Acsm Agam: oltre 500 milioni di investimenti nel nuovo Piano industriale


Centralità del cliente, innovazione sostenibile, integrazione e cooperazione, rilancio e rinnovo, espansione, valorizzazione. Sono i pilastri attorno ai quali ruota il Piano industriale 2019-2023 di Acsm Agam. Il piano, il primo post aggregazione delle utility di Monza, Como, Lecco, Sondrio, Varese, attorno al partner industriale A2A, che ha portato alla nascita della grande multiutility del nord Lombardia, prevede investimenti complessivi per circa 568 milioni di euro, principalmente concentrati nella business unit Reti, in conseguenza delle gare Atem di distribuzione del gas. Forte attenzione è stata posta anche alla business unit Energia e Tecnologie Smart, grazie allo sviluppo dell’illuminazione pubblica, efficienza energetica, micro-cogenerazione e al potenziamento teleriscaldamento. Per quanto concerne l’Ambiente gli investimenti sono concentrati nel revamping del termovalorizzatore di Como e nella realizzazione dell’impianto di trattamento, oltre che al rafforzamento del parco automezzi anche per ipotesi di aggiudicazione nuove gare.
Sul fronte dei risultati economici è previsto che nel 2023 i ricavi si attestino a 518 milioni di euro, con l’Ebitda (margine operativo lordo) pari a circa 124 milioni, rispetto ai circa 64 milioni di euro previsti nel 2019, con un Cagr (Tasso di crescita annuale composto) pari a 17,7%.
Previsti in sensibile crescita anche Ebit (risultato aziendale prima delle imposte e degli oneri finanziari) e Risultato netto che si prevede si attestino nel 2023, rispettivamente, a 59 e 37 milioni di euro.


Leggi anche

Dopo aver acquisito, lo scorso dicembre, il 60% del capitale azionario della società da CPL Concordia, Italgas ne completa l’acquisizione rilevando anche il restante 40% per circa 21 milioni di euro. Un’operazione strategica per rafforzarsi ulteriormente nel Sud Italia dove Egn conta complessivamente 37 concessioni per la distribuzione gas tra Sicilia, Calabria e Campania…

Leggi tutto…

La società di distribuzione gas del Gruppo Ascopiave avvierà a breve i nuovi cantieri per la posa di oltre 8 chilometri di condotte nel territorio del comune della provincia di Treviso. I lavori, per un costo di un milione di euro, verranno portati avanti da più squadre in contemporanea in modo da avere il nuovo tratto di infrastruttura pronto entro sette mesi. …

Leggi tutto…

La società ha stretto una partnership con l’americana Picarro per l’utilizzo in Europa di Picarro Surveyor, tra le soluzioni più evolute nel monitoraggio delle reti. Denominata CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) è una sofisticata sensing technology che, rispetto alle tradizionali, garantisce un controllo più rapido, approfondito e una maggiore sensibilità di rilevazione della presenza di gas…

Leggi tutto…

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, fresco di riconferma nel ruolo di amministratore delegato della società, che ha anticipato che Italgas presenterà un’offerta non vincolante per il pacchetto della distribuzione gas dell’utility veneta. Ascopiave ha infatti avviato un riassetto dei suoi business puntando a cedere le attività di vendita di energia per focalizzarsi sulla distribuzione gas anche con partnership strategiche …

Leggi tutto…

La sperimentazione ha preso il via a Contursi Terme, in provincia di Salerno, con la fornitura a due realtà locali di una miscela di idrogeno al 5% e gas attraverso la rete di trasporto. Un passaggio cruciale verso gli obiettivi europei al 2050, in quanto l’idrogeno è una tecnologia chiave per la decarbonizzazione e lo stoccaggio delle fonti rinnovabili…

Leggi tutto…