Acquedotto Lucano potenzia un altro depuratore a Matera

Dopo l’adeguamento dell’impianto di Pantano, è ora il turno di quello Sarra. Proseguono gli interventi di Acquedotto Lucano per ammodernare e potenziare il sistema depurativo di Matera. Il nuovo intervento riguarda il secondo impianto a servizio della città, quello che sorge in località Sarra, che sarà adeguato con un investimento di 2,5 milioni di euro. Ad eseguire i lavori una cordata di imprese che si è aggiudicata la gara e costituita da Rti Cisaf, Istal Nuova, Nuova Seir.

Lavori che rientrano nell’Accordo di Programma Quadro Potenziamento dei sistemi di raccolta e trattamento delle acque reflue urbane relativi ad agglomerati soggetti a procedure di infrazione comunitaria in maniera ambientale.
 

Un nuovo sistema a ossidazione biologica

L’impianto, di recente già oggetto di un importante intervento migliorativo da parte del gestore, sarà ora dotato di un innovativo impianto a ossidazione biologica. Inoltre, verrà adeguata sia la linea acque sia di quella fanghi, per consentire un idoneo trattamento dei reflui portando la capacità depurativa a 27.500 abitanti.

Il depuratore sarà così in grado di soddisfare i limiti allo scarico previsti dalle normative ambientali, tenendo conto anche dell’aumento delle portate determinato da futuri sviluppi urbanistici della città. I lavori, inoltre, avranno cura della salvaguardia del contesto ambientale in cui è inserito l’impianto, come il contenimento – mediante l’utilizzo delle migliori tecnologie disponibili – di:

  • aerosol
  • rumore
  • odori 
     
Ammodernamento di tutte le sezioni di trattamento

Ma il programma di interventi non finisce qui. Il progetto prevede l’ammodernamento anche delle sezioni di trattamento dell’impianto attuale, come la ristrutturazione dei manufatti edili e la sostituzione del piping interno. A queste si aggiungono:

  1. la sostituzione, con modelli di nuova generazione, delle apparecchiature elettromeccaniche
  2. l’adeguamento degli impianti elettrici
  3. la realizzazione di un sistema di supervisione e controllo del processo

Nel ciclo di trattamento dei fanghi verranno poi potenziate le sezioni di stabilizzazione e ispessimento e adeguate le opere elettromeccaniche adibite alla disidratazione. Completano il piano di opere la realizzazione di una doppia linea di filtrazione, l’installazione di gruppo elettrogeno e la sistemazione delle aree esterne.

 


Leggi anche

Conclusa con successo la nuova emissione obbligazionaria che andrà a sostenere il piano di investimenti da 350 milioni di euro nei prossimi quattro anni di sei società consorziate. Le risorse, in particolare, andranno a interventi di miglioramento di reti fognarie e impianti di depurazione. Ad aderire all’operazione Banca Europea per gli Investimenti, Cassa Depositi e Prestiti e Kommunalkredit Austria…

Leggi tutto…

La costruzione e l’entrata in funzione dell’impianto hanno permesso ai comuni di Gavardo, Villanuova sul Clisi e Vallio Terme, in provincia di Brescia, di uscire dall’infrazione comunitaria. Insieme al depuratore, che ha consentito la dismissione di due impianti ormai obsoleti e sottodimensionati, il gestore ha realizzato anche nuovi collettori fognari per il trasporto dei reflui a trattamento dell’estensione dotale di 4 km. L’investimento per le opere è stato di 17,2 milioni …

Leggi tutto…

Al via a marzo i lavori, della durata di quattro anni, per la costruzione del nuovo grande collettore fognario, che convoglierà reflui e acque meteoriche al depuratore di Castiglione Torinese. Una mega opera, fondamentale per la città e 20 comuni metropolitani, che sarà composta da condotte di 3,2 metri di diametro e si estenderà per 14 chilometri. Per la sua costruzione è stato previsto un investimento di 140 milioni di euro…

Leggi tutto…

Partirà a breve il primo stralcio dei lavori per la costruzione del nuovo impianto che servirà i comuni di Follina, Cison di Valmarino e Miane, in provincia di Treviso. Il depuratore avrà inizialmente una capacità di trattamento pari a 2500 abitanti equivalenti, che sarà portata poi a 5000 e infine a 7500. Il costo complessivo dell’opera è di 2,1 milioni di euro …

Leggi tutto…

I lavori di ammodernamento e potenziamento hanno riguardato l’intero impianto, la cui capacità di trattamento è stata portata a 116.000 abitanti equivalenti e dotato di tecnologie all’avanguardia. Cuore dell’intervento il rifacimento del trattamento biologico. Un’opera del valore di 25 milioni di euro che pone fine alla procedura comunitaria in atto dal 2009

Leggi tutto…