Acquevenete conclude il relining della rete fognaria di Rovigo

Rapidità, disagi alle attività e alla circolazione dei veicoli ridotti al minimo e costi contenuti sono i principali vantaggi garantiti dalle tecniche no-dig. Vantaggi confermati anche dall’ultimo intervento eseguito da Acquevenete per il risanamento di un tratto della rete fognaria di Rovigo.

L’intervento ha interessato la porzione di infrastruttura situata in via Munerati, nella zona Nord della città, ed è stato concluso dalla società, che gestisce il servizio idrico in 108 comuni delle province di Padova, Rovigo, Vicenza, Verona, Venezia, in circa 30 giorni, rispetto ai circa 60 inizialmente preventivati, con una spesa di 680.000 euro.

Più nello specifico, la condotta risanata si estende per lunghezza di circa 1,4 km ed era stata posata negli anni Ottanta e attualmente presentava uno stato di degrado, in progressivo incremento, causa di continui disagi alla sovrastruttura stradale. L’azienda ha risolto il problema ripristinandone la piena funzionalità con la tecnica del relining, che rientra tra le tecniche di riabilitazione di condotte con sistemi “senza scavo”. Andando più nel dettaglio, per il risanamento delle tubazioni sono state impiegate guaine in fibra di vetro impregnate con resine termoindurenti, fatte aderire internamente alla condotta e poi polimerizzate grazie a raggi ultravioletti. L’utilizzo di robot dotati di telecamere e sistemi di irraggiamento UV, inseriti nella condotta, ha consentito sia il controllo che la successiva polimerizzazione della guaina.

La tecnologia adottata ha permesso di ottenere diversi vantaggi. Il risanamento definitivo della tubazione, con l’introduzione di un elemento tubolare di materiale plastico di ridotto spessore (circa 6 mm) che ha anche funzioni strutturali, ha come effetto anche di migliorare le condizioni di scorrimento. Inoltre, il materiale sintetico di rivestimento interno assicura una lunga durata della linea fognaria, anche se interessata da deflussi aggressivi derivanti dagli scarichi civili. Altro elemento positivo è l’assenza di elementi di giunzione, che nel tempo rischierebbero di causare cedimenti con dispersione delle acque reflue nel sottosuolo e quindi in falda, e pertanto fenomeni di sifonamento dei terreni circostanti con cedimenti del piano stradale: situazioni che ora dovrebbero essere definitivamente scongiurate.


Leggi anche

Gli impianti sono stati realizzati nei comuni di San Martino Buon Albergo e di Sorgà, in provincia di Verona. Entrambi dotati di tecnologie all’avanguardia, il primo ha una capacità di trattamento pari a 1500 abitanti equivalenti ed è stato costruito con un investimento di oltre 1,6 milioni di euro, il secondo ha una capacità doppia per un costo di 1,1 milioni …

Leggi tutto…

La conferenza dei servizi ha approvato il progetto esecutivo presentato dal gestore del servizio idrico della provincia di Caltanissetta per ammodernare il sistema fognario della contrada Noce di Marianopoli. Progetto che prevede la sostituzione di circa 400 metri del collettore esterno e il potenziamento della rete fognaria con il rifacimento di tutti gli allacci …

Leggi tutto…

È il progetto di Alto Trevigiano Servizi e Comune di Treviso. Il centro sarà realizzato in 18 mesi, nell’area del depuratore, di recente sottoposto dal gestore a un’importante opera di efficientamento energetico. Si estenderà su 300 metri quadri e sarà a disposizione degli atenei del territorio per lo studio degli impatti ambientali, del miglioramento dell’ecosistema e dei fattori di inquinamento e della loro riduzione …

Leggi tutto…

Il Comune beneventano ha avviato la procedura aperta per l’aggiudicazione dei lavori di adeguamento di un tratto di collettore fognario, degli allacci degli scarichi delle utenze e per la costruzione di un impianto di depurazione in contrada Curso. Il bando, formulato secondo l’offerta economicamente più vantaggiosa, ha un valore di 2,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

Appuntamento lunedì 8 luglio allo Spazio Arte di Sesto San Giovanni con l’incontro aperto al pubblico che inaugura il nuovo step del percorso di coinvolgimento degli stakeholder locali. L’evento sarà l’occasione per presentare i comitati dei cittadini, i Residential Advisory Board, organismi che avranno il compito di rappresentare un organo consultivo, di monitoraggio e di scambio informazioni nell’ambito di tutte le scelte e le fasi del progetto. …

Leggi tutto…