Acque Veronesi inizia i lavori per il depuratore di Oppeano

Sulla carta da anni, uno dei progetti più attesi nella bassa veronese si appresta finalmente ad assumere concretezza. Acque Veronesi ha infatti iniziato i lavori per la costruzione del nuovo operatore di Oppeano, in provincia di Verona. Il nuovo impianto, che sarà pronto per la metà del prossimo anno, è stato pensato per soddisfare le nuove esigenze del territorio, in forte espansione, soprattutto a livello industriale. E andrà a sostituire il vecchio depuratore presente a Feniletto, non più sufficiente alle necessità e non più migliorabile.

 

Capacità più che raddoppiata

Si estenderà su un’area di circa 9.000 metri quadri, a ridosso dell’isola ecologica comunale e tratterà anche i reflui della limitrofa frazione di Palù, ottimizzando così il sistema di collettamento e depurazione dei reflui. L’impianto avrà infatti una capacità di trattamento pari a 8.000 abitanti equivalenti, oltre il doppio rispetto agli attuali 3.500 del depuratore ora in funzione. Quest’ultimo sarà collegato al nuovo depuratore attraverso una nuova condotta fognaria

 

Depurazione efficiente e sostenibile

Nel progetto messo a punto, e del valore di 4 milioni di euro, i tecnici di Acque Veronesi hanno scelto le migliori tecnologie per rendere il trattamento dei reflui efficiente e sostenibile. A valle dei pretrattamenti di grigliatura e dissabbiatura, il comparto biologico è stato articolato su due linee parallele, così da garantire la continuità del trattamento anche in occasione di future manutenzioni. Il refluo in uscita dalla sedimentazione finale sarà sottoposto a dei trattamenti di affinamento di filtrazione a disco e disinfezione mediante raggi ultravioletti. Soluzioni che permetteranno di raggiungere un elevato livello depurativo e una migliore qualità dell’acqua restituita all’ambiente.

Inoltre, tutti i sistemi di gestione saranno automatizzati e in grado di autoregolarsi in base alla quantità dei reflui in arrivo. In questo modo si garantirà anche un importante risparmio sui consumi energetici.

 

Il commento del  presidente dell’utility idrica, Roberto Mantovanelli 

«Un intervento in linea con le nuove strategie adottate da Acque Veronesi nel settore depurazione. Gestire un impianto grande, dimensionato su agglomerati urbani di una certa importanza, piuttosto che impianti più piccoli, tarati su aree più limitate, porta notevoli vantaggi di gestione, di costi e di efficienza».

 

La riorganizzazione dello schema depurativo

Acque Veronesi sta infatti lavorando a una riorganizzazione complessiva dei suoi schemi depurativi: 

  1. realizzando impianti sempre più innovativi e tecnologici e potenziandone alcuni già in funzione (così da trattare i reflui di più zone).
  2. dismettendo gradualmente gli impianti più piccoli e quelli in attività da più anni

Una strategia che permetterà anche di essere in linea con le normative europee, evitando il rischio di cadere in infrazioni.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti.

Guarda il replay del webinar svolto lo scorso 18 febbraio >

Leggi tutto…

L’intervento sul depuratore di Gavorrano, del valore di 2 milioni di euro, è finalizzato all’adeguamento funzionale dell’impianto, per migliorarne la sostenibilità e aumentarne il carico trattabile. La prima parte delle opere, già conclusa, ha interessato il rinnovo dei sistemi di pretrattamento dei reflui. Ora si sta lavorando sull’adeguamento del comparto biologico….

Leggi tutto…

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

L’intervento permetterà di eliminare gli scarichi liberi ancora presenti nel centro storico del comune aretino e collettare i reflui all’impianto di depurazione di Figline Valdarno, superando così la procedura d’infrazione comunitaria. Prevede la posa di 4,5 km di condotte, parte della quale sarà effettuata con la tecnica no-dig del microtunnelling, e la realizzazione di 7 sollevamenti fognari e 11 scolmatori per un investimento di 4,5 milioni …

Leggi tutto…