Acquedotto Pugliese: nuovo depuratore a Casamassima

È entrato in funzione il nuovo depuratore a servizio dell’abitato di Casamassima, in provincia di Bari. Dotato di tecnologie all’avanguardia e di un avanzato sistema di sicurezza, l’impianto è formato da un articolato complesso di trincee drenanti per il rilascio delle acque di qualità, trattate per finalità ambientali e in prospettiva per usi agricoli. Acquedotto Pugliese ha realizzato il depuratore con un investimento di 3,7 milioni di euro.

Progettato per porre fine a una annosa criticità ambientale, si sostituisce all’impianto già esistente nello stesso comune, ma inadeguato e sottodimensionato rispetto alle esigenze del territorio servito.

Il nuovo depuratore è di tipo biologico e per il suo funzionamento è indispensabile l’attività di microrganismi unicellulari che hanno il compito di pulire le acque. L’impianto assicura processi preliminari e di equalizzazione delle acque ed è dotato di vasca nitro e denitro, vasche di sedimentazione, di filtrazione e disinfezione con metodologia a raggi UV e clorazione. Inoltre, il gestore idrico pugliese ha già previsto un suo ulteriore potenziamento. Con un nuovo investimento da 1,5 milioni di euro, l’impianto infatti sarà ampliato con altre trincee e le sue acque potranno essere destinate all’agricoltura.

«Siamo orgogliosi di poter garantire anche a Casamassima un servizio di depurazione di qualità e in linea con le esigenze dei cittadini – ha commentato il presidente di Acquedotto Pugliese, Simeone di Cagno Abbrescia. Il depuratore è un impianto tecnologico in grado di ripulire con metodi naturali le acque che vengono utilizzate nelle abitazioni, rendendole riutilizzabili per gli usi più svariati. È un presidio sociosanitario che tutela la salute pubblica e garantisce il benessere delle comunità servite».


Leggi anche

Delle risorse, parte delle quali provenienti dal ministero dell’Ambiente, che saranno investite in un arco di 5 anni, beneficeranno 105 comuni della regione per portare avanti interventi di efficientamento della rete di distribuzione, con particolare attenzione alla lotta alle perdite idriche, potenziamento delle fognature e realizzazione di depuratori …

Leggi tutto…

È quanto prevede il Piano degli investimenti per il periodo 2019-2024, che comprende interventi su tutti gli ambiti del ciclo idrico e che mira a potenziare e rendere più efficiente l’infrastruttura e a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. A sostenere lo sforzo economico del gestore idrico del Medio Valdarno un nuovo finanziamento da 40 milioni concesso dalla Bei…

Leggi tutto…

Nell’ultima riunione, il Consiglio locale ATERSIR della provincia di Forlì-Cesena ha approvato il programma di interventi da finanziare con la tariffa del servizio idrico per il quadriennio 2020-23. Il piano prevede investimenti per 64,8 milioni di euro, il 7% in più del precedente, dei quali 29 milioni destinati alla manutenzione e alla sostituzione delle condotte obsolescenti…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione della società, che gestisce il ciclo idrico in 86 comuni della provincia di Frosinone, ha eletto Cocozza e Pierluigi Palmigiani, rispettivamente, nei ruoli di amministratore delegato e presidente, cariche ricoperte entrambe dal dimissionario Stefano Magini. Ai nuovi vertici il compito di portare avanti il grande piano di ammodernamento delle infrastrutture, indispensabile per superare le tante criticità delle reti dei comuni della Ciociaria …

Leggi tutto…

Un collettore fognario che collegherà il quartiere che sorge nella zona ovest della città all’impianto di depurazione. È quanto prevede il progetto messo a punto dal gestore idrico, che prenderà il via l’estate del prossimo anno per concludersi in quella successiva. I lavori, per un valore di 2,8 milioni di euro, vedranno la posa di circa 3 chilometri di condotte e di due stazioni di sollevamento…

Leggi tutto…