Acquedotto del Fiora conclude il restyling del depuratore di Pitigliano

Un intervento è stato appena concluso e un altro sta per prendere il via a Pitigliano, comune di circa 4000 abitanti in provincia di Grosseto. I lavori appena conclusi riguardano il restyling del depuratore, portato a termine da Acquedotto del Fiora dopo un anno di lavori e un investimento di 600.000 euro. Lavori che hanno permesso di migliorare le prestazioni dell’impianto, sia sotto il profilo ambientale sia riguardo il rispetto delle normative. Tutto ciò grazie all’installazione di soluzioni all’avanguardia che hanno incrementato l’efficienza e le performance del comparto biologico e della linea fanghi. Il rinnovo ha interessato anche tutte le carpenterie metalliche, interamente rifatte, e l’impianto elettrico.

Ma per Pitigliano gli interventi previsti dal gestore per potenziare il servizio idrico non terminano qui. A breve il comune potrà infatti usufruire anche di un nuovo impianto di potabilizzazione, del quale è stato approvato il progetto esecutivo. L’impianto, che sarà realizzato con un investimento di circa 300.000 euro, utilizzerà la tecnologia dell’osmosi inversa, in quanto la sua costruzione ha come obiettivo la rimozione di arsenico e fluoruri dall’acqua. Nel periodo estivo infatti l’incremento della domanda idropotabile rende necessario integrare l’approvvigionamento del serbatoio di Pitigliano con acqua proveniente dal campo pozzi Selvacce. Quest’acqua ha però un elevato tenore di fluoruri e arsenico per effetto della naturale mineralizzazione. Attualmente il rispetto dei parametri per la concentrazione di tali elementi è ottenuto con miscelazione delle risorse proveniente dal campo pozzi con quelle delle sorgenti di Santa Fiora. Grazie al nuovo potabilizzatore, l’acqua delle Selvacce verrà prima trattata e poi immessa e miscelata nel serbatoio, rendendo disponibile una maggior quantità di risorsa idrica e migliorando inoltre la qualità e il sapore dell’acqua erogata. La gara per la realizzazione dell’impianto di potabilizzazione verrà indetta a breve: la durata dei lavori è stimata in circa tre mesi.


Leggi anche

Identificare le soluzioni più sostenibili per il recupero dei fanghi di depurazione è l’obiettivo del progetto F.A.N.G.H.I, vincitore del bando Call Hub Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia. Progetto che sarà portato avanti nei prossimi 30 mesi da A2A Ambiente, che ne è capofila, con BrianzAcque, MM, l’Istituto Mario Negri di Milano, Lariana Depur e Tcr Tecora…

Leggi tutto…

Il progetto, per un importo di 450 mila euro, porterà alla realizzazione della condotta a 6,5 km dalla costa. Approvata anche la procedura di gara per il potenziamento delle reti a Talsano (Ta) per 9,4 mln…

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Delle risorse, parte delle quali provenienti dal ministero dell’Ambiente, che saranno investite in un arco di 5 anni, beneficeranno 105 comuni della regione per portare avanti interventi di efficientamento della rete di distribuzione, con particolare attenzione alla lotta alle perdite idriche, potenziamento delle fognature e realizzazione di depuratori …

Leggi tutto…

È quanto prevede il Piano degli investimenti per il periodo 2019-2024, che comprende interventi su tutti gli ambiti del ciclo idrico e che mira a potenziare e rendere più efficiente l’infrastruttura e a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. A sostenere lo sforzo economico del gestore idrico del Medio Valdarno un nuovo finanziamento da 40 milioni concesso dalla Bei…

Leggi tutto…