Acquedotto Lucano potenzia il depuratore di Matera

Proseguono i lavori di Acquedotto Lucano sul depuratore Pantano che serve buona parte della città di Matera. Gli interventi, che saranno terminati entro luglio, hanno come obiettivo adeguare e potenziare l’impianto, che sorge nell’omonima frazione, dal quale le acque trattate confluiscono nel torrente Gravina. Un progetto, del valore complessivo di più di 4,8 milioni di euro, proposto da Regione Basilicata e finanziato dal ministero dell’Ambiente nell’ambito del Piano Sud, che permetterà all’impianto di rispondere pienamente agli standard normativi.

La progettazione dell’intervento è stata eseguita tenendo conto anche che a Matera la rete delle acque piovane coincide in più punti con quella delle acque nere e che, pertanto, nei periodi di maggiori precipitazioni all’impianto di depurazione arrivano volumi consistenti di reflui. Infatti, a fronte dell’attuale capacità di 28.000 abitanti equivalenti, con gli investimenti in corso l’impianto sarà in grado di trattare i reflui prodotti da 34.000 abitanti equivalenti.

Pur ricadendo in un’area classificata come “non sensibile”, l’impianto potrà assicurare valori di emissioni molto più bassi di azoto, fosforo e solidi sospesi, non superiori ai limiti previsti per le aree cosiddette “sensibili”. Inoltre, per ottenere un funzionamento ottimale saranno installati un sistema di “deodorizzazione” e un sistema di trattamento che utilizza diffusori di ossigeno sommersi, in grado di evitare i fastidi dovuti alla diffusione di aerosol tipici delle turbine superficiali.

L’intervento comporta anche la sostituzione dell’impiantistica elettro-meccanica con l’introduzione di sistemi di nuova generazione, molto più efficienti dal punto sul piano ambientale e in termini di risparmio energetico.

«Quello di Pantano è il primo di tre bandi di gara che consentiranno alla città di Matera di fare affidamento su opere di collettamento e depurazione che non impattino sull’ecosistema della Gravina e dei Sassi e che, in tempi brevi, superino le attuali criticità – ha dichiarato Giandomenico Marchese, amministratore unico di Acquedotto Lucano –. Infatti, il servizio di depurazione è assicurato anche dagli impianti di località Sarra e Lamione, e da quelli dei borghi Venusio e La martella. I premi tre rientrano nei finanziamenti del Piano Sud, per un importo complessivo di ben 10 milioni di euro».


Leggi anche

La multiutility capitolina ha aggiornato il piano 2018-2022: gli investimenti crescono di 900 milioni di euro rispetto al documento precedente salendo a 4 miliardi. Risorse che saranno destinate principalmente al miglioramento della qualità ed efficienza del servizio idrico, circa 250 milioni, al rafforzamento della resilienza delle reti elettriche (250 milioni) e alla crescita della generazione rinnovabile…

Leggi tutto…

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, fresco di riconferma nel ruolo di amministratore delegato della società, che ha anticipato che Italgas presenterà un’offerta non vincolante per il pacchetto della distribuzione gas dell’utility veneta. Ascopiave ha infatti avviato un riassetto dei suoi business puntando a cedere le attività di vendita di energia per focalizzarsi sulla distribuzione gas anche con partnership strategiche …

Leggi tutto…

La multinazionale francese dell’energia si è aggiudicata la progettazione e realizzazione di un sistema di teleraffrescamento, della potenza di 105 MW, a servizio del Distretto digitale di Punggol in costruzione nella città-stato. La società, inoltre, realizzerà sempre a Singapore un suo centro di competenze dedicato allo sviluppo di progetti nella regione Asia-Pacifico…

Leggi tutto…

Nel mirino della Federazione Italiana produttori di energia da fonti rinnovabili l’articolo 18 della Legge Europea, che abroga l’estensione del periodo di incentivazione per la produzione elettrica da biomasse. Una misura che penalizza anche i piccoli impianti di cogenerazione alimentati con la stessa fonte proveniente dalla manutenzione dei boschi e collegati a reti di teleriscaldamento…

Leggi tutto…

Importante accordo siglato tra le quattro realtà: E.ON e CPL Concordia realizzeranno e gestiranno per 15 anni un nuovo cogeneratore presso il depuratore di Gruppo CAP a Pero. L’impianto, in esercizio per la fine del prossimo anno, fornirà annualmente circa 13 GWh elettrici, da utilizzare presso lo stesso depuratore, e 13 GWh termici che saranno immessi nella rete di teleriscaldamento di NET…

Leggi tutto…