Acquedotto Pugliese: un miliardo di investimenti al 2023

Quasi un miliardo di euro per garantire un servizio idrico sempre più efficiente e sostenibile e proseguire il percorso di crescita e sviluppo della società. È quanto prevede il nuovo piano degli investimenti 2020-2023 di Acquedotto Pugliese, appena approvato dal Consiglio di Amministrazione della società.

994,6 milioni di euro, questa la cifra esatta, per realizzare gli obiettivi definiti dall’ente d’ambito, ovvero l’Autorità Idrica Pugliese, ed elevare ulteriormente la qualità del ciclo idrico sull’intero territorio regionale.

Nello specifico, il piano ha previsto:

  • 150 milioni di investimenti per il 2020
  • 221 milioni nel 2021
  • 271 nel 2022
  • 350 milioni nel 2023

Tra tutti gli interventi previsti vi sono quelli di manutenzione straordinaria. In media, nel periodo di riferimento, i lavori si attestano sui 85,7 milioni di euro. In questo caso si riducono rispetto all’incremento degli interventi infrastrutturali, che già da quest’anno raggiungono circa il 50% del totale. Il gestore idrico pugliese ha infatti in programma di avviare oltre 180 progetti di nuove opere per oltre 1,9 miliardi di euro a quadro economico.

Programmi Risanamento

Tra gli investimenti più rilevanti, gli interventi di sostituzione e potenziamento delle reti per ridurre le perdite e ottimizzare le pressioni idriche, ovvero i vari programmi denominati Risanamento. Lo scorso anno ha preso il via il Risanamento 3, del valore di 80 milioni di euro e che interessa le reti di 21 comuni. Questo programma andrà avanti fino al 2023, quando partiranno i progetti di Risanamento 4 e 5 per un totale complessivo di 82 milioni di euro.

Potenziamento e adeguamento del processo depurativo

Una notevole mole di risorse è stata destinata al potenziamento e adeguamento del processo depurativo in tutta la regione e per il riuso delle acque depurate. Le opere toccheranno oltre 100 impianti per un importo di circa 500 milioni di euro. In questo campo Acquedotto Pugliese porterà avanti un’azione combinata con la realizzazione di serre solari per l’essiccamento dei fanghi da depurazione, per le quali è stata prevista una spesa di 100 milioni di euro, che garantiranno grandi benefici ambientali, in termini di sostenibilità e di economia circolare.

Simeone di Cagno Abbrescia, Presidente di Acquedotto Pugliese

«Il piano investimenti 2020-2023 testimonia la volontà di Acquedotto Pugliese e della Regione Puglia di proseguire nel percorso di crescita intrapreso, con importanti ricadute sul territorio servito. Un ruolo fondamentale lo riveste il costante processo di innovazione e digitalizzazione che consente ad AQP di pensare sempre più in grande, per rendere sempre più efficiente l’azienda e il suo rapporto con i cittadini serviti. Investiamo sul futuro del nostro territorio per creare valore aggiunto».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti….

Leggi tutto…

I lavori, realizzati con 4,5 milioni di euro messi a disposizione da Regione Basilicata, hanno permesso di portare la capacità di trattamento da 28.000 a 34.000 abitanti equivalenti, adeguando l’impianto, che sorge in località Pantano, alle attuali normative. Si tratta infatti del primo dei tre interventi previsti sui depuratori necessari per fare uscire la città dalla procedura di infrazione comunitaria. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…

I titoli, che hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e che scadono il 17 gennaio 2031, hanno fatto registrare una domanda pari a oltre il doppio dell’offerta. Le risorse ottenute con la nuova operazione di finanza sostenibile andranno a sostenere i progetti di sostenibilità previsti dal Piano Industriale al 2025, andando a focalizzarsi sullo sviluppo del teleriscaldamento, il recupero della plastica e il miglioramento della depurazione….

Leggi tutto…

Dureranno circa un anno i lavori per l’ammodernamento dell’impianto a servizio della cittadina termale in provincia di Pisa. Un intervento, del valore di 1,7 milioni di euro, con il quale il gestore idrico del Basso Valdarno punta a risolvere una serie di criticità dell’impianto, legate alle acque di tipo di misto che vi arrivano, oltre che all’obsolescenza e all’ammaloramento dei due grandi serbatoi che lo costituiscono….

Leggi tutto…