Acquedotto Lucano: opere per 390 milioni di euro


Acquedotto Lucano avvierà a luglio due programmi di investimento su reti e impianti per un importo complessivo di 391 milioni di euro. Le risorse provengono dal Programma operativo FESR 2014-2020 e dai fondi compresi del Patto per la Basilicata, sottoscritto all’inizio di maggio a Matera.
La dotazione del FESR è di 50 milioni di euro per le reti e gli impianti idrici, mentre il Patto per la Basilicata presenta una dotazione di 341 milioni di euro da destinare all’ottimizzazione del sistema di depurazione e a quello dell’adduzione. Tre le categorie di interventi strategici che rientrano in quest’ultimo programma vi sono il potenziamento del sistema di collettamento e trattamento dei reflui urbani (138,5 milioni di euro), l’ottimizzazione del sistema di adduzione (171,5 milioni di euro), l’adduzione primaria della risorsa idrica, ovvero le dighe e i grandi adduttori (31 milioni di euro).
“Si tratta di interventi che richiederanno una gradualità di esecuzione – ha commentato l’Amministratore unico della società, Michele Vita, presentando i programmi -. In particolare, per quanto riguarda la depurazione, saranno risolti i problemi storici di funzionalità dei depuratori e delle reti fognarie che hanno determinato le procedure di infrazione ma, soprattutto, l’efficientamento e l’adeguamento delle apparecchiature garantirà vantaggi sul fronte ambientale e dei costi energetici”.
Gli interventi sugli schemi idrici, invece, porteranno all’ulteriore interconnessione degli schemi con la città di Matera servita anche dallo schema del Frida e al collegamento tra lo schema del Marmo e quello del Vulture.


Leggi anche

15 chilometri di condotte, tra fognature, rete idrica e gas, quattro anni di lavoro e un investimento complessivo di 8 milioni di euro. Sono i numeri del grande intervento di risanamento ambientale realizzato dalla multiutility nella frazione di Cesena. I lavori hanno visto la realizzazione di un collettore fognario, che recapiterà i reflui al depuratore centrale della città, e la costruzione di una dorsale idrica e una gas a servizio della zona industriale….

Leggi tutto…

Il nuovo collettore del Garda rappresenta la più importante infrastruttura a difesa della salute del lago, della sua economia e del suo territorio. Un’opera fondamentale a livello regionale e nazionale, visto che il lago è il più importante bacino di acqua potabile d’Italia. …

Leggi tutto…

La depurazione di acque reflue rappresenta un’attività di enorme importanza in chiave di sostenibilità ambientale ma per operare richiede risorse, energetiche e non (acqua e reagenti chimici) e produce importanti quantitativi di rifiuti (fanghi di depurazione)….

Leggi tutto…

Sarà un intervento ambizioso, ad alta tecnologia innovativa e in cui l’approccio “green” è prevalente quello che Alto Trevigiano Servizi si accinge ad effettuare nell’impianto di depurazione di Salvatronda a Castelfranco Veneto….

Leggi tutto…

Avviato il secondo stralcio dei lavori per l’estensione della rete fognaria di Lusia, in provincia di Rovigo. Il progetto prevede la posa di 1,4 chilometri di condotte in Pvc e va a completare la prima parte dell’intervento portato avanti nello stesso comune, ancora in corso. Intervento che comprende la posa di 648 metri di condotte fognarie e la sostituzione delle tubazioni idriche ammalorate, per un investimento complessivo di 930.000 euro….

Leggi tutto…