Acque Veronesi potenzia il depuratore di Legnago


Un servizio migliore che permetterà di ottimizzare e potenziare il sistema fognario di una vasta zona della pianura veronese, garantendo una maggior tutela e sicurezza ambientale. Sono i principali vantaggi attesi dall’intervento di adeguamento del depuratore di Vangadizza nel comune di Legnago, avviato da Acque Veronesi.
I lavori, che saranno conclusi entro fine dicembre, hanno come obiettivo l’adeguamento a livello funzionale e tecnico dell’impianto, situato nella frazione di Vangadizza. Una struttura che serve circa 40.000 abitanti equivalenti e che presentava alcune criticità relative al passaggio del tempo e alla sottodimensione. Criticità che saranno risolte grazie al progetto di ammodernamento e potenziamento messo in campo dall’utility che gestisce il servizio idrico integrato in 77 comuni della provincia scaligera. Nello specifico i lavori riguardano la realizzazione di un nuovo comparto di dissabbiatura dei reflui in ingresso nell’impianto e il potenziamento dell’attuale stazione di ricezione dei rifiuti liquidi derivanti dalle attività di manutenzione ed espurgo delle reti fognarie della zona. Il sistema sarà dotato inoltre di nuovi strumenti di misura e nuovi sistemi di telecontrollo utili a semplificare e migliorare la gestione complessiva dell’impianto, mentre alcune attrezzature ormai usurate verranno sostituite.
«L’obiettivo è di ridurre gli impatti ambientali, migliorando l’efficienza e la capacità gestionale dell’impianto – ha commentato il presidente di Acque Veronesi Roberto Mantovanelli –. Un intervento dal costo complessivo di circa 400.000 euro, che garantirà da un lato infrastrutture moderne e funzionali, dall’altro porterà notevoli benefici di carattere igienico per tutto il territorio di Legnago».


Leggi anche

Il gestore idrico della Basilicata ha sottoscritto un accordo di collaborazione tecnico-scientifica con l’ISS per la valutazione dei rischi correlati alle risorse idriche nell’ambito dell’implementazione del Piano di Sicurezza dell’Acqua. Piano che Acquedotto Lucano applicherà poi agli schemi idrici Sinni-Montalbano, Agri-Basento e Vulture-Melfese….

Leggi tutto…

Hai un progetto in grado di valorizzare le risorse idriche migliorando i processi di gestione, distribuzione e qualità dell’acqua? Allora puoi prendere parte alla Call for Ideas legata al programma #waterevolution Innovate H2O. Le startup selezionate avranno la possibilità di utilizzare per 6 mesi le strutture e le competenze del Centro Ricerche di Gruppo CAP e la mentorship di Seeds&Chips….

Leggi tutto…

Nata a dicembre dello scorso anno dalla fusione di Cvs e Polesine Acque, l’azienda, che gestisce il servizio idrico in 108 comuni veneti, ha centrato tutti gli obiettivi prefissati. Ridotte le tariffe alle utenze del 2%, mentre sono 172 le opere avviate con investimenti per 70 milioni di euro, destinati principalmente alla soluzione del problema Pfas, alla riduzione delle perdite di rete e alla costruzione di nuovi sistemi fognari …

Leggi tutto…

“Una rete per fare impresa”. Questo il titolo dei Seminari IWS realizzati il 17 e 18 ottobre 2018 in occasione dell’ultima edizione di H2O a Bologna. L’iniziativa ha coinvolto utilities, ricercatori, ingegneri, tecnici e progettisti, registrando una grande affluenza di pubblico specializzato….

Leggi tutto…

Dopo la sperimentazione sulle reti fognarie, prima applicazione su condotte interrate in Europa, il gestore del servizio idrico di Milano estende l’impiego della piattaforma spaziale europea Copernicus anche alla rete idrica. Il sistema utilizza due satelliti progettati dall’Esa che verificano ogni 20 giorni gli spostamenti millimetrici della carreggiata stradale al di sopra delle infrastrutture, generando in caso di anomalie allarmi direttamente sul Gis di MM…

Leggi tutto…