Acquevenete stringe i tempi sul “tubone” anti Pfas

I tecnici di Acquevenete, che gestisce il servizio idrico in 108 comuni delle province di Padova, Rovigo, Vicenza, Verona, Venezia, hanno iniziato i rilievi propedeutici alla realizzazione della condotta Ponso-Montagnana-Pojana, infrastruttura fondamentale per la definitiva risoluzione del problema di inquinamento da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) nel territorio servito.

L’opera, della quale è in via di conclusione la progettazione definitiva, è una delle principali previste nel piano degli interventi emergenziali denominato Opere prioritarie – Modello strutturale acquedotti del veneto – Estensione dello schema nell’area Monselicense Estense-Montagnanese per emergenza Pfas.

Obiettivo del progetto è cambiare le fonti di approvvigionamento, andando a rifornirsi di acqua presso punti di produzione totalmente estranei all’inquinamento, che, per la parte di competenza di Acquevenete, corrisponde a un intervento di circa 15 milioni di euro.

Questo prevede l’estensione dell’attuale condotta Monselice-Ponso da Ponso a Montagnana (entrambi in provincia di Padova) e quindi fino a Pojana Maggiore (Vicenza), in modo da garantire l’arrivo di acqua a presenza zero di Pfas, sfruttando una produzione residua notturna della fonte di Camazzole (in provincia di Padova), con la realizzazione di un apposito serbatoio a Montagnana. Il montagnanese potrà ricevere così acqua pulita da est, invece che rifornirsi da ovest, dove le falde sono inquinate.

La fonte di Camazzole, nuovo punto di approvvigionamento di acqua completamente pulita, sarà al centro del piano di sicurezza delle acque che stanno predisponendo i gestori, il Water Safety Plan, a protezione e monitoraggio costante di questo importante punto di produzione.

In attesa di questi interventi che risolveranno definitivamente la problematica, i cittadini di Montagnana sono già approvvigionati con acqua a “zero Pfas” grazie all’impegno di Acquevenete, individuata quale soggetto attuatore dal Commissario delegato per i primi interventi urgenti di Protezione civile sulla contaminazione da Pfas delle falde idriche nei territori delle province di Vicenza, Verona e Padova. Impegno che riguarda in particolare la sostituzione dei filtri con una frequenza elevatissima, in modo da mantenere tutti i valori sempre entro i rigorosi nuovi limiti fissati da Regione Veneto.


Leggi anche

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…

Comunicato stampa – I cittadini di Cava Manara potranno presto beneficiare di un significativo miglioramento della qualità dell’acqua che arriva nelle loro case. E’ infatti imminente l’entrata in esercizio della nuova vasca di compenso realizzata a supporto dell’impianto di potabilizzazione comunale. …

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

La società, che gestisce la distribuzione gas in una ventina di comuni tra Campania e Basilicata, ha completato lo sviluppo di una rete che consentirà di portare il servizio nelle due località montane in provincia di Salerno. La rete, cofinanziata dal Ministero dello Sviluppo Economico, si sviluppa per oltre 22 chilometri e a breve sarà completata delle ultime diramazioni…

Leggi tutto…

L’azienda del Gruppo Maggioli ha siglato con Vodafone un accordo che prevede il completamento della copertura della nuova rete cellulare NB-IoT su tutto il territorio nazionale. Il sistema, denominato SMAQ, in corso di installazione in alcuni zone della provincia ovest di Milano e nella provincia di Roma, consentirà ai gestori delle reti idriche di adempiere a quanto ARERA ha imposto per ottimizzare il servizio in termini di trasparenza verso il consumatore e risparmio della risorsa idrica…

Leggi tutto…