Acquedotto Pugliese potenzia la produzione di biogas dai fanghi grazie al telecontrollo

Monitorare in tempo reale il processo di digestione anaerobica dei fanghi per incrementare la produzione di biogas. Punta a questo obiettivo la sperimentazione di un sofisticato sistema di telecontrollo che Acquedotto Pugliese sta portando avanti presso il depuratore di Monopoli, in provincia di Bari.

Le nuove frontiere del telecontrollo per la gestione del processo di digestione anaerobica dei fanghi di depurazione

L’innovativo sistema consente ai tecnici del gestore idrico pugliese di tenere sotto controllo e analizzare in tempo reale tutti i parametri del processo di digestione anaerobica dei fanghi di depurazione e intervenire, immediatamente e in maniera predittiva, sul processo stesso, per ottimizzare l’andamento del processo stesso. Il tutto, in più, anche tramite smartphone.

Diversi e notevoli i benefici che la soluzione permette di garantire: dalla riduzione del volume dei fanghi da smaltire all’incremento della quantità di biogas generata, a sua volta da trasformare in energia pulita, senza dimenticare l’abbattimento delle emissioni odorigene. In questo modo diventa possibile sfruttare al massimo il potenziale degli impianti e lo stesso trattamento dei reflui diventa un sistema efficiente di produzione di energia pulita a tutto vantaggio dell’ambiente e dei costi di gestione. 

I test confermano i vantaggi ambientali del progetto

Vantaggi confermati dal primo mese di test che Acquedotto Pugliese ha condotto presso il depuratore di Monopoli. Impianto, sottoposto di recente a una serie di interventi di ammodernamento e potenziamento, per una spesa di 7,5 milioni, che ha una capacità d trattamento pari a 70.000 abitanti equivalenti, con una portata di 10.000 mc/giorno di acque di depurazione.

Più in dettaglio, grazie alle ottimizzazioni apportate attraverso il monitoraggio continuo del processo è stato possibile trasformare 1,4 tonnellate al giorno di fanghi in biogas, con la produzione di 1.200 Nmc di gas green giornalieri che hanno garantito l’autosostentamento termico del processo di digestione anaerobica e la produzione di energia pulita per 1 MWh al giorno. Inoltre, la quantità di fanghi da smaltire si è ridotta di ben 5 tonnellate al giorno, con un risparmio per le casse della società di 1.000 euro al giorno. A tutto ciò va aggiunto, infine, una migliore stabilizzazione dei fanghi con conseguente riduzione anche delle emissioni odorigene.

Dopo la fase di test sull’impianto di Monopoli, la nuova piattaforma sarà adottata sull’impianto di depurazione di Bari Ovest, dove sono in via di conclusione opere di potenziamento per un valore di 30 milioni di euro, per poi essere impiegata su larga scala su tutti gli impianti gestiti dalla società.


Leggi anche

La più grande ricerca mai realizzata in Italia sul tema della sostenibilità, condotta dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, ha inserito la water utility lombarda tra le 200 società italiane più virtuose. Seconda solo dopo SNAM nella categoria “Reti Energia e Acqua”. 5 gli ambiti banco di prova: innovazione, tecnologia, sostenibilità ecologica, green economy, sostenibilità sociale. …

Leggi tutto…

Oltre 70 le realtà della distribuzione gas europee firmatarie di una lettera aperta alla Commissione Europea. Lettera nella quale si chiede di consentire la distribuzione nelle reti esistenti di miscele di idrogeno e gas naturale. Una soluzione fondamentale per accelerare la transizione energetica e per favorire lo sviluppo dell’offerta di idrogeno sul mercato….

Leggi tutto…

Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha spento il forno del termovalorizzatore. L’impianto, costruito negli anni ’80, verrà demolito per procedere alla realizzazione della Biopiattaforma, innovativo impianto green carbon neutral. I lavori inizieranno ad aprile. Presente alla cerimonia l’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo e Riccardo Pase, presidente Commissione Ambiente della Regione…

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano prosegue sulla strada dell’economia circolare aderendo al progetto NO.W! “NO Waste” e permettendo alle persone dell’azienda di acquistare a prezzo scontato prodotti buoni ma non più vendibili nei circuiti della grande distribuzione e provvedendo a trasformare in energia quelli ormai giunti a fine ciclo…

Leggi tutto…

Sarà completato nel 2022 l’impianto di biodigestione che consentirà ad Alia Servizi Ambientali, che gestisce i servizi di igiene ambientale nell’ATO Toscana Centro, di produrre biometano dalla frazione organica dei rifiuti. L’impianto, che sarà il più grande d’Italia con questa tecnologia, sarà realizzato con un investimento di 30 milioni e permetterà di ottenere 11 milioni di metri cubi di gas green all’anno, attraverso il trattamento di 160.000 tonnellate di rifiuti organici….

Leggi tutto…