Acquedotto Pugliese testa le centrifughe per la riduzione dei fanghi

Ridurre i fanghi di depurazione è uno degli obiettivi al quale punta Acquedotto Pugliese per ottimizzare la gestione del trattamento dei reflui. A questo scopo il gestore idrico pugliese sta testando alcune nuove tecnologie che saranno poi adottate per ammodernare l’intero parco macchine dei suoi impianti di depurazione.

Si tratta, nello specifico, di grandi centrifughe destinate alla disidratazione dei fanghi che l’azienda sta testando nell’impianto di depurazione di Lecce, tra le eccellenze del panorama nazionale. I test interessano le soluzioni proposte da vari produttori italiani ed europei e andranno avanti fino alla fine del mese di febbraio.  

L’integrazione di nuove tecnologie nel processo di lavorazione dei fanghi consentirà ad Acquedotto Pugliese di innovare i suoi impianti e di acquisire un’alta specializzazione nel settore della depurazione.

Senza dimenticare i vantaggi economici: il risparmio all’anno, calcolato in termini di minori spese per l’allontanamento dei fanghi dagli impianti di depurazione, sarà di circa 5 milioni di euro. Un risultato importante, considerando che il costo per lo smaltimento dei fanghi della depurazione, il cui volume è pari a 244.000 tonnellate l’anno, è tra le voci più significative del bilancio per l’azienda e, di conseguenza, della bolletta idrica a carico dei cittadini: ben 29 milioni di euro. Costi che Acquedotto Pugliese è impegnato a contenere, insieme a Regione Puglia, Autorità Idrica Pugliese e Agenzia regionale per i rifiuti, attraverso appunto una riduzione del loro volume e puntando sul riutilizzo in agricoltura, attraverso l’impiego di tecnologie innovative e a cicli lavorativi rispettosi dell’ambiente.


Leggi anche

In occasione del convegno “L’industria che verrà. Sensibile, resiliente, capace di innovare. Come cambia il panorama industriale di fronte ai nuovi scenari economici, sociali, tecnologici e ambientali”, Gruppo CAP presenta un ambizioso piano che guarda al 2033, per far fronte alle sfide dei cambiamenti globali secondo tre aree di intervento per rispondere concretamente alle sfide di sostenibilità attuali e future….

Leggi tutto…

Il gestore idrico del Basso Valdarno ha presentato il piano definitivo di ammodernamento e potenziamento dell’impianto Schiavone, a servizio del comune fiorentino. I lavori mirano ad ammodernare e potenziare il depuratore, la cui capacità di trattamento sarà portata a 6000 ae, dagli attuali 3000, con un investimento di 2 milioni di euro. Contestualmente la società avvierà la riorganizzazione della rete fognaria con una spesa aggiuntiva di 3 milioni…

Leggi tutto…

La società, che gestisce le risorse idriche calabresi, ha completato i collegamenti idraulici che consentiranno di estendere la distribuzione dell’acqua di alta qualità custodita dall’invaso costruito sull’Aspromonte anche nel cuore della città dello Stretto. Ultimo tassello di un’opera che i reggini hanno atteso per 50 anni …

Leggi tutto…

Il comune della provincia di Cagliari, che ha un livello di perdite di rete del 50%, rientra tra i primi trenta interessati da progetto Reti intelligenti, che punta ad abbattere la dispersione dell’acqua distribuita attraverso l’ingegnerizzazione delle infrastrutture. La società ha già completato il monitoraggio della rete cittadina e ora si appresta a dividerla in distretti per procedere con l’analisi delle criticità rilevate e i conseguenti interventi …

Leggi tutto…

La multiutility capitolina ha aggiornato il piano 2018-2022: gli investimenti crescono di 900 milioni di euro rispetto al documento precedente salendo a 4 miliardi. Risorse che saranno destinate principalmente al miglioramento della qualità ed efficienza del servizio idrico, circa 250 milioni, al rafforzamento della resilienza delle reti elettriche (250 milioni) e alla crescita della generazione rinnovabile…

Leggi tutto…