Acquedotto Pugliese conclude il rinnovo del depuratore di Porto Cesareo

Acquedotto Pugliese ha concluso i lavori di adeguamento dell’impianto di depurazione di Porto Cesareo, località turistica in provincia di Lecce. Le opere, per un importo di 6,5 milioni di euro, hanno consentito l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui per rispondere alle esigenze del territorio servito, che conta circa 6200 residenti, ma che durante la stagione estiva vede la sua popolazione crescere esponenzialmente.

Un’opera dalla genesi travagliata, considerando che i lavori erano stati appaltati nel lontano 1995, che l’impianto non è mai entrato in esercizio e, anzi, negli anni ha subito diversi atti di vandalismo. La svolta è arrivata due anni fa, quando il gestore idrico, insieme a Regione Puglia, ha ripreso in mano la situazione, provvedendo alla ricostruzione del sito.

Nell’ambito del progetto è stata anche realizzata una serie di interventi di adeguamento della rete fognaria e la costruzione del collettore a servizio dell’abitato di Porto Cesareo, mentre a breve verrà completato anche il rinnovo di una porzione di fognatura a servizio del centro storico.

«Con questo intervento abbiamo conseguito un altro traguardo – ha commentato Nicola De Sanctis, amministratore delegato di Acquedotto Pugliese. Il nostro parco impiantistico è tra i più grandi ed evoluti di Italia e con il depuratore di Porto Cesareo il numero degli impianti gestiti sale a 184. Nel biennio 2017-2018 abbiamo investito nel comparto depurativo ben 113 milioni di euro e fino al 2024 prevediamo azioni per 365 milioni di euro. Interventi di gran rilievo che esprimono l’impegno dell’azienda a tutela dell’ambiente e dell’ecosistema».


Leggi anche

Caprari Desert Energy

Caprari lancia la nuova serie Caprari Desert+Energy, le nuove elettropompe sommerse 4” e 6” per piccoli e medi pozzi, progettate per garantire elevate prestazioni a lunga durata in condizioni di utilizzo estremamente gravose…

Leggi tutto…

Progetto PFAS acquevenete cartografia

Avviate le verifiche per il rilevamento di eventuali residui bellici, propedeutiche agli scavi per la realizzazione del nuovo sistema acquedottistico che porterà acqua di qualità e priva di contaminanti perfluoroacrilici ai comuni di Montagnana e del basso vicentino. Una mega opera dal costo di oltre 25 milioni di euro, che vedrà la posa di 22 chilometri di condotte e di un grande serbatoio della capacità di 10.000 litri…

Leggi tutto…

sede AQP

Approvato dal consiglio di amministrazione della società il bilancio relativo allo scorso esercizio. L’anno si è chiuso con un valore della produzione salito a 563,5 milioni di euro e con un utile pari a 29,5 milioni, in crescita di 7 milioni sull’anno precedente. Saliti anche gli investimenti, pari a 160 milioni, con il settore depurazione che ha assorbito la quota maggiore…

Leggi tutto…

Lavori Acque Veronesi

La società riapre i cantieri ripartendo da due opere strategiche per il territorio. La prima riguarda gli interventi conclusivi per la messa in sicurezza idraulica della Veronetta, quartiere di Verona che sorge sulla sponda sinistra dell’Adige. La seconda la realizzazione della dorsale Belfiore-Lonigo, che approvvigionerà con acqua pura e di qualità i territori della provincia di Verona, Vicenza e Padova colpiti dall’emergenza Pfas…

Leggi tutto…

I lavori, avviati a metà marzo e conclusi un mese dopo, hanno interessato un tratto fuori terra della condotta del Mille che approvvigiona la città. L’intervento si è reso necessario perché la condotta, già molto deteriorata, ha subito un ulteriore danneggiamento in una sua curva, che metteva a rischio la continuità del servizio. I tecnici sono intervenuti realizzando dei pezzi speciali su misura che poi hanno applicato alla tubazione mettendola in sicurezza…

Leggi tutto…