Acquedotto pugliese avvia la gara per il potenziamento del depuratore di Monte Sant’Angelo


È stata avviata la gara per il potenziamento del depuratore di Monte Sant’Angelo, in provincia di Foggia. Un intervento che si inserisce nel più vasto piano di ammodernamento della depurazione nel territorio dauno che Acquedotto pugliese sta portando avanti da diverso tempo. L’azienda ha infatti investito oltre 17 mln di euro negli ultimi tre anni, mentre sono previsti investimenti per altri 33,7 mln di euro al 2021 a beneficio del comparto depurativo di tutta la provincia di Foggia. Fondi dei quali 7,8 milioni destinati a interventi di manutenzione straordinaria e circa 20 milioni al potenziamento e adeguamento degli impianti, con 5,9 milioni dedicati alla realizzazione di coperture per il trattamento aria. Interventi che riguarderanno gli impianti a servizio di Ascoli Satriano, Carlantino, Faeto, Cagnano Varano, Mattinata, San Severo, Volturino e Zapponeta. Tornando al depuratore di Monte Sant’Angelo, i lavori consentiranno di migliorare la potenzialità dell’impianto, portandola a 9.730 abitanti equivalenti, garantendo un livello di trattamento dei reflui in linea con quanto previsto dalla normativa vigente più stringente. Pianificato da Regione Puglia, per un importo complessivo di oltre 2 milioni di euro, l’intervento rientra tra quelli previsti dal Cipe, nell’ambito del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) – Interventi di rilievo nazionale ed interregionale e di rilevanza strategica regionale per l’attuazione del Piano Nazionale per il Sud e, in particolare, interventi nel Settore idrico.


Leggi anche

Azienda gardesana servizi ha pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea il bando per la progettazione definitiva del collettore per la sponda veronese. La base d’appalto è di oltre 900.000 euro, e l’aggiudicatario avrà 6 mesi per sviluppare il progetto, con l’obiettivo di avviare i lavori per il prossimo anno. A breve anche il bando di Garda Uno per i lavori sulla sponda bresciana…

Leggi tutto…

Promosso da Utilitalia, l’accordo è stato sottoscritto da 12 aziende di Molise, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna, per creare uno spazio di confronto e programmazione comune, favorire lo scambio di buone pratiche e affrontare le problematiche emergenti. Verranno creati gruppi di lavoro su diversi temi, dallo sviluppo delle infrastrutture all’accesso ai fondi Ue, dalla gestione del personale all’efficientamento di reti e impianti…

Leggi tutto…

Firmata la determina per la gara per la progettazione dei lavori che consentiranno di completare l’infrastruttura che garantirà l’approvvigionamento di tutto l’oristanese. L’opera prevede la posa di 45 km di condotte, per un investimento di 12 milioni di euro, suddivisa in due lotti: uno per la condotta di alimentazione delle zona costiera del Sinis, l’altro il potenziamento del ramo sud …

Leggi tutto…

È fissato al prossimo 19 gennaio il termine per la presentazione delle domande per gli interventi di adeguamento dell’impianto di località Pantano. L’importo complessivo del bando è di oltre 4,8 milioni di euro, e prevede una serie di lavori che riguarderanno sia la linea acque sia la linea fanghi, portando la capacità di trattamento a 34.000 abitanti equivalenti…

Leggi tutto…

Il fondo inglese, specializzato in investimenti infrastrutturali in Europa e Nord America, con un portafoglio di oltre 2,5 miliardi di euro, ha acquisito le quote di minoranza di TlrNet e Reti Metano Territorio, due società del gruppo piemontese attive, rispettivamente, nel teleriscaldamento e nella distribuzione gas. La partnership permetterà ad Egea di portare avanti importanti progetti in entrambi i settori…

Leggi tutto…