Acquedotto Lucano potenzia il depuratore di Matera

Proseguono i lavori di Acquedotto Lucano sul depuratore Pantano che serve buona parte della città di Matera. Gli interventi, che saranno terminati entro luglio, hanno come obiettivo adeguare e potenziare l’impianto, che sorge nell’omonima frazione, dal quale le acque trattate confluiscono nel torrente Gravina. Un progetto, del valore complessivo di più di 4,8 milioni di euro, proposto da Regione Basilicata e finanziato dal ministero dell’Ambiente nell’ambito del Piano Sud, che permetterà all’impianto di rispondere pienamente agli standard normativi.

La progettazione dell’intervento è stata eseguita tenendo conto anche che a Matera la rete delle acque piovane coincide in più punti con quella delle acque nere e che, pertanto, nei periodi di maggiori precipitazioni all’impianto di depurazione arrivano volumi consistenti di reflui. Infatti, a fronte dell’attuale capacità di 28.000 abitanti equivalenti, con gli investimenti in corso l’impianto sarà in grado di trattare i reflui prodotti da 34.000 abitanti equivalenti.

Pur ricadendo in un’area classificata come “non sensibile”, l’impianto potrà assicurare valori di emissioni molto più bassi di azoto, fosforo e solidi sospesi, non superiori ai limiti previsti per le aree cosiddette “sensibili”. Inoltre, per ottenere un funzionamento ottimale saranno installati un sistema di “deodorizzazione” e un sistema di trattamento che utilizza diffusori di ossigeno sommersi, in grado di evitare i fastidi dovuti alla diffusione di aerosol tipici delle turbine superficiali.

L’intervento comporta anche la sostituzione dell’impiantistica elettro-meccanica con l’introduzione di sistemi di nuova generazione, molto più efficienti dal punto sul piano ambientale e in termini di risparmio energetico.

«Quello di Pantano è il primo di tre bandi di gara che consentiranno alla città di Matera di fare affidamento su opere di collettamento e depurazione che non impattino sull’ecosistema della Gravina e dei Sassi e che, in tempi brevi, superino le attuali criticità – ha dichiarato Giandomenico Marchese, amministratore unico di Acquedotto Lucano –. Infatti, il servizio di depurazione è assicurato anche dagli impianti di località Sarra e Lamione, e da quelli dei borghi Venusio e La martella. I premi tre rientrano nei finanziamenti del Piano Sud, per un importo complessivo di ben 10 milioni di euro».


Leggi anche

L’assemblea dei soci del gestore idrico sardo ha approvato il bilancio relativo allo scorso anno, che segna un ulteriore passo nel processo di consolidamento della società. Insieme al fatturato, crescono i ricavi, su del 7,4%, che superano quota 270 milioni, e il margine operativo di esercizio, positivo per 86 milioni. Scendono invece i costi di esercizio, rispetto ai livelli del 2002, e i reclami …

Leggi tutto…

È la ricetta emersa dal convegno organizzato a Matera da Utilitalia e Acquedotto lucano per garantire l’approvvigionamento idrico sicuro nel Mezzogiorno, dove le criticità legate ai cambiamenti climatici vanno a sommarsi agli storici ritardi infrastrutturali. Aspetti sui quali i gestori si stanno muovendo, con gli investimenti annui pro-capite saliti a 65 euro per abitante, a fronte dei 55 euro del Centro-Nord, e una spesa di 2 euro per abitante in tecnologie digitali…

Leggi tutto…

Proseguono le iniziative dell’innovativa piattaforma di ricerca per la gestione del sistema idrico integrato. Gruppo CAP riunisce tutti i più importanti attori dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo del settore per pianificare i prossimi passi. Networking e approccio multidisciplinare per 8 aziende nel settore, 1 istituto di ricerca, 2 università lombarde. Living lab per la sperimentazione, gli impianti di depurazione di San Giuliano Est, San Giuliano Ovest e di Bresso Niguarda….

Leggi tutto…

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

La nuova proposta di alta formazione dell’Università di Udine, in partenza per l’a.a. 2019/2020…

Leggi tutto…