Acquedotto Pugliese testa le centrifughe per la riduzione dei fanghi

Ridurre i fanghi di depurazione è uno degli obiettivi al quale punta Acquedotto Pugliese per ottimizzare la gestione del trattamento dei reflui. A questo scopo il gestore idrico pugliese sta testando alcune nuove tecnologie che saranno poi adottate per ammodernare l’intero parco macchine dei suoi impianti di depurazione.

Si tratta, nello specifico, di grandi centrifughe destinate alla disidratazione dei fanghi che l’azienda sta testando nell’impianto di depurazione di Lecce, tra le eccellenze del panorama nazionale. I test interessano le soluzioni proposte da vari produttori italiani ed europei e andranno avanti fino alla fine del mese di febbraio.  

L’integrazione di nuove tecnologie nel processo di lavorazione dei fanghi consentirà ad Acquedotto Pugliese di innovare i suoi impianti e di acquisire un’alta specializzazione nel settore della depurazione.

Senza dimenticare i vantaggi economici: il risparmio all’anno, calcolato in termini di minori spese per l’allontanamento dei fanghi dagli impianti di depurazione, sarà di circa 5 milioni di euro. Un risultato importante, considerando che il costo per lo smaltimento dei fanghi della depurazione, il cui volume è pari a 244.000 tonnellate l’anno, è tra le voci più significative del bilancio per l’azienda e, di conseguenza, della bolletta idrica a carico dei cittadini: ben 29 milioni di euro. Costi che Acquedotto Pugliese è impegnato a contenere, insieme a Regione Puglia, Autorità Idrica Pugliese e Agenzia regionale per i rifiuti, attraverso appunto una riduzione del loro volume e puntando sul riutilizzo in agricoltura, attraverso l’impiego di tecnologie innovative e a cicli lavorativi rispettosi dell’ambiente.


Leggi anche

Il CdA del gestore idrico della Puglia ha deliberato una nuova tornata di appalti per opere nel campo della depurazione e delle reti idriche e fognarie. Tra le più significative, l’ammodernamento dell’impianto di depurazione di Martina Franca, in provincia di Taranto, dove si parte da una base d’asta di 11 milioni di euro, e il completamento de sistema di raccolta dei reflui a Salve, nel Salento…

Leggi tutto…

Ammonta a 30 milioni di euro il piano di investimenti annunciato da EnGas, l’Ente di governo dell’ambito della Sardegna, per la riqualificazione e l’efficientamento delle reti idriche sarde. Il finanziamento arriva dal Fondo di sviluppo e coesione 2014 – 2020 e andrà a sostenere 14 interventi in tutta l’Isola da realizzare entro il 2022 …

Leggi tutto…

Il programma di investimenti del gestore idrico toscano nel comune in provincia di Lucca ha come principale obiettivo porre fine al problema dell’acqua torbida che esce dai rubinetti. I lavori prenderanno il via in primavera e prevedono la sostituzione di circa 4 chilometri di condotte. Contemporaneamente verrà ristrutturato un serbatoio …

Leggi tutto…

Selezionato tra i finalisti del premio Zero Power Water Monitoring della Commissione Europea, il progetto punta a realizzare una rete di nodi di monitoraggio IoT per il controllo in tempo reale della qualità dell’acqua. Suo cuore un innovativo microsensore che misura lo spessore di depositi, inorganici e organici, sulle pareti di vasche e condotte, alimentato da un’energy harvesting che estrae l’elettricità dal flusso d’acqua. …

Leggi tutto…

A tanto ammonta il piano di interventi deliberato Autorità Umbra per Rifiuti e Idrico (AURI) per individuare e riparare le perdite occulte di acqua e sostituire le condutture più vecchie e ammalorate. Un piano strategico che coinvolgerà tutti e 4 i sub ambiti della regione dal quale ci si attende un recupero idrico pari a 115 litri di acqua al secondo e un risparmio finanziario annuo di circa 500.000 euro…

Leggi tutto…