Acquedotto Pugliese sperimenta il riuso smart delle acque depurate in agricoltura


Acquedotto pugliese ha dato il via al progetto sperimentale per il riutilizzo intelligente delle acque reflue affinate in agricoltura. Eco_Loop, questo il nome del progetto, ha come obiettivo la ricerca e sperimentazione di un sistema innovativo che consenta una gestione smart delle acque affinate, in modo da adattarne la quantità e l’erogazione sulla base delle effettive esigenze del terreno e delle colture.
Finanziato da Regione Puglia con fondi Por Puglia Fesr-Fse 2014-2020 Fondo europeo sviluppo regionale azione 1.6 – Avviso Pubblico “Innonetwork”, con un investimento di 2 milioni di euro, il progetto prevede la realizzazione di un prototipo e di test applicati a un caso reale di una piattaforma elettronica e informatica, basata su sensori. Lo scopo finale è la messa a punto di uno strumento di supporto all’utilizzo delle acque reflue affinate per scopi irrigui con un duplice vantaggio: da un lato la salvaguardia delle falde acquifere, ovvero di risorse idriche pregiate, dall’altro il miglioramento della sostenibilità ambientale ed economica delle produzioni agricole.
L’area scelta per la sperimentazione è quella di Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari, circa 500 ettari di terreni, e le colture maggiormente interessate sono vigneti per uva da tavola, ma anche uliveti e frutteti. A questo scopo l’azienda ha effettuato e completato una serie di interventi all’impianto di depurazione cittadino e realizzato la rete di adduzione dell’acqua ai singoli agricoltori.


Leggi anche

Il progetto del gestore del servizio idrico in 69 comuni della provincia di Vicenza prevede la posa di 8,5 chilometri di condotte per realizzare una nuova linea alternativa a quella esistente e garantire la continuità di approvvigionamento a un territorio di 100.000 abitanti. I lavori, sostenuti da un investimento di 13 milioni di euro, saranno eseguiti tra il 2020 e il 2022, e accompagnati dall’adeguamento della rete fognaria …

Leggi tutto…

Il meeting organizzato da SMAT lo scorso 19 e 20 novembre con l’intento di sviluppare un’analisi sull’evoluzione normativa in materia di gestione del Servizio Idrico Integrato ha posto l’attenzione anche sui risultati raggiunti nel campo dell’innovazione tecnologica applicata al ciclo idrico integrato. A margine dell’evento SMAT ha inaugurato il nuovo dipartimento “Acque Reflue” del Centro Ricerche e una nuova sezione di abbattimento dell’azoto presso il Centro Risanamento Acque di Castiglione Torinese….

Leggi tutto…

L’Associazione Riaprire i Navigli, in quest’ultimo anno, si è dedicata ad analizzare le modalità di finanziamento del progetto e le ricadute socioeconomiche dell’investimento. Il 28 novembre presso l’Auditorium Claudio De Albertis – Assimpredil Ance verranno presentati i risultati della Ricerca Progetto Territoriale Fondazione Cariplo…

Leggi tutto…

Cinque i comuni coinvolti nel programma di lotta alle perdite idriche avviato dal gestore idrico sardo: Olbia, Tempio Pausania, Arzachena, La Maddalena e Santa Teresa. Comuni che contano nel complesso circa 300 km di rete con un livello di perdite che supera il 61% nei quali verrà implementato il cosiddetto modello Oliena, una buona pratica che, attraverso l’ingegnerizzazione della rete e la diagnosi dei malfunzionamenti, porta a interventi risolutivi mirati …

Leggi tutto…

Milano, 22 novembre 2018
Milano ha i numeri per diventare il Centro Europeo dei Canali storici.
Questo primo convegno lo dimostrerà con la rassegna dei Navigli, Canali e Rogge realizzati da Milano dopo il Mille e prima del Cinquecento considerati dagli storici il più antico patrimonio di canali d’Europa….

Leggi tutto…