Acquedotto Pugliese: 6,2 milioni per le nuove fognature nel Salento

Saranno completati entro giugno i lavori di Acquedotto Pugliese per la realizzazione della rete fognaria a servizio delle marine di Taviano e Racale, in provincia di Lecce. Opere che saranno operative per l’avvio della stagione balneare e che prevedono la realizzazione di circa 16 chilometri di rete fognaria, 9 di collettori fognari e 5 di connessione ai 5 impianti di sollevamento per convogliare i reflui urbani delle marine presso il depuratore consortile di Taviano. Lavori che saranno portate avanti con un investimento di 6,2 milioni di euro, finanziato da Regione Puglia con fondi CIPE.

«Il Salento è un territorio a forte vocazione turistica e il completamento di questa importante opera contribuirà a dare valore aggiunto a questa terra – ha commentato il Presidente di Acquedotto Pugliese, Simeone di Cagno Abbrescia -. Siamo impegnati in un organico piano di investimenti per garantire il servizio idrico integrato a tutte le comunità. Siamo fortemente motivati a migliorare ulteriormente le performance aziendali, nella consapevolezza del ruolo che svolge a beneficio della collettività».

Particolarmente complesso è stato l’intervento relativo all’impianto di sollevamento di Mancaversa dei Cavalli, a Taviano. Qui i lavori sono stati realizzati completamente sotto il livello della falda. Per la particolare ubicazione e le caratteristiche geologiche, sono state impiegate tecnologie innovative e realizzate opere di sostegno ad hoc. La soluzione adottata, efficace e flessibile, è stata messa a punto per ridurre al minimo gli impatti in fase di scavo, limitare le quantità di acqua da aggottare e la restituzione in mare e annullare le possibili infiltrazioni di acqua di falda.

La struttura, realizzata in acciaio stagno e rivestita con pareti in calcestruzzo armato, fungerà da vasca di accumulo dei reflui che giungeranno da tutta la marina e sarà allocata nello scavo completamente sommerso. Per l’imponenza dell’opera, di grande complessità sono state le fasi di realizzazione, trasporto e affondamento della struttura. La stessa tecnologia, è stata precedentemente adottata nell’abitato di Porto Cesareo per la realizzazione di altri due impianti di sollevamento, realizzati completamente sotto il livello di falda.


Leggi anche

Il grande piano di interventi prevede la realizzazione dell’acquedotto, con la posa di 45 chilometri di condotte, delle reti fognarie, dell’estensione di 38 chilometri, e di due depuratori a servizio del comune bresciano e delle sue frazioni. I lavori, suddivisi in sei lotti, prenderanno il via a fine novembre e proseguiranno per 5 anni…

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

Inserito nel sistema del trattamento dei reflui a servizio della città di Brescia e di alcuni paesi della sua provincia, l’impianto, costruito con un investimento di 700.000 euro, è alimentato con biogas generato dal processo di depurazione. Produce energia elettrica e termica da utilizzare nello stesso processo, garantendo un risparmio sui consumi ed evitando l’emissione di 850 t di CO2 annue …

Leggi tutto…

Il gestore idrico delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia ha chiuso il contratto di finanziamento che porterà nelle sue casse le risorse necessarie per realizzare il Piano di interventi al 2022, che comprende lavori per 112 milioni sulle reti acquedottistiche e fognarie e sui depuratori. All’operazione, oltre alle 7 banche che si sono aggiudicate il bando, partecipano anche la Bei e Cassa depositi e prestiti…

Leggi tutto…

Un’opera imponente che prevede la realizzazione di oltre 600 km di fognature per raccogliere e convogliare al depuratore i reflui della cittadina Misterbianco e di altri 10 comuni del catanese. Fondamentale per porre fine alla procedura di infrazione europea, la progettazione dell’infrastruttura ha un costo di 4 milioni di euro, mentre la realizzazione della rete e l’adeguamento del depuratore richiederà un investimento complessivo di 200 milioni …

Leggi tutto…