Acque: quasi concluso il potenziamento della rete fognaria di Capannori

Il potenziamento della rete fognaria

Saranno conclusi entro la fine del 2020 i lavori per il potenziamento della rete fognaria di Capannori portato avanti da Acque. Lavori che interessano nello specifico la frazione di Massa Macinaia del comune del lucchese. Una volta terminate anche le opere di collaudo, in programma all’inizio del prossimo anno, gli oltre 400 abitanti della zona potranno fruire di un sistema di scarico e raccolta dei reflui. Reflui che saranno così convogliati all’impianto di depurazione, riducendo gli scarichi diretti nel reticolo idraulico secondario. Inoltre, grazie ai lavori è migliorato l’impatto del servizio idrico integrato sull’intero ambiente circostante.

Il progetto 

Il programma ha un valore complessivo di 1,9 milioni di euro. Il gestore idrico del Basso Valdarno e della Piana lucchese hanno diviso il progetto in tre parti. Quelli in dirittura d’arrivo sono i lavori per il terzo lotto, che prevedono la realizzazione di 1.000 metri di nuova fognatura. Con il primo lotto era già stato posato circa un chilometro di condotte. La posa delle condotte è quasi completa ed è compresa di allacci alle utenze. E’ in dirittura d’arrivo la nuova stazione di sollevamento fognario, per la quale mancano soltanto l’impianto elettrico e i test di funzionamento.

L’ammodernamento di un tratto di acquedotto 

Oltre all’estensione della rete fognaria, in questa ultima fase dell’intervento è stato ammodernato un tratto di acquedotto, con la sostituzione di una condotta unica per l’adduzione e la distribuzione dell’acqua con due condotte in ghisa sferoidale, della lunghezza di 420 metri ciascuna. Una soluzione che consentirà di tenere separati i due sistemi, ottimizzando il funzionamento della rete e migliorando il servizio idrico.

Il commento del Consigliere d’Amministrazione di Acque, Antonio Bertolucci 

«L’insieme di questi interventi doterà finalmente un’intera zona di un servizio fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente e per la qualità della vita delle famiglie. Si tratta di un investimento economico ragguardevole, che ammoderna e valorizza la dotazione infrastrutturale del comune e quindi dei cittadini».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

L’intervento sul depuratore di Gavorrano, del valore di 2 milioni di euro, è finalizzato all’adeguamento funzionale dell’impianto, per migliorarne la sostenibilità e aumentarne il carico trattabile. La prima parte delle opere, già conclusa, ha interessato il rinnovo dei sistemi di pretrattamento dei reflui. Ora si sta lavorando sull’adeguamento del comparto biologico….

Leggi tutto…

Per ogni gestore è oggi necessario adeguarsi ai concetti di sostenibilità ed economia circolare nell’utilizzo di risorse come acqua, gas ed energia. Non solo per un dovere morale e civico, ma anche per allinearsi alle delibere imposte da ARERA. Come sappiamo, il costo dell’energia per un gestore del SII è ingente e pesa in buona percentuale sul bilancio finale. Quali sistemi e tecnologie è possibile adottare al fine di efficientare a livello energetico le proprie infrastrutture ed evitare il più possibile sprechi?…

Leggi tutto…

Un nuovo tratto di collettore fognario a servizio della frazione di Grassina, la sostituzione delle condotte idriche e fognarie in località Bigallo. È il piano per rinnovare le reti di Bagno a Ripoli sviluppato e avviato dal gestore idrico. Opere che per la parte fognaria consentiranno al comune fiorentino di uscire dalla procedura di infrazione comunitaria….

Leggi tutto…

Acque Veronesi ha concluso la realizzazione del nuovo campo pozzi e del nuovo acquedotto anti PFAS che approvvigioneranno con acqua pura diversi comuni delle province di Verona, Padova e Vicenza. L’opera, del costo di 24,2 milioni di euro, rientra nel piano di interventi messo a punto dalla struttura commissariale per l’emergenza PFAS e permetterà di dismettere le vecchie fonti contaminate….

Leggi tutto…

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…