Acque sostituisce la rete idrica ad Altopascio

Eliminare il rischio perdite e potenziare l’efficienza del servizio. Ha questi obiettivi l’intervento di Acque nel comune di Altopascio, in provincia di Lucca. I lavori, appena avviati dal gestore idrico del Basso Valdarno, riguardano la sostituzione di un tratto di rete idrica a servizio della frazione Spianate con nuove tubazioni di maggior diametro, in modo da mettere fine al problema delle perdite, legato al pessimo stato delle condotte esistenti, e adeguare il sistema di distribuzione alla domanda di acqua potabile della zona, che negli anni ha visto un significativo incremento del numero di utenze.

Più nel dettaglio, l’intervento comporterà la sostituzione di un totale di 2,6 chilometri di condotte con nuove tubazioni del diametro di 150 mm in ghisa sferoidale, materiale scelto per le garanzie di durata nel tempo che offre, che consentiranno di aumentare la pressione in rete.

Le opere, sostenute con un investimento di 850.000 euro, comprendono anche il rifacimento di tutti gli allacci di utenza e, secondo cronoprogramma, si concluderanno entro la fine della prossima estate.

L’intervento nasce da un attento e proficuo rapporto di collaborazione tra il gestore e il Comune di Altopascio. Collaborazione grazie alla quale è stata fatta una mappatura puntuale delle situazioni critiche che interessano le reti idriche, con conseguente sviluppo del progetto e programmazione delle opere. La situazione delle infrastrutture idriche e fognarie del territorio è infatti molto complessa, in quanto negli anni lo sviluppo urbanistico del comune non è stato accompagnato da adeguamenti e opere compensatorie anche per quanto riguarda i servizi primari. Una situazione alla quale ora l’amministrazione e il gestore intendono porre rimedio.


Leggi anche

Arera investimenti settore idrico

Le risorse ammontano a circa il 22,5% del Piano nazionale idrico per il biennio 2019-2020 per interventi finalizzati a migliorare gli acquedotti, che entro quest’anno dovrebbe erogare in totale oltre 26 milioni di euro. Le prime quote saranno assegnate a partire da agosto per i gestori che hanno già speso almeno la metà del finanziamento complessivo del biennio …

Leggi tutto…

Marco Ranieri e Paolo Romano di Smat

L’Assemblea dei soci del gestore idrico di Torino e dei comuni della sua provincia ha rinnovato la fiducia a Ranieri e Romano, rispettivamente, nel ruolo di amministratore delegato e presidente. Completano il nuovo consiglio di amministrazione Fabio Sessa, ingegnere, Serena Lancione, avvocato, direttrice della cuneese Bus Company e la new entry Cristina Tumiatti, manager esperto nel settore delle energie rinnovabili…

Leggi tutto…

Smart.Met

Il consorzio veneto Viveracqua è capofila del progetto europeo da oltre 4 milioni di euro per lo sviluppo di nuove tecnologie di raccolta e gestione intelligente dei dati relativi ai consumi idrici delle abitazioni. Il progetto è giunto adesso alla fase 3, che prevede la sperimentazione in campo…

Leggi tutto…

Smat Torino - Bilancio 2019

Ottimi numeri quelli del bilancio relativo all’esercizio 2019 della società che gestisce il ciclo idrico a Torino e nei comuni della sua provincia. Il fatturato è salito a 442,9 milioni di euro, con gli utili pari a 54,7 milioni di euro e l’indebitamento finanziario lordo ridottosi di oltre il 14% rispetto al dato del 2018. Notevole il dato sugli investimenti, pari a 121 milioni, cresciuti del 34% sul 2018…

Leggi tutto…

Acque Bresciane Bilancio sostenibilità

Il gestore idrico di 93 comuni della provincia di Brescia ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo allo scorso anno, che riassume l’attività dell’azienda e il suo impegno in favore della tutela dell’ambiente. Azienda che lo scorso anno ha fatto investimento per 24 milioni di euro, rispetto ai 18 dell’anno precedente, riducendo le perdite di rete, azzerando quasi la quota di fanghi smaltiti in discarica, inferiore all’1%, e abbattendo i consumi della sua flotta del 27%…

Leggi tutto…