Acquedotto Pugliese: via libera ad appalti per 26 milioni

Via libera a una nuova tornata di grandi opere di Acquedotto Pugliese. Il Consiglio di Amministrazione del gestore idrico della Puglia ha deliberato appalti per oltre 26 milioni di euro, tra i quali, i più significativi, i lavori di adeguamento e ammodernamento dell’impianto di depurazione di Martina Franca, in provincia di Taranto, e il completamento delle reti fognarie nel comune di Salve, in provincia di Lecce. 

«È stata una tornata significativa – ha commentato il presidente di Acquedotto Pugliese, Simeone di Cagno Abbrescia -. Abbiamo varato una serie di iniziative, specialmente nel settore della depurazione, che produrranno effetti sostanziali dal punto di vista economico e della salvaguardia dell’ambiente. È nostro dovere seguire la strada della sostenibilità e porre come obiettivo primario il benessere delle comunità».

Per quanto riguarda il depuratore di Martina Franca, l’importo a base d’asta ammonta complessivamente a quasi 11 milioni di euro, destinati alla progettazione e all’esecuzione delle opere di adeguamento dell’impianto, per potenziare il sistema depurativo nell’abitato. Il piano di investimenti sulla depurazione è dettato dalla necessità di ottimizzare i processi, con benefici sul piano economico e ambientale.

Altrettanto imponente l’appalto per la progettazione e realizzazione di nuove reti idriche e fognarie, che in questo caso riguardano in particolare il territorio di Salve: l’appalto ammonta a 11,2 milioni di euro. Un intervento che permetterà a tutti gli oltre 4500 abitati del comune salentino di beneficiare di un efficiente sistema di raccolta dei reflui, con grandi benefici, ovviamente, per l’ambiente e l’intero territorio.


Leggi anche

Innovazione tecnologica, ammodernamento e potenziamento delle infrastrutture al centro del Piano presentato da Mariarosaria Altieri e Matteo Picardi, rispettivamente, presidente e direttore generale della società che gestisce il servizio idrico a Salerno. Con un focus particolare su fognature e depurazione…

Leggi tutto…

Il Consorzio Integra, vincitore del bando Sogesid, realizzerà l’opera, fondamentale per il risanamento igienico-ambientale della collina dei Camaldoli. I lavori, del valore di 4,9 milioni di euro, prevedono la posa di oltre 7 chilometri di nuove condotte, di 5 stazioni di sollevamento e il risanamento di un tratto di collettore fognario e saranno terminati per l’inizio del 2021 …

Leggi tutto…

L’intervento interessa la zona Sud della cittadina brianzola e mira a completare l’allaccio all’infrastruttura delle utenze non ancora raggiunte dal servizio. È previsto anche il risanamento della rete già esistente in via Milano, un’importante arteria stradale, che sarà eseguito con la tecnica no dig del relining. I lavori dureranno circa 6 mesi per un costo di 400.000 euro…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Mancano gli ultimi dettagli al progetto esecutivo per la realizzazione della rete idrica e fognaria, rispettivamente, per un’estensione di 7 e 8 chilometri, a servizio del quartiere che sorge nell’estrema periferia Ovest della Capitale. Un’opera del valore complessivo di 8,5 milioni di euro, attesa da tempo e della quale beneficeranno circa 120 utenze, che sarà messa a gara il prossimo settembre. …

Leggi tutto…