Acquedotto Pugliese avvia l’implementazione del SIT sulle infrastrutture fognarie

Acquedotto Pugliese ha compiuto un ulteriore passo in avanti verso la digitalizzazione della gestione delle infrastrutture. Il gestore idrico pugliese ha infatti avviato l’implementazione del SIT (Sistema Informativo Territoriale) su infrastruttura GIS (Geographical Information System) su reti e impianti fognari.

Una soluzione più smart

Sulla piattaforma verrà caricata l’intera base informativa dell’azienda. Saranno inoltre implementate interfacce 3D e l’impiego di soluzioni tecnologiche innovative laser scanner 3D integrate. Una soluzione che renderà più smart la gestione delle infrastrutture, ottimizzando le attività di manutenzione.

Cosa prevede il piano di lavoro

Nello specifico, sulla rete fognaria, il piano di lavoro prevede il rilievo topografico di tronchi e pozzetti con l’ausilio di strumentazione di nuova generazione, quali il GNSS (Sistema satellitare globale di navigazione) o la geo-radiolocalizzazione e navigazione terrestre.

A questo si aggiunge il rilievo della rete fognaria e dell’intera viabilità sotto la quale ricade la rete fognaria con l’ausilio di tecnologia MMS (Mobile Mapping System) o di un auto ad alto rendimento con laser scanner 3D, fotocamera orbitale e strumentazione GNSS. Infine, il rilievo delle condotte con strumentazione georadar. Tutto questo concorrerà alla formazione di un Geo-database per la classificazione, l’analisi e il tracciamento di tutti gli elementi.

È previsto anche il rilievo di tutti gli impianti, quindi delle componenti, stazioni, fabbricati e condotte prementi con l’ausilio di laser scanner 3D, fotocamera 360°, ricevitore GPS e georadar. Anche in questo caso tutto confluirà nel Geo-database.

Sebastiano Lopez, direttore di Information technology di Acquedotto Pugliese

«L’implementazione della piattaforma SIT rappresenta un progetto innovativo di digital transformation dei processi aziendali legati all’informazione geografica. Siamo contenti di avviare questo processo con la collaborazione di realtà aziendali pugliesi specializzate nei servizi di informazione territoriale in collaborazione con multinazionali del settore GIS».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Gruppo CAP estende il proprio WebGIS: dopo Brianzacque, anche Uniacque, Lario Reti Holding e SAL in un’unica piattaforma. Un caso concreto di sharing economy per garantire insieme la qualità del servizio idrico….

Leggi tutto…

Questo progetto verrà presentato da Stefano Tani, Responsabile servizio idrico e Servizi Divisione del SII MM durante il Convegno del 17-18 Maggio…

Leggi tutto…

L’azienda si avvarrà del satellite giapponese Alos 2 per monitorare lo stato delle sue infrastrutture. Questo orbita a 650 chilometri di distanza dalla Terra, ma attraverso un segnale radio elettromagnetico può vedere fino a 12 metri di profondità sotto il livello del suolo, rilevando l’eventuale presenza di perdite d’acqua. Le rilevazioni saranno integrate con il sistema di geolocalizzazione del gestore per consentire un immediato e puntuale intervento…

Leggi tutto…

Presso il Polo tecnologico di telecontrollo a Forlì, la multiutility ha presentato un sistema innovativo in grado di fornire in tempo reale previsioni sullo stato futuro di funzionamento della rete, consentendo di prevenire con cura e precisione eventuali criticità e ottimizzarne il funzionamento. Si tratta di Smart Water Modelling, un’applicazione in grado di limitare al massimo disagi e sprechi…

Leggi tutto…

CMC Labs, CETMA e Politecnico di Bari si sono aggiudicati l’appalto pre-commerciale della Regione Puglia, con il progetto Wisewater, un sistema wireless per il rilevamento delle perdite idriche ed il monitoraggio delle condotte, in risposta a un grave problema che interessa i servizi idrici: la notevole differenza tra la quantità di acqua immessa nel sistema di distribuzione e la quantità di acqua effettivamente fatturata ai consumatori…

Leggi tutto…