Acquedotto Pugliese presenta Dumbo, il robot per la pulizia dei fanghi

Sempre più tecnologie a vantaggio dell’efficienza dei processi, del risparmio economico e, in definitiva, della qualità del servizio offerto agli utenti. È la strada imboccata in modo deciso da Acquedotto Pugliese che ha aggiunto un nuovo gioiello alla sua dotazione tecnologica. Si tratta di Dumbo, un robot che si occupa della rimozione dei fanghi di depurazione dalle vasche di accumulo.

Attualmente in funzione nell’impianto di depurazione di Lecce, tra le eccellenze del panorama nazionale, location tra l’altro prescelta anche per lo studio e i test di nuove tecnologie, come le centrifughe per la disidratazione dei fanghi, il robot dotato di cingoli, che ha una lunghezza di circa 2 metri e un peso che intorno ai 450 chili, può operare in spazi confinati, anche pericolosi per l’uomo, affrontando i più svariati ambienti di lavoro.

Il suo impiego negli impianti di depurazione consente di ottenere numerosi vantaggi sia in termini di tempo sia di qualità del lavoro. Dumbo è infatti capace, di muovere in poco tempo quantità di fanghi elevate, consentendo ai mezzi per lo smaltimento dei fanghi di operare a pieno regime. Il tutto sotto la supervisione di personale addetto alla manutenzione e adeguatamente formato, in grado di “dialogare” con la macchina e monitorarne il lavoro.

Rendere sempre più evoluta la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti è infatti uno degli obiettivi nel quale il gestore del servizio idrico pugliese sta investendo molto negli ultimi anni. L’azienda ha dedicato percorsi di alta formazione alle oltre 500 persone impegnate nella depurazione e proprio di recente ha presentato il Progetto Kometa per la formazione del personale per la manutenzione attraverso l’uso di tecnologie innovative e realtà virtuale e il progetto GIS per il rilievo degli impianti in modalità virtuale, grazie al quale ha ricevuto il riconoscimento del comitato scientifico della Conferenza Esri Italia 2019.


Leggi anche

Il gestore del servizio idrico di 52 comuni veneti lancia un ambizioso piano per ridurre le perdite idriche sulle sue infrastrutture del 3% all’anno. Piano che prevede l’impiego delle più avanzate tecnologie, quali il sistema di ricerca satellitare di Utilis, che ha sperimentato lo scorso anno su 5000 chilometri di condotte, e investimenti per 10 milioni all’anno per la riparazione delle tubazioni…

Leggi tutto…

C’è tempo fino al prossimo 10 giugno per presentare l’offerta per il bando di gara del gestore idrico della Basilicata per l’affidamento per un periodo di 5 anni del servizio di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti degli impianti di depurazione. Il bando riguarda 173 impianti ed è stato suddiviso in 10 lotti, ognuno dei quali accorpa depuratori geograficamente vicini …

Leggi tutto…

L’accordo, siglato con la maggiore utility energetica del mondo, a margine della visita del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al primo ministro cinese Li Keqiang, riguarda lo sviluppo di possibili iniziative congiunte nella distribuzione gas e lo scambio di competenze e conoscenze. Prevista anche la promozione in Cina delle aziende italiane più innovative nel settore …

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico in 55 comuni toscani ha approvato il bilancio 2018 che vede i ricavi saliti a 120 milioni e l’utile a oltre 13 milioni. Ancora più significativo il livello degli investimenti, pari a 63,8 euro per abitante, che la collocano a livello delle migliori realtà europee. Risorse impiegate per il rinnovo di reti e impianti, soprattutto nel comparto fognature e depurazione…

Leggi tutto…

Comunicato stampa – I cittadini di Cava Manara potranno presto beneficiare di un significativo miglioramento della qualità dell’acqua che arriva nelle loro case. E’ infatti imminente l’entrata in esercizio della nuova vasca di compenso realizzata a supporto dell’impianto di potabilizzazione comunale. …

Leggi tutto…