Agesp estende la rete di teleriscaldamento di Busto Arsizio

Continua a espandersi la rete di teleriscaldamento a servizio di Busto Arsizio, in provincia di Varese. Agesp Energia, la società proprietaria e che gestisce l’infrastruttura, attiva anche nella vendita di gas naturale ed energia elettrica, sta proseguendo con il suo piano di espansione della rete di distribuzione del calore. Piano che prevede un graduale ampliamento della ramificazione della rete che già serve circa 160 utenze dell’area del centro cittadino.

Ampliamento che ora interessa la via Castiglioni, con i lavori, appena partiti, che si concluderanno entro la fine del mese di settembre. Intervento che segue quello patito a luglio, e ora concluso, che invece ha interessato la zona Frati, nelle vie Fratelli Bandiera e Indipendenza. Un’altra piccola aggiunta che rende più capillare il servizio.

Attualmente la rete di Busto Arsizio ha raggiunto un’estensione complessiva di 17,5 chilometri. All’infrastruttura sono allacciate esattamente 157 utenze, delle quali 25 edifici pubblici, 105 residenziali, 12 terziari e 15 commerciali. Entrata in esercizio nell’autunno del 2010, la rete è alimentata da una centrale di cogenerazione realizzata nella stessa sede di Agesp Energia. Alimentata a metano, la centrale è costituita da 3 caldaie e 2 cogeneratori, con una potenza termica di 35 MW e una potenza elettrica pari a 5,3 MW.


Leggi anche

Nel bilancio previsionale l’amministrazione comunale ha previsto un investimento tra i 2 e 3 milioni di euro per la realizzazione del secondo lotto dell’opera. La rete raggiungerà così le nuove aree del borgo senese e la frazione di Belforte. Entrata in esercizio nell’autunno del 2019, l’infrastruttura gestita da Geo Energy Service è alimentata da un pozzo geotermico di Enel Green Power e serve al momento oltre 150 utenze. …

Leggi tutto…

L’amministrazione del comune del milanese ha dato l’ok al progetto di revamping della centrale a metano a servizio della rete di teleriscaldamento di Engie. Il progetto prevede la costruzione di due serbatoi di accumulo e di una caldaia di backup. In questo modo sarà possibile sfruttare l’energia termica che arriverà dal termovalorizzatore di BEA a Desio e ridurre così il consumo di gas per alimentare l’infrastruttura …

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

L’azienda sta sperimentando nella città, dove è stata realizzata la prima rete di teleriscaldamento d’Italia, l’uso della termografia con droni per l’ispezione dell’infrastruttura. Una soluzione che si affianca alle tecniche di controllo già in uso, come la termografia a terra con automezzo, le prove di tenuta in pressione e i sistemi di misura estivi, e che permette di raggiungere le tratte di rete difficilmente accessibili dai mezzi a terra…

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…