Acquedotto Pugliese conclude il rinnovo del depuratore di Porto Cesareo

Acquedotto Pugliese ha concluso i lavori di adeguamento dell’impianto di depurazione di Porto Cesareo, località turistica in provincia di Lecce. Le opere, per un importo di 6,5 milioni di euro, hanno consentito l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui per rispondere alle esigenze del territorio servito, che conta circa 6200 residenti, ma che durante la stagione estiva vede la sua popolazione crescere esponenzialmente.

Un’opera dalla genesi travagliata, considerando che i lavori erano stati appaltati nel lontano 1995, che l’impianto non è mai entrato in esercizio e, anzi, negli anni ha subito diversi atti di vandalismo. La svolta è arrivata due anni fa, quando il gestore idrico, insieme a Regione Puglia, ha ripreso in mano la situazione, provvedendo alla ricostruzione del sito.

Nell’ambito del progetto è stata anche realizzata una serie di interventi di adeguamento della rete fognaria e la costruzione del collettore a servizio dell’abitato di Porto Cesareo, mentre a breve verrà completato anche il rinnovo di una porzione di fognatura a servizio del centro storico.

«Con questo intervento abbiamo conseguito un altro traguardo – ha commentato Nicola De Sanctis, amministratore delegato di Acquedotto Pugliese. Il nostro parco impiantistico è tra i più grandi ed evoluti di Italia e con il depuratore di Porto Cesareo il numero degli impianti gestiti sale a 184. Nel biennio 2017-2018 abbiamo investito nel comparto depurativo ben 113 milioni di euro e fino al 2024 prevediamo azioni per 365 milioni di euro. Interventi di gran rilievo che esprimono l’impegno dell’azienda a tutela dell’ambiente e dell’ecosistema».


Leggi anche

Con la realizzazione del terzo lotto dei lavori nell’area di Osmannoro, e l’eliminazione degli scarichi diretti nell’omonimo Fosso, tutti i reflui del comune fiorentino sono ora collettati al depuratore di San Colombano. L’ultimo intervento, appena concluso, è stato realizzato con un investimento di 3 milioni di euro e ha visto la posa di 6 chilometri di nuove condotte …

Leggi tutto…

Aggiudicato all’impresa cagliaritana InCo il maxi appalto per l’efficientamento delle reti di distribuzione a servizio dei comuni di Sorso, Sennori, Valledoria, Santa Maria Coghinas, Tergu e Viddalba. L’opera del valore di 3,6 milioni di euro prevede la sostituzione di oltre 15 chilometri delle vecchie condotte di distribuzione, ormai ammalorate, e il rifacimento degli allacci d’utenza…

Leggi tutto…

Entrate nell’ultima fase le opere per la sistemazione idraulica della rete fognaria dell’area nord della città. Progettati dal Comune e dal Consorzio 4 Basso Valdarno, i lavori, per una spesa di 2,4 milioni di euro, hanno come obiettivo di facilitare il deflusso del sistema fognario dei quartieri di Porta a Lucca e Gagno, evitando il ripetersi degli allagamenti in casi di piogge intense. Il secondo lotto, ora al via, prevede la posa di un nuovo collettore fognario di raccolta delle acque meteoriche …

Leggi tutto…

Siglato dal Comune di Roma, Regione Lazio e dalla multiutility capitolina il disciplinare che rinnova fino al 2031 ad Acea Ato 2 la concessione della gestione dell’infrastruttura, che garantisce l’approvvigionamento della Capitale. Un passaggio propedeutico alla realizzazione della seconda linea dell’acquedotto, indispensabile per mettere Roma e diversi comuni della regione al riparo dalle crisi idriche …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…