Acquevenete pronta a partire con il relining di un tratto di fognatura a Rovigo

Hanno preso il via i lavori programmati da Acquevenete per il risanamento di un tratto della rete fognaria a servizio della città di Rovigo. L’intervento interessa una porzione della condotta che scorre sotto la via Munerati, nella parte nord della città: una porzione di rete in cemento-amianto, dell’estensione di circa 1,4 chilometri di lunghezza, che versa in uno stato di grave degrado, inoltre in progressivo incremento. Una situazione che ha determinato continui disagi alla sovrastruttura stradale e, di conseguenza, ai residenti dell’area.

Per porre soluzione al problema l’azienda, che gestisce il servizio idrico in 108 comuni delle province di Padova, Rovigo, Vicenza, Verona, Venezia, ha deciso di procedere con un intervento di risanamento strutturale e idraulico, avvalendosi della tecnica del relining, metodologia che non richiede l’esecuzione di scavi e garantisce enormi vantaggi in termini di riduzione dell’impatto delle opere sulla viabilità e i cittadini con tempi di intervento ridotti. Così come ridotti, rispetto a un intervento tradizionale di completa sostituzione della condotta, sono i costi: i lavori saranno infatti realizzati con un investimento di 680.000 euro.

Le attività preliminari per il cantiere sono iniziate lo scorso mese di febbraio: l’attività di relining è stata infatti preceduta da lavori sulla fognatura che hanno visto l’eliminazione degli allacci diretti sulla condotta e la rimozione dei tratti di tubazione inseriti con diametro inferiore, in modo da consentire l’agevole inserimento del rivestimento. Adesso si procederà con gli ordinativi del materiale e con gli interventi propedeutici al risanamento vero e proprio per concludere il tutto nel giro di 90 giorni.


Leggi anche

Il gestore idrico della provincia di Caltanissetta ha scelto la tecnologia del relining per risanare un tratto di collettore fognario che passa nel centro della città. L’intervento si è reso necessario per ripristinare la piena funzionalità della condotta, posata a 3 metri di profondità, che per via della sua vetustà si trova in stato avanzato di deterioramento con conseguenti perdite nel terreno…

Leggi tutto…

La tecnica, di origine israeliana, consente di sigillare le perdite nelle reti idriche evitando scavi, attraverso l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train, un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare che può chiudere perdite fino a 3000 litri/ora. L’intervento è stato eseguito a Introbio, su un tratto di oltre 300 m …

Leggi tutto…

Aperto il cantiere di via Ponte Pignolo dove verrà realizzato un nuovo collettore in vetroresina del diametro di 1,4 m. La condotta sarà installata con la tecnica trenchless all’interno di un controtubo in acciaio, attualmente in fase di posa, del diametro di 1,5 m. I lavori fanno parte del piano strategico per la messa in sicurezza idraulica della Veronetta, storico quartiere da sempre soggetto ad allagamenti …

Leggi tutto…

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…