Acquedotto pugliese avvia la gara per il potenziamento del depuratore di Monte Sant’Angelo


È stata avviata la gara per il potenziamento del depuratore di Monte Sant’Angelo, in provincia di Foggia. Un intervento che si inserisce nel più vasto piano di ammodernamento della depurazione nel territorio dauno che Acquedotto pugliese sta portando avanti da diverso tempo. L’azienda ha infatti investito oltre 17 mln di euro negli ultimi tre anni, mentre sono previsti investimenti per altri 33,7 mln di euro al 2021 a beneficio del comparto depurativo di tutta la provincia di Foggia. Fondi dei quali 7,8 milioni destinati a interventi di manutenzione straordinaria e circa 20 milioni al potenziamento e adeguamento degli impianti, con 5,9 milioni dedicati alla realizzazione di coperture per il trattamento aria. Interventi che riguarderanno gli impianti a servizio di Ascoli Satriano, Carlantino, Faeto, Cagnano Varano, Mattinata, San Severo, Volturino e Zapponeta. Tornando al depuratore di Monte Sant’Angelo, i lavori consentiranno di migliorare la potenzialità dell’impianto, portandola a 9.730 abitanti equivalenti, garantendo un livello di trattamento dei reflui in linea con quanto previsto dalla normativa vigente più stringente. Pianificato da Regione Puglia, per un importo complessivo di oltre 2 milioni di euro, l’intervento rientra tra quelli previsti dal Cipe, nell’ambito del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) – Interventi di rilievo nazionale ed interregionale e di rilevanza strategica regionale per l’attuazione del Piano Nazionale per il Sud e, in particolare, interventi nel Settore idrico.


Leggi anche

Una moderna arca che fluttua sull’acqua, concepita secondo i più moderni sistemi di sostenibilità e risparmio energetico: sarà così il nuovo headquarter di Gruppo CAP. Un progetto che valorizza la natura pubblica e di servizio dell’azienda a favore della collettività. Tema d’ispirazione: l’acqua e l’interconnessione delle sue reti che danno forma a un edificio senza delimitazioni con l’affaccio su una piazza, pensato per essere un nuovo luogo pubblico aperto ai cittadini e al territorio, con l’ambizione di cambiare volto al quartiere, valorizzandolo. …

Leggi tutto…

Il piano, approvato dal comune, prevede la realizzazione di un nuovo collettore fognario, dove confluiranno tutti i reflui, e di due collettori a servizio delle aree periferiche della cittadina del bresciano. I lavori prenderanno il via il prossimo gennaio, appena terminate le pratiche per l’assegnazione delle opere, per concludersi entro la fine dello stesso anno…

Leggi tutto…

È la spesa prevista dal progetto sviluppato dall’Università Politecnica delle Marche, il più flessibile ed economico tra quelli proposti. Prevede la realizzazione di una serie di vasche di raccolta delle acque piovane lungo la costa tra le due città e di un nuovo collettore che incanalerà i reflui al depuratore. Il problema è reperire i fondi, per i quali occorre l’ok degli altri comuni della provincia …

Leggi tutto…

Il ritardo dovuto al ricorso presentato al Tar da Eurogasmet per vizi procedurali nella gara di affido del servizio. Al bando, che riguarda l’intero ambito di Belluno, hanno preso parte quattro società: oltre alla ricorrente, Italgas, 2iRete Gas e Ascopiave. Chi si aggiudicherà la concessione dovrà pagare 60 milioni di euro a Bim Infrastrutture, l’attuale gestore…

Leggi tutto…

La società, costituita da Asp, Iren Energia e Asta (gruppo Gavio), ha chiesto al Tar del Piemonte di annullare la lettera con la quale la nuova amministrazione comunale si dice non interessata alla realizzazione dell’opera. Questa prevede la costruzione di una centrale di trigenerazione e di una rete di distribuzione di 30 km a servizio di oltre 500 edifici per un investimento di 30 milioni…

Leggi tutto…