Acquedotto Pugliese: nuove gare per 27 milioni di euro

Prossimi a partire diversi nuovi mega appalti di Acquedotto Pugliese. Il Consiglio d’amministrazione del gestore idrico pugliese ha infatti deliberato l’avvio di procedure di gara per complessivi 27 milioni di euro.

Si tratta in totale di tre bandi, due dei quali destinati alla distrettualizzazione e alla manutenzione delle reti idriche della città di Bari e di alcuni comuni della sua provincia, mentre il terzo riguarda i lavori di potenziamento del depuratore a servizio di Taviano, in provincia di Lecce.

Più nel dettaglio, per quanto riguarda Bari, la prima gara, per un importo a base d’asta di circa 11 milioni di euro, interesserà i quartieri Murat, Libertà, Marconi, Madonnella e parte di Picone, Carrassi, San Pasquale e Japigia e i comuni di Valenzano e Castellana Grotte. I lavori, per una durata di poco più di due anni, prevedono la realizzazione di distretti territoriali, il controllo delle pressioni e il monitoraggio delle portate, per garantire una gestione più efficiente delle reti, e la sostituzione di circa 27 chilometri di condotte, delle quali circa 19 nel capoluogo.

La seconda gara approvata, per un importo a base d’asta di circa 10,2 milioni di euro, riguarderà le reti dei comuni di Palo del Colle, Ruvo di Puglia, Cassano delle Murge e Terlizzi. Anche in questo caso, le opere dureranno poco più di due anni e riguarderanno la distrettualizzazione e la sostituzione di circa 24 chilometri di condotte.

Il terzo bando interessa il comparto depurativo e, nello specifico, il potenziamento dell’impianto di depurazione a servizio dell’agglomerato di Taviano. L’importo a base d’asta è di 6,2 milioni di euro, mentre il programma dei lavori, da realizzare in un anno e mezzo, comprende interventi sulla linea acque e sulla linea fanghi, la ristrutturazione e il potenziamento dell’intera linea odorigena, anche attraverso l’installazione di nuovi impianti di abbattimento delle emissioni odorigene. A questo si aggiunge la realizzazione di una nuova vasca di equalizzazione coperta, l’adeguamento e il potenziamento delle due linee esistenti del trattamento biologico e la realizzazione di una terza linea, di un ulteriore impianto di sollevamento fanghi e di un nuovo trattamento emergenziale di disinfezione pronto a entrare in esercizio in caso di extraportate in ingresso al depuratore.

«L’ammodernamento di reti e impianti è una sfida che Acquedotto Pugliese ha raccolto diverso tempo fa – ha commentato l’amministratore delegato di Aqp, Nicola De Sanctis –. Investimenti adeguati sono stati previsti per realizzare un radicale ammodernamento della rete, la cui vetustà connessa ad altri fattori ambientali, sono le cause principali delle perdite. Elementi di innovazione si aggiungono sistematicamente agli obiettivi raggiunti nell’area della distribuzione dell’acqua e nel vasto settore della depurazione. Lo scorso anno abbiamo investito complessivamente 147 milioni di euro, dei quali 43 in opere finalizzate all’approvvigionamento idrico e all’adduzione primaria e 50 nel comparto depurativo».


Leggi anche

Il Tar della Lombardia ha annullato la gara aggiudicata a Unareti, società del gruppo A2A, per la concessione per 12 anni del servizio di distribuzione del gas a Milano e in sei comuni della sua provincia. Il Tribunale amministrativo regionale ha dunque accolto il ricorso di 2i Rete Gas, come aveva già accolto quello di A2A proprio contro 2i Rete gas: da rifare dunque la mega gara del valore di 1,3 miliardi di euro e la prima, tra le poche, che erano state assegnate …

Leggi tutto…

Dopo tanti rinvii, l’assemblea dei sindaci ha finalmente approvato la convenzione che dà il via all’iter per la gara per aggiudicare il servizio di distribuzione gas nell’Atem 146, che comprende 117 comuni irpini. Il nuovo concessionario sarà scelto con bando europeo, gestirà per 12 anni un’infrastruttura che si sviluppa in totale per 1541 km, del valore di circa 10 milioni di euro di fatturazione all’anno …

Leggi tutto…

La gara riguarda il completamento per il secondo lotto dell’importante infrastruttura che permetterà di raccogliere e convogliare le acque bianche e nere tra la zona di via Leonardo Da Vinci fino al depuratore di Acqua dei Corsari, raccogliendo i reflui di diversi quartieri. L’importo a base gara è di quasi 27 milioni di euro e il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 15 gennaio 2020…

Leggi tutto…

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il bando per il primo lotto dei lavori per completare la rete di raccolta dei reflui a servizio del comune del salernitano. L’intervento riguarda il centro cittadino e verrà assegnato con il criterio del minor prezzo partendo da una base di 2,5 milioni di euro. Fa parte di un piano più grande che comprende altri due lotti per un valore totale di 15 milioni di euro…

Leggi tutto…

Si è svolto presso il Comune di Cisano sul Neva l’incontro per fare il punto sul piano di metanizzazione che interessa anche i comuni di Zuccarello, Castelbianco e Nasino, tutti in provincia di Savona. Energie Rete Gas ha già ottenuto le autorizzazioni per la costruzione della dorsale e ora tocca ai comuni definire il progetto delle reti di distribuzione, mentre in un secondo momento sarà la provincia di Savona a bandire la gara per la gestione del servizio …

Leggi tutto…