Acquedotto Lucano: un bando da 65 milioni per i rifiuti della depurazione

Prosegue l’impegno di Acquedotto Lucano nel garantire una sempre più efficace ed efficiente depurazione delle acque reflue urbane. La stratega del gestore del ciclo idrico in Basilicata su questo punto, basata su importanti investimenti per il rinnovo e potenziamento degli impianti, sta portando i suoi frutti, come mostrano le 5 bandiere blu di recente assegnate ad altrettante località balneari della regione. Strategia che ora compie un ulteriore passo in avanti con la pubblicazione della gara per l’affidamento del servizio di conduzione, manutenzione, raccolta, trasporto e conferimento rifiuti degli impianti di depurazione.

La gara, pubblicata sul bollettino ufficiale numero 16 di Regione Basilicata da parte della Stazione unica appaltante (Suarb), riguarda 173 depuratori, per un importo complessivo di 65.338.242 euro.

«Questo appalto contiene i presupposti per il raggiungimento di standard di sempre maggiore qualità ed efficienza del servizio – ha commentato l’amministratore unico della società Giandomenico Marchese –. Si tratta di un passaggio fondamentale che, insieme ai molteplici interventi previsti dall’Accordo di Programma Quadro in materia di collettamento e depurazione per la risoluzione della procedura di infrazione comunitaria, consentirà nei prossimi anni di superare definitivamente le criticità ereditate in materia di depurazione nell’intero territorio regionale».

L’ambito di gestione degli impianti è stato suddiviso in dieci lotti per ottimizzare il servizio e semplificare la logistica aziendale. Ogni lotto accorpa impianti geograficamente vicini, in modo da garantire anche importi omogenei. L’appalto messo a gara ha una durata di 5 anni, mentre il termine per la presentazione delle offerte è stato fissato al prossimo 10 giugno.


Leggi anche

Sono 11 gli interventi previsti dal bando per un importo di 4,3 milioni. L’obiettivo: porre fine a diversi problemi legati sia all’inadeguatezza della rete di distribuzione, in alcuni casi sottodimensionata rispetto alle esigenze del territorio, sia alla sua totale mancanza in alcune aree rurali. Il termine per la presentazione delle offerte è fissato al prossimo 9 settembre…

Leggi tutto…

Il Comune beneventano ha avviato la procedura aperta per l’aggiudicazione dei lavori di adeguamento di un tratto di collettore fognario, degli allacci degli scarichi delle utenze e per la costruzione di un impianto di depurazione in contrada Curso. Il bando, formulato secondo l’offerta economicamente più vantaggiosa, ha un valore di 2,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

Approvato dall’Assembla dei Soci CORE, si passa alla fase di progettazione e successivamente all’iter del Provvedimento Autorizzativo. Martedì 2 aprile, presso lo Spazio Arte di Sesto, l’incontro per presentare il documento di risposta ai quesiti nati dal confronto con gli stakeholder, con l’annuncio dei progetti presi in carico. …

Leggi tutto…

Il comune, capofila per l’intero Atem del suo territorio, sta predisponendo la documentazione per la gara di affido del servizio, con l’obiettivo di bandirla prima dell’estate. Coinvolti nell’operazione, che ha complessivamente un valore di circa 300 milioni di euro, anche i comuni di Muggia, Duino Aurisina, San Dorligo, Sgonico, Monrupino…

Leggi tutto…

Azienda gardesana servizi ha pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea il bando per la progettazione definitiva del collettore per la sponda veronese. La base d’appalto è di oltre 900.000 euro, e l’aggiudicatario avrà 6 mesi per sviluppare il progetto, con l’obiettivo di avviare i lavori per il prossimo anno. A breve anche il bando di Garda Uno per i lavori sulla sponda bresciana…

Leggi tutto…