Acque estende la rete fognaria di Capannori

Va avanti il grande intervento di estensione della rete fognaria che Acque sta portando avanti nel comune di Capannori, in provincia di Lucca. I lavori interessano nello specifico la frazione di Massa Macinaia, dove il gestore del servizio idrico del Basso Valdarno sta realizzando una nuova rete che consentirà di collettare i reflui dei circa 400 abitanti all’impianto di depurazione di Casa del Lupo. Un’opera del valore di 1,9 milioni di euro che garantirà al territorio importanti benefici ambientali, riducendo gli scarichi diretti nel reticolo idraulico secondario.

Il progetto: in avvio la terza fase

Il progetto, che coinvolge anche il Comune, il Genio Civile di Regione Toscana, la Soprintendenza dei Beni Culturali e la Provincia di Lucca, è stato suddiviso in tre parti. La prima, avviata lo scorso marzo, ha visto la realizzazione di due tratti di nuova condotta fognaria, per una lunghezza complessiva di circa un chilometro. La seconda, in via di conclusione, riguarda invece la costruzione di una stazione di sollevamento, mentre la terza, appena cominciata, consiste nella realizzazione degli ultimi due tratti di fognatura, per una lunghezza di ulteriori 1000 metri.

L’intervento sulla rete idrica

Inoltre, lungo lo stesso percorso è stato previsto il rifacimento di un tratto di condotta idrica, con la sostituzione della rete esistente con due nuove condotte in ghisa sferoidale della lunghezza di circa 420 metri ciascuna. Le condotte saranno posate in un unico scavo e permetteranno di separare il sistema di adduzione da quello di distribuzione, ottimizzando il funzionamento del sistema e migliorando complessivamente il servizio acquedotto.

L’investimento per il terzo lotto ammonta a 900.000 euro, e la conclusione dei lavori è prevista per il mese di aprile del prossimo anno.


Leggi anche

È quanto prevede il Piano degli investimenti per il periodo 2019-2024, che comprende interventi su tutti gli ambiti del ciclo idrico e che mira a potenziare e rendere più efficiente l’infrastruttura e a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. A sostenere lo sforzo economico del gestore idrico del Medio Valdarno un nuovo finanziamento da 40 milioni concesso dalla Bei…

Leggi tutto…

Nell’ultima riunione, il Consiglio locale ATERSIR della provincia di Forlì-Cesena ha approvato il programma di interventi da finanziare con la tariffa del servizio idrico per il quadriennio 2020-23. Il piano prevede investimenti per 64,8 milioni di euro, il 7% in più del precedente, dei quali 29 milioni destinati alla manutenzione e alla sostituzione delle condotte obsolescenti…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione della società, che gestisce il ciclo idrico in 86 comuni della provincia di Frosinone, ha eletto Cocozza e Pierluigi Palmigiani, rispettivamente, nei ruoli di amministratore delegato e presidente, cariche ricoperte entrambe dal dimissionario Stefano Magini. Ai nuovi vertici il compito di portare avanti il grande piano di ammodernamento delle infrastrutture, indispensabile per superare le tante criticità delle reti dei comuni della Ciociaria …

Leggi tutto…

Iniziati i lavori per la posa di 10 chilometri di condotte che consentiranno di far confluire i reflui dell’Oltreserchio al depuratore di Pontetetto. Una mega opera, del valore di oltre 10 milioni di euro, che prevede anche la realizzazione di quattro stazioni di sollevamento, il rifacimento di parte delle reti esistenti e diversi attraversamenti di linee ferroviarie, autostradali e di canali, che sarà conclusa entro il marzo del 2021…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della Basilicata ha approvato il progetto di ammodernamento dei due impianti a servizio del comune del potentino, ora sotto infrazione comunitaria. Gli interventi, del valore di un milione di euro, permetteranno di dotare i depuratori anche di sistema di telecontrollo e telegestione, garantendo una maggior efficienza nel trattamento dei reflui e una riduzione dei costi di esercizio e gestione…

Leggi tutto…