Acque SpA conclude la nuova fognatura di San Pietro a Grado di Pisa

Acque SpA ha concluso i lavori per la realizzazione della rete fognaria a San Pietro a Grado, frazione di Pisa. Lavori che costituivano il secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, finalizzato a garantire a entrambe le frazioni della città toscana la raccolta e lo smaltimento dei reflui.

L’intervento consente infatti ora il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti della zona sud-ovest del comune di Pisa verso il sistema depurativo, superando quindi il sistema delle fognature miste che in precedenza recapitavano sul reticolo idrico superficiale senza trattamento.

Avviato lo scorso anno, questo secondo lotto del progetto è stato portato avanti dal gestore idrico del Basso Valdarno con un investimento di 2,2 milioni di euro. La posa della nuova rete ha visto anche l’attraversamento dell’autostrada e di una strada stradale, entrambi realizzati con la tecnologia della trivellazione orizzontale controllata, in modo da evitare di chiudere le due arterie fondamentali per la circolazione.

Il primo lotto del progetto, invece, aveva interessato la frazione La Vettola che è stata allacciata al sistema di collettamento, opera conclusa nel novembre 2017.

Insieme all’intervento sulla rete fognaria, la società ha realizzato anche un importante tratto di acquedotto che serve a collegare la rete acquedottistica proveniente da Porta a Mare a quella della centrale di San Piero a Grado. Un intervento di particolare rilievo, in quanto permette di interconnettere due sistemi idrici prima separati, a tutto vantaggio dell’efficienza del servizio, più sicuro anche sul piano della continuità, anche sul Litorale Pisano.

«Con la fine dei lavori a San Piero a Grado completiamo un’importante serie di interventi che superano la storica assenza del servizio depurazione in una parte significativa del comune di Pisa – ha commentato il presidente di Acque SpA, Giuseppe Sardu -. E con i lavori programmati per i prossimi anni giungeremo alla copertura pressoché totale del sistema fognario, ma anche e soprattutto di quello depurativo. Un obiettivo che siamo stati in grado di raggiungere grazie anche alla collaborazione con le amministrazioni comunali di Pisa, anche attraverso la compartecipazione agli investimenti».


Leggi anche

Gli impianti sono stati realizzati nei comuni di San Martino Buon Albergo e di Sorgà, in provincia di Verona. Entrambi dotati di tecnologie all’avanguardia, il primo ha una capacità di trattamento pari a 1500 abitanti equivalenti ed è stato costruito con un investimento di oltre 1,6 milioni di euro, il secondo ha una capacità doppia per un costo di 1,1 milioni …

Leggi tutto…

La conferenza dei servizi ha approvato il progetto esecutivo presentato dal gestore del servizio idrico della provincia di Caltanissetta per ammodernare il sistema fognario della contrada Noce di Marianopoli. Progetto che prevede la sostituzione di circa 400 metri del collettore esterno e il potenziamento della rete fognaria con il rifacimento di tutti gli allacci …

Leggi tutto…

È il progetto di Alto Trevigiano Servizi e Comune di Treviso. Il centro sarà realizzato in 18 mesi, nell’area del depuratore, di recente sottoposto dal gestore a un’importante opera di efficientamento energetico. Si estenderà su 300 metri quadri e sarà a disposizione degli atenei del territorio per lo studio degli impatti ambientali, del miglioramento dell’ecosistema e dei fattori di inquinamento e della loro riduzione …

Leggi tutto…

Il Comune beneventano ha avviato la procedura aperta per l’aggiudicazione dei lavori di adeguamento di un tratto di collettore fognario, degli allacci degli scarichi delle utenze e per la costruzione di un impianto di depurazione in contrada Curso. Il bando, formulato secondo l’offerta economicamente più vantaggiosa, ha un valore di 2,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

Appuntamento lunedì 8 luglio allo Spazio Arte di Sesto San Giovanni con l’incontro aperto al pubblico che inaugura il nuovo step del percorso di coinvolgimento degli stakeholder locali. L’evento sarà l’occasione per presentare i comitati dei cittadini, i Residential Advisory Board, organismi che avranno il compito di rappresentare un organo consultivo, di monitoraggio e di scambio informazioni nell’ambito di tutte le scelte e le fasi del progetto. …

Leggi tutto…