Acquedotto Pugliese sperimenta il riuso smart delle acque depurate in agricoltura


Acquedotto pugliese ha dato il via al progetto sperimentale per il riutilizzo intelligente delle acque reflue affinate in agricoltura. Eco_Loop, questo il nome del progetto, ha come obiettivo la ricerca e sperimentazione di un sistema innovativo che consenta una gestione smart delle acque affinate, in modo da adattarne la quantità e l’erogazione sulla base delle effettive esigenze del terreno e delle colture.
Finanziato da Regione Puglia con fondi Por Puglia Fesr-Fse 2014-2020 Fondo europeo sviluppo regionale azione 1.6 – Avviso Pubblico “Innonetwork”, con un investimento di 2 milioni di euro, il progetto prevede la realizzazione di un prototipo e di test applicati a un caso reale di una piattaforma elettronica e informatica, basata su sensori. Lo scopo finale è la messa a punto di uno strumento di supporto all’utilizzo delle acque reflue affinate per scopi irrigui con un duplice vantaggio: da un lato la salvaguardia delle falde acquifere, ovvero di risorse idriche pregiate, dall’altro il miglioramento della sostenibilità ambientale ed economica delle produzioni agricole.
L’area scelta per la sperimentazione è quella di Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari, circa 500 ettari di terreni, e le colture maggiormente interessate sono vigneti per uva da tavola, ma anche uliveti e frutteti. A questo scopo l’azienda ha effettuato e completato una serie di interventi all’impianto di depurazione cittadino e realizzato la rete di adduzione dell’acqua ai singoli agricoltori.


Leggi anche

Attraverso Iren Ambiente, il Gruppo ha rilevato San Germano, con sede a Pianezza e specializzata nella raccolta, trasporto rifiuti e igiene del suolo, e la sua controllata CMT, attiva nella raccolta, trattamento e smaltimento di carta, cartone e plastica, dal Gruppo Derichebourg. Due acquisizioni strategiche che rafforzano la presenza di Iren in due sue regioni di riferimento, Piemonte ed Emilia-Romagna, e ne estendono le attività alla Sardegna …

Leggi tutto…

A tanto ammonta il budget approvato dall’assemblea dei soci dell’azienda che gestisce il servizio idrico in 108 comuni veneti per nuove opere. 16 milioni sono destinati al territorio dell’ATO Bacchiglione e 13 a quello dell’ATO Polesine. Tra i principali interventi la realizzazione della rete Ponso-Montagnana, che permetterà di fornire ai comuni colpiti dalla problematica Pfaff acqua pedemontana di alta qualità…

Leggi tutto…

Il consiglio di amministrazione della società ha deliberato l’avvio delle procedure d’appalto per i lavori di potenziamento delle infrastrutture idriche a Marina di Gioiosa, splendida località marittima del comune di Gioiosa. I lavori, per una spesa complessiva di 12,6 milioni, prevedono la realizzazione di 17 chilometri di reti idriche e di 1,7 chilometri di reti fognarie…

Leggi tutto…

La società, che gestisce il servizio idrico in 77 comuni della provincia di Verona, ha concluso due contratti di finanziamento con le due realtà per un valore ciascuno di 30 milioni. Risorse che serviranno a sostenere il pianto di interventi programmati sul territorio, che prevedono al 2021 investimenti per oltre 150 milioni di euro….

Leggi tutto…

La società ha avviato le procedure di gara per gli interventi in programma nei comuni di Leverano e Veglie, in provincia di Lecce, per un valore complessivo di 13 milioni di euro. Nel primo comune il programma prevede la realizzazione di 3,5 km di nuove condotte idriche e 18 km di condotte fognarie, nel secondo di 7 km di reti idriche e di altrettante per la raccolta dei reflui…

Leggi tutto…