli ambiti del servizio, acquedotto, fognatura e depurazione, con lavori in totale per una spesa di oltre 2,5 milioni di euro.  Obiettivo del gestore idrico del Basso Valdarno è ammodernare le infrastrutture, partendo da quelle che richiedono interventi più urgenti.

 

Interventi sulla rete idrica

Tra questi la sostituzione di 1.600 metri di tubazione della rete di distribuzione idrica, con nuove condotte in ghisa sferoidale. Intervento da 600.000 euro, che segue a quello analogo che ha portato al risanamento di 250 metri di rete con una spesa di circa 150.000 euro, che ha permesso di porre fine a una serie di disservizi nell’erogazione idrica.

Lo scorso mese, inoltre, hanno preso il via anche i lavori per la ristrutturazione della centrale idrica Bercino, del valore di 500.000 euro, che serve la località La Rotta; mentre inizieranno entro fine anno i lavori per la realizzazione di un nuovo pozzo a Treggiaia: l’investimento in questo caso è di 340.000 euro. È in fase di progettazione un intervento per la posa di 200 metri di condotta in via Roma, da effettuare il prossimo anno, che si preannuncia assai complesso in quanto prevede l’attraversamento di un tratto ferroviario.

 

Interventi sulla rete fognaria

Non meno importanti il piano che riguarda le reti fognarie. È a buon punto la progettazione per il completamento della fognatura nera in via del Pino, con stanziati 300.000 euro. In fase avanzata sono i lavori per il completamento della rete in via del Popolo e l’eliminazione degli scarichi diretti, anche in questo caso da realizzare con un investimento di 300.000 euro: il primo lotto è stato quasi ultimato, mentre il secondo dovrebbe partire entro l’anno. Infine, sono in corso alcune attività sul depuratore civile di via Hangar, valore 200.000 euro, e l’adeguamento dell’impianto di depurazione a La Rotta, per una spesa di 100.000 euro, al quale in futuro si prevede di collegare anche gli scarichi civili di Montecastello.

«L’insieme di questi interventi servirà a ridurre significativamente il numero di guasti e, più in generale, a migliorare le performance delle reti acquedottistiche e di raccolta delle acque – ha sottolineato il presidente di Acque, Giuseppe Sardu, presentando il piano dei lavori -. Nel complesso, stiamo parlando di un investimento economico ragguardevole, utile ad ammodernare e a valorizzare la dotazione infrastrutturale del comune e dunque dei cittadini».


Leggi anche

Italgas app WorkOnSite

WorkOnSite è l’innovativa app sviluppata dalla Digital Factory di Italgas per gestire i controlli sui cantieri della rete gas e rendere più efficienti e veloci le verifiche di conformità delle lavorazioni che vengono effettuate. Il tutto grazie a un algoritmo di intelligenza artificiale che utilizza il riconoscimento delle immagini inviate dai tecnici delle imprese esecutrici per accertare la corrispondenza dei lavori alle specifiche di progetto…

Leggi tutto…

smart grids

Dalla collaborazione tra il Politecnico di Milano e il Gruppo Enel, nasce il primo Master di secondo livello internazionale per formare esperti in smart grid. Il master è rivolto a neolaureati che vogliono specializzarsi nella progettazione e gestione di reti digitali e nella promozione dell’innovazione tecnologica nell’ambito dei sistemi di distribuzione di energia elettrica…

Leggi tutto…

Marco Ranieri e Paolo Romano di Smat

L’Assemblea dei soci del gestore idrico di Torino e dei comuni della sua provincia ha rinnovato la fiducia a Ranieri e Romano, rispettivamente, nel ruolo di amministratore delegato e presidente. Completano il nuovo consiglio di amministrazione Fabio Sessa, ingegnere, Serena Lancione, avvocato, direttrice della cuneese Bus Company e la new entry Cristina Tumiatti, manager esperto nel settore delle energie rinnovabili…

Leggi tutto…

Airu Superbonus Decreto Rilancio

In una lettera inviata al governo, l’associazione chiede di rivedere l’articolo 119 del Decreto Rilancio in discussione alla Camera, che riconosce l’incentivo fiscale previsto per gli interventi di efficienza energetica solo ad alcuni comuni montani che si allacciano alla rete di teleriscaldamento. Ne sarebbero escluse le città, proprio le aree dove il teleriscaldamento efficiente può dare il maggior contributo ad abbattere le emissioni climalteranti e favorire la transizione energetica…

Leggi tutto…

Ogni utility oggi ha una connessione di rete. Dalle e-mail ai sistemi di monitoraggio complessi sul territorio: in quanti modi si può subire un attacco digitale, come proteggere i propri dati e le conseguenze fisiche sulle infrastrutture….

Leggi tutto…