Acquedotto del Fiora conclude il rinnovo del depuratore di Grosseto

Pronto il nuovo depuratore a servizio di Grosseto. Acquedotto del Fiora ha terminato il rinnovo del vecchio impianto, situato in località Pianetto: un’opera, realizzata con un investimento di 16 milioni di euro, per dare al territorio un depuratore green e all’avanguardia. L’impianto tratta i reflui del capoluogo e delle frazioni di Casalecci e Principina a Terra.

I punti cardine che hanno guidato lo sviluppo del progetto, che ha richiesto un anno di lavoro, sono stati: 

  • sostenibilità ambientale
  • innovazione 
  • applicazione dei principi dell’economia circolare

Progetto focalizzato sull’upgrade della linea fanghi e che ha dotato l’impianto di tecnologie all’avanguardia. Rendendolo così autosufficiente a livello energetico e permettendo il riutilizzo dell’acqua derivante dal processo depurativo.

 

Abbattuta la quantità di fanghi da smaltire

Il rinnovo della linea fanghi ha avuto come obiettivi:

  • ridurre il volume prodotto
  • migliorare la qualità
  • diminuire complessivamente i costi di gestione.

Per il nuovo processo di trattamento dei fanghi il gestore idrico ha adottato la tecnologia brevettata di lisi termochimica. Questa operazione ne facilita la degradazione e, quindi, la separazione solido/liquido. Una soluzione che ne abbatte il volume da smaltire in una quantità che va dal 60% al 70% rispetto al passato.

 

Migliorata anche la qualità

Il rinnovo del depuratore a fanghi attivi è partito dalla necessità di gestire in modo più efficiente il sempre più complesso processo di smaltimento dei fanghi prodotti dal processo di trattamento dei reflui civili. La tecnologia scelta, già sperimentata da Acquedotto del Fiora (presso l’impianto di Ponte a Tressa a Siena) si è mostrata perfetta allo scopo. Inoltre, ha dimostrato anche un miglioramento del processo della sezione di ossidazione biologica. Questo perché migliora le caratteristica di sedimentabilità del fango, con un beneficio diretto sulla qualità del refluo scaricato. 

 

Un impianto autosufficiente e a basso impatto

Inoltre, grazie ai lavori effettuati, si prevede di recuperare, da un processo di digestione anaerobica, la fonte energetica, ovvero il biogas, per l’autosostentamento del processo. L’integrazione del processo di digestione anaerobica e di cogenerazione renderà così l’impianto autosufficiente e altamente sostenibile, grazie all’energia autoprodotta.

In più si potrà riutilizzare una parte delle acque depurate dall’impianto come alimentazione del sistema antincendio, in un’ottica di economia circolare. Infine, le nuove opere realizzate in sostituzione di alcune strutture ormai obsolete garantiranno anche maggiore sicurezza sia agli operatori sia ai visitatori.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

calcestruzzo

Conosciamo tutti le cause del degrado delle strutture idrauliche in calcestruzzo, aspetti di cui occorrerebbe tener conto sin dalla progettazione. Capita infatti, che durante la progettazione di opere, non venga dato sufficiente “peso” all’aspetto ambientale in cui l’opera si inserirà, così come quali lavori dovrà svolgere e a quali condizioni….

Leggi tutto…

Realizzato con un investimento di 39 milioni di euro, l’impianto è stato dotato delle più avanzate tecnologie di trattamento dei reflui, come il sistema di ultrafiltrazione a membrane, che consentono il riutilizzo delle acque in uscita. Perfettamente inserito nel contesto paesaggistico, ha una capacità di trattamento di 90.000 AE, ma è stato progettato per un funzionamento modulare e flessibile, in modo da adeguarsi alla variazione dei carichi legati alla fluttuazione turistica…

Leggi tutto…

Approvato il bilancio relativo all’ultimo esercizio del gestore idrico della provincia di Lecco. Gli investimenti sono cresciuti del 23%, sfiorando i 30 milioni di euro. Bene anche i ricavi, saliti a 52 milioni, con un utile netto pari a 5,3 milioni. Ma importanti risultati sono stati ottenuti anche sul piano operativo, come l’autorizzazione allo scarico per il depuratore di Lecco, che mancava da 20 anni….

Leggi tutto…

Il gestore idrico del distretto Sarnese Vesuviano ha pubblicato il bando, da 6,8 milioni di euro, per il completamento della rete fognaria di Boscoreale. L’opera fa parte del piano, sviluppato con Regione Campania ed Ente Idrico Campano, per il risanamento del corso d’acqua. In questo ambito, sono stati approvati altri due interventi, per 2,4 milioni, che riguardano l’adeguamento del depuratore di Scafati e il risanamento del sistema di collettori a servizio di altri cinque comuni….

Leggi tutto…

Brescia e Bergamo non sono alleate solo come capitali della Cultura, ma anche per l’ambiente. A Paratico si sono infatti conclusi i lavori di ampliamento e ristrutturazione del depuratore intercomunale, che colletta ventisei comunità locali tra i due territori. Fra le novità più rilevanti l’ampliamento a 90mila abitanti serviti e l’impiego di nuove tecnologie….

Leggi tutto…