Progetto PFAS acquevenete cartografia

acquevenete avvia il cantiere per la nuova adduttrice anti-Pfas

Consegnato il grande cantiere di acquevenete per la realizzazione della nuova adduttrice che approvvigionerà Montagnana (Padova) e i comuni vicentini dell’area berica con acqua di qualità e priva di Pfas proveniente dalle falde pedemontane della centrale di Carmignano di Brenta (fonte Camazzole), in provincia di Padova. Un’opera imponente che vedrà la posa di 22 chilometri di condotte, che costituiranno la nuova infrastruttura Ponso-Montagnana-Pojana Maggiore, e la costruzione di un serbatoio di accumulo da 10.000 metri cubi nel territorio di Montagnana.

Il nuovo sistema idrico, costituito dalla tubazione e dal serbatoio, permetterà di chiudere la fornitura di acqua dalla centrale di Madonna di Lonigo, contaminata dalla presenza dei composti perfluoroacrilici, per i comuni di Montagnana e del basso vicentino, in particolare Alonte, Asigliano, Orgiano e Pojana Maggiore, gestiti da acquevenete, e Noventa Vicentina, gestito invece da Viacqua. Un progetto del costo di oltre 25 milioni di euro, finanziato dal ministero attraverso i fondi messi a disposizione del Commissario straordinario per l’emergenza Pfas Nicola Dell’Acqua.

Primo passo per la costruzione del nuovo sistema sono le verifiche, già avviate, con l’eventuale bonifica di ordigni bellici del territorio interessato dall’infrastruttura, per poi dare il via alle operazioni di scavo.

 

I nuovi tratti di condotta

Andando più nel dettaglio, l’intervento di acquevenete prevede il prolungamento della condotta Monselice-Ponso, già esistente, attraverso la realizzazione del nuovo tratto Ponso-Montagnana, per una lunghezza complessiva di 9.260 metri, con un’adduttrice del diametro nominale di 600 millimetri. Dal serbatoio di Montagnana partirà invece la nuova rete di collegamento, sempre del diametro di 600 mm, con la rete di Pojana Maggiore, mentre un’altra connessione verrà realizzata con la condotta proveniente dalla centrale di Madonna di Lonigo, in modo da alimentare gli altri comuni dell’area berica. Previsto anche un altro tratto di collegamento, di 1.670 metri con condotte da 400 mm di diametro, alla rete di Montagnana, in derivazione dalla condotta per Pojana. Infine, per il funzionamento complessivo del sistema verrà realizzata una nuova condotta dell’estensione di 800 metri a Monselice, come collegamento con l’adduttrice proveniente dai pozzi di Camazzole. Quest’ultima condotta sarà costituita da tubazioni in ghisa sferoidale del diametro di 700 mm.

 

Il serbatoio di Montagnana

Riguardo all’altro snodo centrale del nuovo sistema, il serbatoio di Montagnana, questo sarà costituito da due moduli della capacità ciascuno di 5.000 metri cubi, con relativa centrale di pompaggio, e fungerà da “fonte virtuale”, dove accumulare le scorte di acqua prelevate in orario notturno dalle altre fonti, per distribuirle agli utenti nel corso della giornata.

Un progetto che permetterà, quindi, anche di sfruttare al meglio la risorsa prelevata a Camazzole, evitando di realizzare nuovi pozzi di prelievo. Ma non solo. Perché una volta entrato in funzione il nuovo sistema acquedottistico, che rientra nel disegno complessivo del Mosav, il Modello strutturale degli acquedotti del Veneto, garantirà anche un importante risparmio economico. Al momento, infatti, per poter garantire che l’acqua erogata ai comuni della “zona rossa” sia priva di Pfas è necessario sostituire con elevata frequenza i filtri a carbone attivo installati presso l’area della centrale di Madonna di Lonigo, operazione che comporta rilevanti spese. 


Leggi anche

Azienda Gardesana Servizi logo

È quanto previsto dal nuovo piano degli investimenti approvato dall’Assemblea della società, che gestisce il ciclo idrico nei 20 comuni della sponda veronese del Lago di Garda. Assemblea che ha dato l’ok anche al bilancio 2019, chiuso con un utile di un milione. Tra i nuovi progetti, il collettore del Garda, cui sono destinati 50 milioni di euro, e l’introduzione del sistema di telecontrollo sulle infrastrutture idriche e fognarie…

Leggi tutto…

Arera investimenti settore idrico

Le risorse ammontano a circa il 22,5% del Piano nazionale idrico per il biennio 2019-2020 per interventi finalizzati a migliorare gli acquedotti, che entro quest’anno dovrebbe erogare in totale oltre 26 milioni di euro. Le prime quote saranno assegnate a partire da agosto per i gestori che hanno già speso almeno la metà del finanziamento complessivo del biennio …

Leggi tutto…

Marco Ranieri e Paolo Romano di Smat

L’Assemblea dei soci del gestore idrico di Torino e dei comuni della sua provincia ha rinnovato la fiducia a Ranieri e Romano, rispettivamente, nel ruolo di amministratore delegato e presidente. Completano il nuovo consiglio di amministrazione Fabio Sessa, ingegnere, Serena Lancione, avvocato, direttrice della cuneese Bus Company e la new entry Cristina Tumiatti, manager esperto nel settore delle energie rinnovabili…

Leggi tutto…

Smart.Met

Il consorzio veneto Viveracqua è capofila del progetto europeo da oltre 4 milioni di euro per lo sviluppo di nuove tecnologie di raccolta e gestione intelligente dei dati relativi ai consumi idrici delle abitazioni. Il progetto è giunto adesso alla fase 3, che prevede la sperimentazione in campo…

Leggi tutto…

Smat Torino - Bilancio 2019

Ottimi numeri quelli del bilancio relativo all’esercizio 2019 della società che gestisce il ciclo idrico a Torino e nei comuni della sua provincia. Il fatturato è salito a 442,9 milioni di euro, con gli utili pari a 54,7 milioni di euro e l’indebitamento finanziario lordo ridottosi di oltre il 14% rispetto al dato del 2018. Notevole il dato sugli investimenti, pari a 121 milioni, cresciuti del 34% sul 2018…

Leggi tutto…