Ad Eindhoven si testa il teleriscaldamento smart

Oltre che sempre più efficiente, il teleriscaldamento del futuro sarà anche intelligente. Guarda a questo obiettivo il progetto pilota avviato a Eindhoven, nel Paesi Bassi, da Ennatuurlijk, società energetica olandese attiva nel campo del teleriscaldamento e teleraffrescamento, ed EnergyVille, realtà che conduce ricerche nel campo della sostenibilità energetica e dei sistemi energetici intelligenti nata dalla collaborazione tra KU Leuven, Imec, Vito e l’Università di Hasselt. Progetto pilota che ha il suo focus sull’utilizzo di controller intelligenti per la gestione dal lato domanda dell’energia termica.

Sviluppati da EnergyVille con la società svedese Noda, tali controller smart si basano su algoritmi di autoapprendimento per consentire una migliore gestione del calore e delle fonti di energia rinnovabile negli edifici e nei quartieri.

In pratica questi dispositivi raccolgono i dati sulla climatizzazione dell’edificio e, grazie agli algoritmi di autoapprendimento, riescono ad apprendere il modello di consumo dello stabile, in modo da monitorarne l’efficienza energetica e quindi migliorarla. Inoltre, i controller utilizzano in modo più intelligente anche la massa termica dell’edificio, permettendo di utilizzare quest’ultimo come un buffer per il calore che può essere utilizzato per bilanciare i momenti di picco della domanda. Tutto ciò, in ultima analisi, consente di sfruttare meglio l’apporto di diverse fonti rinnovabili per la produzione di calore da immettere in rete, così come il calore di scarto dei processi industriali. Inoltre, possono rappresentare anche un’alternativa più efficiente ed economicamente interessante per i sistemi di stoccaggio di calore diffusi per garantire una maggiore flessibilità alla rete. Proprio per confermare tale possibilità il progetto pilota nei prossimi anni verrà esteso alla rete di Eindhoven.


Leggi anche

La multinazionale francese dell’energia si è aggiudicata la progettazione e realizzazione di un sistema di teleraffrescamento, della potenza di 105 MW, a servizio del Distretto digitale di Punggol in costruzione nella città-stato. La società, inoltre, realizzerà sempre a Singapore un suo centro di competenze dedicato allo sviluppo di progetti nella regione Asia-Pacifico…

Leggi tutto…

Nel mirino della Federazione Italiana produttori di energia da fonti rinnovabili l’articolo 18 della Legge Europea, che abroga l’estensione del periodo di incentivazione per la produzione elettrica da biomasse. Una misura che penalizza anche i piccoli impianti di cogenerazione alimentati con la stessa fonte proveniente dalla manutenzione dei boschi e collegati a reti di teleriscaldamento…

Leggi tutto…

Importante accordo siglato tra le quattro realtà: E.ON e CPL Concordia realizzeranno e gestiranno per 15 anni un nuovo cogeneratore presso il depuratore di Gruppo CAP a Pero. L’impianto, in esercizio per la fine del prossimo anno, fornirà annualmente circa 13 GWh elettrici, da utilizzare presso lo stesso depuratore, e 13 GWh termici che saranno immessi nella rete di teleriscaldamento di NET…

Leggi tutto…

Completata e collaudata la rete di distribuzione del calore a servizio del borgo che sorge sulle colline metallifere senesi. Ad alimentarla un pozzo geotermico di Enel Green Power che garantisce una potenza di 5 MW termici sufficiente a fornire calore alle 400 utenze del centro storico. Realizzata con un investimento di 5,6 milioni di euro, l’infrastruttura è gestita da Geo Energy Service

Leggi tutto…

La società veneta, specializzata nella produzione di energia da biomasse, ha acquistato da Engie il sistema di teleriscaldamento a servizio di Sellero, Novelle e Cedegolo, in provincia di Brescia. Il sistema è costituito da una centrale di cogenerazione alimentata con legno vergine da filiera corta e da una rete che si estende per 21 chilometri…

Leggi tutto…