Acquedotto del Fiora: investimenti per 115 milioni al 2024

Economia circolare, territorio e imprese, digitalizzazione, innovazione e sviluppo sostenibile. È su questi pilastri che Acquedotto del Fiora continuerà a costruire la sua crescita. Un percorso delineato nel piano industriale 2022–2024, nel quale il gestore idrico dei 55 comuni del grossetano e senese ha previsto un impegno in nuovi investimenti per 115 milioni di euro.

Risorse che consentiranno all’azienda di continuare a rappresentare un volano per lo sviluppo sostenibile dei territori, con l’Agile Academy, la sua scuola d’impresa, come partner all’avanguardia per gli stakeholder.
 

Un triennio di nuove sfide

«Il triennio appena concluso ha segnato un passaggio epocale per Acquedotto del Fiora. Abbiamo accettato numerose sfide, che hanno segnato una tappa evolutiva fondamentale nel passaggio a moderna azienda del settore idrico – ha sottolineato il presidente Roberto Renai. Esauriamo una fase che è stata un’esperienza di successo, come ci confermano i numeri: gli investimenti messi a terra, la riduzione delle perdite in rete, la digitalizzazione, il protocollo di economia circolare, solo per citarne alcuni. Ora questo nuovo piano industriale ci pone davanti a ulteriori sfide: l’azienda evoluta riferimento per questa comunità, la transizione ecologica e digitale, il portare avanti la nostra scuola d’impresa».
 

Priorità alla depurazione

Le risorse messe in campo per il prossimo triennio costituiscono la base per compiere questo percorso. E si vanno ad aggiungere agli oltre 550 milioni di investimenti realizzati dall’inizio della concessione. La cifra messa a disposizione nel nuovo piano industriale è superiore del 15% rispetto al triennio precedente, e pari a una media di 101 euro annui per abitante, una delle più alte in Italia e in linea con i Paesi del nord Europa. Andando un po’ più nello specifico:

  • 23 milioni (+10%) sono dedicati al settore della depurazione
  • 7 milioni (+35%) all’innovazione
  • 7 milioni (+20%) alla digitalizzazione

In questo modo si opererà in modo funzionale agli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e al PNRR.
 

Attenzione a digitalizzazione e innovazione

Con queste risorse il gestore punta a sviluppare interventi che coinvolgeranno sempre di più il territorio servito, nell’ottica dell’economia circolare, valutando oltre agli aspetti tecnici anche gli impatti economici, sociali, occupazionali e ambientali. Altro punto centrale sarà cogliere tutte le opportunità che la digitalizzazione e l’innovazione potranno offrire per migliorare l’efficienza del servizio. Il tutto con un’attenzione particolare ad agire in un’ottica di sviluppo sostenibile.
 

Partner dei comuni

«AdF è un’azienda fortemente concentrata sul proprio profilo industriale, il servizio idrico integrato, con particolare attenzione ai settori di depurazione, fognatura e ricerca perdite – ha spiegato l’amministratore delegato Piero FerrariManteniamo le radici fortemente ancorate al nostro core business, ma rivolgiamo anche lo sguardo al futuro attraverso i tre pilastri evolutivi che sono economia circolare, territorio e imprese, cambiamento climatico, riuso e comunità energetiche, digitalizzazione, innovazione e sviluppo sostenibile. Lo facciamo ancora più concretamente con l’Agile Academy, che sarà il partner di tutti i nostri stakeholder, primi fra tutti i Comuni soci».

La scuola si porrà infatti sempre di più come un “competence centerspecializzato in aree tematiche:

  • architettura e agricoltura
  • rigenerazione urbana
  • risorse naturali
  • energia e ambiente
  • mobilità elettrica
  • acceleratori e incubatori di start up
  • innovazione e digitalizzazion.

 


Leggi anche

Il gestore idrico della provincia di Monza e Brianza ha ottenuto un green loan di 55 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti. Le risorse saranno impiegate per realizzare 85 chilometri di reti acquedottistiche e 16 chilometri di nuove condutture fognarie, oltre a diversi altri interventi per mettere il territorio in sicurezza dagli effetti dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…

AqA – nata il primo aprile del 2021 dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova, è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. Una società giovane, con radici solide, che vede nel 2022 la realizzazione di numerosi progetti nati negli scorsi anni, con la vocazione, fortissima, all’efficienza ambientale e all’efficienza operativa….

Leggi tutto…

AqA dal primo aprile di quest’anno è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. La Società del Gruppo Tea nasce dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova. È un progetto che parte da lontano in cui la fusione tra le due anime idriche di Tea ha l’obiettivo di ottimizzare l’organizzazione del servizio in sé, ma anche di compiere un lungo passo in avanti nella direzione del gestore unico provinciale, di cui AqA è società veicolo come definito dagli enti competenti….

Leggi tutto…

Sarà realizzato con la tecnologia del microtunnelling il primo tratto del nuovo collettore fognario che il gestore realizzerà nella città e che consentirà di collegare un pezzo del centro storico ancora privo del servizio fognario al depuratore. La prima parte dei lavori prevede la posa di 500 metri di condotte, per una spesa di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore idrico lucano, dopo aver concluso all’inizio dell’anno l’ammodernamento dell’impianto Pantano, ha dato il via al potenziamento del secondo impianto a servizio della città dei Sassi, che sorge in località Sarra. Il depuratore sarà dotato di impianto a ossidazione biologica e sarà adeguata sia la linea acque sia quella fanghi e la sua capacità portata a 27.500 abitanti. L’investimento per le opere è di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…