Gruppo Amag gestione rifiuti smart ad Alessandria

Ad Alessandria la raccolta dei rifiuti diventa smart

Dare una svolta decisamente smart alla gestione del servizio di raccolta dei rifiuti. È questo uno degli obiettivi del progetto Città intelligente, appena approvato dalla giunta comunale di Alessandria e che ora sarà sottoposto al voto del Consiglio comunale per l’ok definitivo che permetterà di trasformarlo in realtà.

Progetto che per quanto riguarda i servizi ambientali punta alla riorganizzazione del sistema di raccolta rifiuti cittadino, con la creazione di un Consorzio senza scopo di lucro che si occuperà delle varie attività. Si tratta infatti di un progetto integrato in campo ambientale ed energetico nato dalle linee guida messe a punto da Gruppo Amag e approvate lo scorso dicembre, per una trasformazione in ottica smart city della città, intervenendo in vari campi, a partire dal miglioramento dei servizi ambientali, proseguendo con l’illuminazione pubblica, la sicurezza urbana, il trasporto pubblico, fino alla connessione digitale del territorio.

Motore di questa trasformazione un nuovo Consorzio della cui costituzione si occuperà il Gruppo Amag e partecipato da Amag, Amag Reti idriche, Amag Reti Gas e Amag Ambiente che, in qualità di affidatarie in house dei relativi servizi, si prenderanno carico della loro gestione, mentre il Consorzio opererà come centrale di committenza.

Per quanto riguarda la gestione di rifiuti il riassetto del servizio comporterà un investimento di circa 12,5 milioni di euro, interamente finanziato dai risparmi che si otterranno dall’efficientamento del sistema di raccolta. Piano che prevede il mantenimento del sistema di raccolta “porta a porta” per il centro città e per il quartiere Cristo, mentre nella restante porzione del territorio cittadino la sostituzione degli attuali cassonetti per il conferimento dei rifiuti con cassonetti intelligenti: isole ecologiche per indifferenziato, carta, plastica, vetro/lattine con aperture informatizzate e sistema di accesso controllato. I nuovi contenitori, che saranno installati a partire dall’estate del prossimo anno, saranno dotati di una serratura elettronica con un sistema di identificazione dei conferimenti e il loro impiego garantirà diversi vantaggi. A partire dallo svuotamento dall’alto, che permetterà di posizionare le strutture, non solo sul lato destro della strada, come accade oggi, ma su entrambi i lati. In questo modo si faciliterà la raccolta e si otterrà una migliore distribuzione delle stesse strutture. I cassonetti, inoltre, potranno essere “mascherati” per ridurne l’impatto visivo, oltre che ambientale. Il dispositivo di accesso controllato consentirà anche una razionalizzazione delle postazioni per la raccolta indifferenziata con una riduzione totale del loro numero.

Compreso nel piano anche il totale rinnovamento del parco macchine impiegato nello svuotamento, attività per la quale verranno utilizzati mezzi di dimensioni più piccole, più compatti e meno impattanti dal punto di vista ambientale, che saranno elettrici o alimentati a metano.

Attraverso questo sistema intelligente e totalmente informatizzato, si potrà controllare che i cittadini svolgano al meglio la raccolta differenziata e, al tempo stesso, migliorare la qualità del servizio, ottimizzando tempi e modalità di raccolta dei rifiuti.


Leggi anche

Abbiamo intervistato Alessandro Vistoli, Amminsitratore Delegato di Terranova che ci ha raccontato come l’azienda affianca le utility per una migliore gestione della trasformazione tecnologica….

Leggi tutto…

alleanza

Definito da AGSM Verona e AIM Vicenza il progetto industriale preliminare che pone le basi per la nascita di una nuova multiutility leader nel Triveneto. Al via il processo di condivisione del progetto con le amministrazioni locali…

Leggi tutto…

Sede Estra

Lo scorso anno è stato particolarmente positivo per la multiutility dell’energia e dei servizi ambientali, grazie al miglioramento e all’estensione delle performance di tutti i settori di business. Il bilancio consolidato, approvato dal consiglio di amministrazione, ha registrato un incremento dei ricavi del 18% rispetto all’anno precedente, sfiorando il miliardo di euro. Su del 35% anche il margine operativo lordo, pari a 37,8 milioni, e addirittura del 117% l’utile netto pari a 16,7 milioni…

Leggi tutto…

Storico risultato per la multiutility che ha chiuso il bilancio 2019 con il fatturato che ha raggiunto il suo livello record di 1,15 miliardi di euro, segnando una crescita del 32% rispetto all’anno precedente. In crescita anche il margine operativo lordo, arrivato a 98 milioni e l’utile netto, salito a 29 milioni. Aumentati anche il personale di 89 unità che portano il totale dei dipendenti a 1.447 …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…