Acsm Agam: oltre 500 milioni di investimenti nel nuovo Piano industriale


Centralità del cliente, innovazione sostenibile, integrazione e cooperazione, rilancio e rinnovo, espansione, valorizzazione. Sono i pilastri attorno ai quali ruota il Piano industriale 2019-2023 di Acsm Agam. Il piano, il primo post aggregazione delle utility di Monza, Como, Lecco, Sondrio, Varese, attorno al partner industriale A2A, che ha portato alla nascita della grande multiutility del nord Lombardia, prevede investimenti complessivi per circa 568 milioni di euro, principalmente concentrati nella business unit Reti, in conseguenza delle gare Atem di distribuzione del gas. Forte attenzione è stata posta anche alla business unit Energia e Tecnologie Smart, grazie allo sviluppo dell’illuminazione pubblica, efficienza energetica, micro-cogenerazione e al potenziamento teleriscaldamento. Per quanto concerne l’Ambiente gli investimenti sono concentrati nel revamping del termovalorizzatore di Como e nella realizzazione dell’impianto di trattamento, oltre che al rafforzamento del parco automezzi anche per ipotesi di aggiudicazione nuove gare.
Sul fronte dei risultati economici è previsto che nel 2023 i ricavi si attestino a 518 milioni di euro, con l’Ebitda (margine operativo lordo) pari a circa 124 milioni, rispetto ai circa 64 milioni di euro previsti nel 2019, con un Cagr (Tasso di crescita annuale composto) pari a 17,7%.
Previsti in sensibile crescita anche Ebit (risultato aziendale prima delle imposte e degli oneri finanziari) e Risultato netto che si prevede si attestino nel 2023, rispettivamente, a 59 e 37 milioni di euro.


Leggi anche

L’infrastruttura, che si estende per 75 chilometri, consentirà di fornire il servizio di distribuzione gas a oltre 35.000 cittadini della fascia jonica della provincia di Messina. Progettata e realizzata da Fin Consorzio, è stata voluta da un raggruppamento che comprende 14 comuni dell’area che per la sua realizzazione hanno investito oltre 120 milioni di euro…

Leggi tutto…

Le opere, da tanto attese, saranno concluse entro marzo e interessano le frazioni di San Ginese di Compito e Castelvecchio di Compito del comune in provincia di Lucca. Nel primo caso l’azienda poserà circa 3,5 chilometri di nuove condotte, con un investimento di 700.000 euro, nel secondo 2,5 chilometri di nuove tubazioni con un investimento di 300.000 euro…

Leggi tutto…

Siglato il contratto di trasferimento della proprietà dell’azienda, che gestisce il servizio di distribuzione nel comune di Busseto, in provincia di Parma, alla società del Gruppo Iren. Per Ireti, che si era aggiudicata l’asta pubblica per il controllo dell’azienda con un’offerta di 4,1 milioni di euro, si tratta di un’operazione strategica che rafforza ulteriormente la sua posizione in un Atem strategico per il Gruppo…

Leggi tutto…

Dopo Ies Biogas, azienda di Pordenone specializzata nella costruzione di impianti per la produzione di biometano, la società, attraverso la controllata Snam4Mobility, ha acquisito Enersi Sicilia, proprietaria di un’autorizzazione per realizzare un impianto di produzione del gas green nell’isola. Un ulteriore passo nella strategia che vuole fare di Snam un acceleratore di sviluppo per la filiera di questo gas…

Leggi tutto…

Il consorzio composto con la spagnola Enagás e la belga Fluxy e capitanato dalla società italiana ha completato l’acquisizione del 66% di Desfa, l’operatore greco delle infrastrutture del gas naturale, proprietario di 1.500 km di rete in alta pressione e di un terminale di rigassificazione. Il costo dell’operazione è di 535 milioni di euro…

Leggi tutto…