Acquedotto Lucano potenzia la rete idrica di Tito

Pronto il progetto esecutivo per il potenziamento della rete idrica a Tito, in provincia di Potenza. Si tratta di un grande intervento che Acquedotto Lucano ha messo a punto per fornire un sistema di infrastrutture in grado di assicurare un efficiente approvvigionamento idrico a una zona che negli ultimi anni è stata interessata da un significativo sviluppo, tanto degli insediamenti produttivi quanto di quelli residenziali. I lavori interessano infatti la frazione di Santa Loja e la loro parte principale consiste nella posa di 8 chilometri di nuove condotte idriche, alla quale si aggiunge l’adeguamento di serbatoi e il collegamento di un tronco di fognatura, quello proveniente da Tito Scalo, con quello a servizio della zona industriale.

Le opere verranno realizzate con un investimento di 3,5 milioni di euro, provenienti dal programma operativo Fondo per lo sviluppo di coesione (Fsc) 2014-2020.

«Il potenziamento degli schemi idrici e fognari dell’area di Santa Loja risponde ad una necessità inderogabile per le aziende della zona e per i cittadini – ha commentato il sindaco di Tito, Graziano Scavone, manifestando piena soddisfazione per l’intervento -. L’auspicio è che tutte le procedure che porteranno alla concreta realizzazione delle opere percorrano un iter rapido. Il Comune di Tito, come ha sempre fatto, continuerà a fare la sua parte e a prestare la piena collaborazione istituzionale per i provvedimenti di propria competenza».


Leggi anche

Nell’ultima riunione, il Consiglio locale ATERSIR della provincia di Forlì-Cesena ha approvato il programma di interventi da finanziare con la tariffa del servizio idrico per il quadriennio 2020-23. Il piano prevede investimenti per 64,8 milioni di euro, il 7% in più del precedente, dei quali 29 milioni destinati alla manutenzione e alla sostituzione delle condotte obsolescenti…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione della società, che gestisce il ciclo idrico in 86 comuni della provincia di Frosinone, ha eletto Cocozza e Pierluigi Palmigiani, rispettivamente, nei ruoli di amministratore delegato e presidente, cariche ricoperte entrambe dal dimissionario Stefano Magini. Ai nuovi vertici il compito di portare avanti il grande piano di ammodernamento delle infrastrutture, indispensabile per superare le tante criticità delle reti dei comuni della Ciociaria …

Leggi tutto…

Un collettore fognario che collegherà il quartiere che sorge nella zona ovest della città all’impianto di depurazione. È quanto prevede il progetto messo a punto dal gestore idrico, che prenderà il via l’estate del prossimo anno per concludersi in quella successiva. I lavori, per un valore di 2,8 milioni di euro, vedranno la posa di circa 3 chilometri di condotte e di due stazioni di sollevamento…

Leggi tutto…

La gara riguarda il completamento per il secondo lotto dell’importante infrastruttura che permetterà di raccogliere e convogliare le acque bianche e nere tra la zona di via Leonardo Da Vinci fino al depuratore di Acqua dei Corsari, raccogliendo i reflui di diversi quartieri. L’importo a base gara è di quasi 27 milioni di euro e il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 15 gennaio 2020…

Leggi tutto…

Iniziati i lavori per la posa di 10 chilometri di condotte che consentiranno di far confluire i reflui dell’Oltreserchio al depuratore di Pontetetto. Una mega opera, del valore di oltre 10 milioni di euro, che prevede anche la realizzazione di quattro stazioni di sollevamento, il rifacimento di parte delle reti esistenti e diversi attraversamenti di linee ferroviarie, autostradali e di canali, che sarà conclusa entro il marzo del 2021…

Leggi tutto…