Acquevenete conclude il relining della rete fognaria di Rovigo

Rapidità, disagi alle attività e alla circolazione dei veicoli ridotti al minimo e costi contenuti sono i principali vantaggi garantiti dalle tecniche no-dig. Vantaggi confermati anche dall’ultimo intervento eseguito da Acquevenete per il risanamento di un tratto della rete fognaria di Rovigo.

L’intervento ha interessato la porzione di infrastruttura situata in via Munerati, nella zona Nord della città, ed è stato concluso dalla società, che gestisce il servizio idrico in 108 comuni delle province di Padova, Rovigo, Vicenza, Verona, Venezia, in circa 30 giorni, rispetto ai circa 60 inizialmente preventivati, con una spesa di 680.000 euro.

Più nello specifico, la condotta risanata si estende per lunghezza di circa 1,4 km ed era stata posata negli anni Ottanta e attualmente presentava uno stato di degrado, in progressivo incremento, causa di continui disagi alla sovrastruttura stradale. L’azienda ha risolto il problema ripristinandone la piena funzionalità con la tecnica del relining, che rientra tra le tecniche di riabilitazione di condotte con sistemi “senza scavo”. Andando più nel dettaglio, per il risanamento delle tubazioni sono state impiegate guaine in fibra di vetro impregnate con resine termoindurenti, fatte aderire internamente alla condotta e poi polimerizzate grazie a raggi ultravioletti. L’utilizzo di robot dotati di telecamere e sistemi di irraggiamento UV, inseriti nella condotta, ha consentito sia il controllo che la successiva polimerizzazione della guaina.

La tecnologia adottata ha permesso di ottenere diversi vantaggi. Il risanamento definitivo della tubazione, con l’introduzione di un elemento tubolare di materiale plastico di ridotto spessore (circa 6 mm) che ha anche funzioni strutturali, ha come effetto anche di migliorare le condizioni di scorrimento. Inoltre, il materiale sintetico di rivestimento interno assicura una lunga durata della linea fognaria, anche se interessata da deflussi aggressivi derivanti dagli scarichi civili. Altro elemento positivo è l’assenza di elementi di giunzione, che nel tempo rischierebbero di causare cedimenti con dispersione delle acque reflue nel sottosuolo e quindi in falda, e pertanto fenomeni di sifonamento dei terreni circostanti con cedimenti del piano stradale: situazioni che ora dovrebbero essere definitivamente scongiurate.


Leggi anche

Il progetto, per un valore complessivo di 7 milioni di euro, doterà il comune della provincia di Udine e le sue frazioni di condotte separate per le acque nere e bianche e di un collettore per il convogliamento dei reflui al depuratore di San Giorgio di Nogaro. Il bando dei lavori, suddivisi in due lotti, sarà pubblicato nella seconda parte di quest’anno …

Leggi tutto…

Le opere interessano le marine di Taviano e Racale, in provincia di Lecce, e prevedono la posa di 16 chilometri di rete fognaria, 9 di collettori fognari e 5 di connessione ai 5 impianti di sollevamento. I lavori, finanziati da regione Puglia, saranno completati entro il prossimo giugno, in tempo per l’avvio della stagione balneare…

Leggi tutto…

L’investimento supporterà una serie di interventi finalizzati a garantire l’approvvigionamento idrico della cittadina in provincia di Firenze e a rendere efficiente il sistema di raccolta e trattamento dei reflui. I lavori, che saranno realizzati in un arco temporale di 5 anni, prevedono il rinnovo di parte della rete di distribuzione, l’ammodernamento dell’impianto di depurazione e della rete fognaria e la costruzione del collettore…

Leggi tutto…

Il bando prevede la realizzazione del collegamento fognario tra le frazioni di Nozzano – Pontetetto, di 4 stazioni di sollevamento e il relining di una porzione di rete esistente. Un intervento da circa 10 milioni di euro, progettato per risolvere il problema della mancanza di rete di raccolta dei reflui nella zona dell’Oltreserchio e che consentirà di mettere in funzione la rete a servizio di località Nozzano, già realizzata…

Leggi tutto…

Il CdA del gestore idrico della Puglia ha deliberato una nuova tornata di appalti per opere nel campo della depurazione e delle reti idriche e fognarie. Tra le più significative, l’ammodernamento dell’impianto di depurazione di Martina Franca, in provincia di Taranto, dove si parte da una base d’asta di 11 milioni di euro, e il completamento de sistema di raccolta dei reflui a Salve, nel Salento…

Leggi tutto…