Acque: quasi concluso il potenziamento della rete fognaria di Capannori

Il potenziamento della rete fognaria

Saranno conclusi entro la fine del 2020 i lavori per il potenziamento della rete fognaria di Capannori portato avanti da Acque. Lavori che interessano nello specifico la frazione di Massa Macinaia del comune del lucchese. Una volta terminate anche le opere di collaudo, in programma all’inizio del prossimo anno, gli oltre 400 abitanti della zona potranno fruire di un sistema di scarico e raccolta dei reflui. Reflui che saranno così convogliati all’impianto di depurazione, riducendo gli scarichi diretti nel reticolo idraulico secondario. Inoltre, grazie ai lavori è migliorato l’impatto del servizio idrico integrato sull’intero ambiente circostante.

Il progetto 

Il programma ha un valore complessivo di 1,9 milioni di euro. Il gestore idrico del Basso Valdarno e della Piana lucchese hanno diviso il progetto in tre parti. Quelli in dirittura d’arrivo sono i lavori per il terzo lotto, che prevedono la realizzazione di 1.000 metri di nuova fognatura. Con il primo lotto era già stato posato circa un chilometro di condotte. La posa delle condotte è quasi completa ed è compresa di allacci alle utenze. E’ in dirittura d’arrivo la nuova stazione di sollevamento fognario, per la quale mancano soltanto l’impianto elettrico e i test di funzionamento.

L’ammodernamento di un tratto di acquedotto 

Oltre all’estensione della rete fognaria, in questa ultima fase dell’intervento è stato ammodernato un tratto di acquedotto, con la sostituzione di una condotta unica per l’adduzione e la distribuzione dell’acqua con due condotte in ghisa sferoidale, della lunghezza di 420 metri ciascuna. Una soluzione che consentirà di tenere separati i due sistemi, ottimizzando il funzionamento della rete e migliorando il servizio idrico.

Il commento del Consigliere d’Amministrazione di Acque, Antonio Bertolucci 

«L’insieme di questi interventi doterà finalmente un’intera zona di un servizio fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente e per la qualità della vita delle famiglie. Si tratta di un investimento economico ragguardevole, che ammoderna e valorizza la dotazione infrastrutturale del comune e quindi dei cittadini».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

Le risorse verranno utilizzate dai 12 gestori veneti raccolti nel consorzio per nuovi interventi finalizzati a potenziare le reti idriche, ad estendere quelle fognarie, a costruire nuovi depuratori e a migliorare il trattamento dei reflui. Un impegno in continuità con quello degli ultimi anni: solo nei primi nove mesi di quest’anno gli investimenti hanno toccato i 145 milioni di euro, mentre sono stati pari a 459 milioni nel 2019….

Leggi tutto…

I lavori hanno interessato la frazione di Staro, dove il gestore idrico di 68 comuni della provincia di Vicenza ha realizzato 2,5 chilometri di nuove fognature e due stazioni di sollevamento. Inoltre, è stata costruita una linea dedicata alle acque meteoriche e sostituite alcuni porzioni di rete acquedottistiche, con un investimento complessivo di 1,3 milioni di euro….

Leggi tutto…

Partita l’installazione delle apparecchiature che consentiranno di suddividere i 40 chilometri di rete di distribuzione in quattro distretti, ognuno dei quali avrà una propria regolazione. Successivamente si partirà con il programma di sostituzione delle condotte ammalorate, che interesserà ben il 70% dell’infrastruttura, per mettere fine alle dispersioni idriche particolarmente elevate nel comune dell’oristanese….

Leggi tutto…

Via libera dal gestore idrico pugliese a un nuovo mega pacchetto di bandi, che include il potenziamento della rete fognaria idrica di alcuni quartieri di Bari, per un valore di 23,8 milioni di euro, e la progettazione esecutiva del prolungamento della condotta sottomarina a servizio del depuratore Bari Est. Approvate anche le gare per la fornitura di elettricità, ben 112 milioni, e l’ampliamento del SIT aziendale….

Leggi tutto…

L’operazione, che ha coinvolto 6 gestori consorziati, contribuirà a finanziare investimenti per 700 milioni di euro nei prossimi 4 anni nelle infrastrutture del Servizio Idrico Veneto. A sottoscrivere le nuove obbligazioni la BEI con 124 milioni di euro, Cassa Depositi e Prestiti con 30 milioni, Kommunalkredit Austria con 74 milioni, e altri investitori di mercato per i restanti 20 milioni. …

Leggi tutto…