Acquedotto Lucano ammoderna i depuratori a servizio di Vietri di Potenza

Adeguare il sistema di trattamento dei reflui a quanto stabilito dalle leggi nazionali e regionali e minimizzarne l’impatto ambientale. Ha questo obiettivo il progetto messo a punto da Acquedotto Lucano. Il gestore del servizio idrico in Basilicata ammodernerà i due depuratori a servizio del comune di Vietri di Potenza, in provincia di Potenza, uno situato nella contrada Molinello, l’altro nella frazione Moliseo.

I lavori su entrambi gli impianti di depurazione di tipo biologico e a fanghi attivi, dei quali è stato appena approvato il progetto esecutivo, rientrano nel programma per la risoluzione dell’infrazione comunitaria che grava sui due sistemi e verranno realizzati con un investimento di un milione di euro. Investimento finanziato con fondi provenienti dal Patto operativo nazionale Ambiente Fsc 2014-2020 nell’ambito dell’Accordo di Programma per l’attuazione di un programma di interventi in materia di collettamento e depurazione finalizzati alla risoluzione della procedura di infrazione n. 2014/2059 Patto per lo Sviluppo della regione Basilicata Fsc Basilicata 2014-2020.

«Con l’adeguamento di queste due ulteriori infrastrutture si compie un altro importante passo verso la modernizzazione degli impianti con l’obiettivo di giungere a una sempre più adeguata e ottimale gestione delle acque reflue sul territorio regionale», ha commentato Giandomenico Marchese, amministratore unico di Acquedotto Lucano.

Oltre all’adeguamento e ammodernamento dei sistemi di trattamento dei reflui, gli impianti saranno dotati anche di sistemi di telegestione e telecontrollo, che garantiranno sia una riduzione dei costi di esercizio e di gestione, prediligendo l’installazione di apparecchiature ad alto rendimento, sia, attraverso la supervisione dello stato di funzionamento delle apparecchiature, la regolazione in automatico di alcune apparecchiature capaci di mantenere costante l’efficienza depurativa.


Leggi anche

A realizzare l’infrastruttura sarà Etc Ecotermica Ciriè, società partecipata al 60% da Edison e per la parte restante da Ecotermica Servizi. Il progetto, del valore di 15 milioni di euro, prevede la realizzazione di una rete dell’estensione di 15 chilometri che riceverà l’energia termica da una centrale di cogenerazione alimentata a gas e a biomasse, provenienti dalla pulizia dei boschi limitrofi…

Leggi tutto…

È questo il tema al centro del quarto incontro, organizzato da Anci Lombardia e Water Alliance, la rete delle otto aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, svoltosi a Monza, che ha coinvolto anche Regione Lombardia, Ato, Assolombarda, Confartigianato, oltre a docenti e ricercatori universitari. Economia circolare, innovazione tecnologica e sinergie industriali tra pubblico e privato sempre più fondamentali nel futuro del sistema…

Leggi tutto…

La centralità di questo combustibile nel processo di decarbonizzazione del Continente è sottolineata dall’ultimo elenco dei Progetti di interesse comune per la rete di interconnessione energetica europea. Progetti che possono accedere ai finanziamenti dell’Unione e che comprendono ben 32 opere che riguardano le infrastrutture gas. Di queste ben 6 sono italiane…

Leggi tutto…

In attesa che si completi la riforma del servizio con l’affidamento delle gestioni, Regioni Calabria ha scelto Sorical, la società che gestisce i grandi sistemi di adduzione regionale, per realizzare il programma di interventi di efficientamento e ingegnerizzazione delle reti di distribuzione. Il progetto interessa circa quaranta comuni ed è sostenuto da un investimento di 68 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…