Acquedotto Pugliese: via libera ad appalti per 26 milioni

Via libera a una nuova tornata di grandi opere di Acquedotto Pugliese. Il Consiglio di Amministrazione del gestore idrico della Puglia ha deliberato appalti per oltre 26 milioni di euro, tra i quali, i più significativi, i lavori di adeguamento e ammodernamento dell’impianto di depurazione di Martina Franca, in provincia di Taranto, e il completamento delle reti fognarie nel comune di Salve, in provincia di Lecce. 

«È stata una tornata significativa – ha commentato il presidente di Acquedotto Pugliese, Simeone di Cagno Abbrescia -. Abbiamo varato una serie di iniziative, specialmente nel settore della depurazione, che produrranno effetti sostanziali dal punto di vista economico e della salvaguardia dell’ambiente. È nostro dovere seguire la strada della sostenibilità e porre come obiettivo primario il benessere delle comunità».

Per quanto riguarda il depuratore di Martina Franca, l’importo a base d’asta ammonta complessivamente a quasi 11 milioni di euro, destinati alla progettazione e all’esecuzione delle opere di adeguamento dell’impianto, per potenziare il sistema depurativo nell’abitato. Il piano di investimenti sulla depurazione è dettato dalla necessità di ottimizzare i processi, con benefici sul piano economico e ambientale.

Altrettanto imponente l’appalto per la progettazione e realizzazione di nuove reti idriche e fognarie, che in questo caso riguardano in particolare il territorio di Salve: l’appalto ammonta a 11,2 milioni di euro. Un intervento che permetterà a tutti gli oltre 4500 abitati del comune salentino di beneficiare di un efficiente sistema di raccolta dei reflui, con grandi benefici, ovviamente, per l’ambiente e l’intero territorio.


Leggi anche

Avviati i lavori per la realizzazione e la razionalizzazione del sistema fognario di San Pierino, frazione del comune in provincia di Firenze. L’opera, del valore di 1,2 milioni di euro, nasce per porre fine agli scarichi in ambiente. Prevede infatti la costruzione di 4 nuovi chilometri di condotte alle quali verranno allacciate le utenze esistenti, che consentiranno di far confluire i reflui verso il depuratore Cuoiodepur che sorge a San Miniato…

Leggi tutto…

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…

Il progetto presentato dalla società, che gestisce il servizio idrico in 53 comuni del Veneto Orientale, riguarda il quartiere Fiera e prevede la posa di circa 1.000 metri di nuova fognatura nera, oltre 1.400 metri di rete acquedottistica e 180 metri di condotte per le acque meteoriche. I lavori partiranno a breve e si protrarranno per 7 mesi, per un costo complessivo di 1,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

“Una rete per fare impresa”. Questo il titolo dei Seminari IWS realizzati il 17 e 18 ottobre 2018 in occasione dell’ultima edizione di H2O a Bologna. L’iniziativa ha coinvolto utilities, ricercatori, ingegneri, tecnici e progettisti, registrando una grande affluenza di pubblico specializzato….

Leggi tutto…

Un maxi progetto, unico in Italia, che prevede l’installazione di 1000 apparecchi di misurazione lungo 2.700 km. di condotte. Prima, la modellazione idraulica. Poi, le videoispezioni. E adesso, il monitoraggio costante delle portate. BrianzAcque sta eseguendo un check up completo dell’intero sistema delle reti fognarie. Obiettivo? Conoscerne lo stato di salute, individuarne potenzialità e punti deboli, così da riuscire a intervenire in via preventiva e in modo sempre più mirato sull’intero sistema di sottoservizi. …

Leggi tutto…