Ags: bando per la progettazione del collettore del Garda


Comincia ad acquisire sostanza il progetto per la realizzazione del nuovo collettore fognario del Garda. Azienda gardesana servizi (Ags), che gestisce l’intera rete idrica dei comuni veronesi dell’area del Garda, ha pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il bando di gara per la progettazione definitiva dell’opera, limitatamente alla sponda di sua competenza. La base d’appalto per l’incarico di progettazione è di 928.500 euro, somma coperta con i finanziamenti garantiti per questa prima fase da Regione Veneto, Ato e ministero dell’Ambiente, con 300.000 euro ciascuno. Termine ultimo per presentare le offerte è il 13 marzo. L’aggiudicatario avrà sei mesi di tempo per sviluppare il progetto e l’obiettivo è arrivare ad aprire il cantiere del nuovo collettore nel 2019. Si tratta di un’opera fondamentale per la salvaguardia delle acque del lago, la cui realizzazione richiederà un maxi investimento complessivo di 220 milioni di euro, 100 dei quali garantiti da un finanziamento del governo, e che interessa le comunità su entrambe le rive. Il cronoprogramma prevede otto anni di lavori, tenendo conto che gli interventi potrebbero essere effettuati solo in bassa stagione, per realizzare il nuovo collettore che consentirà di eliminare l’attuale condotta sub-lacuale, troppo vecchia e sempre a rischio di rottura, per portare i reflui a depurazione. Un progetto però che per portare i suoi frutti necessita di un certo coordinamento tra le due sponte. A questo proposito, anche Garda Uno, si appresta a pubblicare il suo bando per i lavori che riguardano la sponda bresciana, bando che potrebbe arrivare per l’inizio del prossimo mese di marzo.


Leggi anche

C’è tempo fino al prossimo 10 giugno per presentare l’offerta per il bando di gara del gestore idrico della Basilicata per l’affidamento per un periodo di 5 anni del servizio di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti degli impianti di depurazione. Il bando riguarda 173 impianti ed è stato suddiviso in 10 lotti, ognuno dei quali accorpa depuratori geograficamente vicini …

Leggi tutto…

Approvato dall’Assembla dei Soci CORE, si passa alla fase di progettazione e successivamente all’iter del Provvedimento Autorizzativo. Martedì 2 aprile, presso lo Spazio Arte di Sesto, l’incontro per presentare il documento di risposta ai quesiti nati dal confronto con gli stakeholder, con l’annuncio dei progetti presi in carico. …

Leggi tutto…

Il comune, capofila per l’intero Atem del suo territorio, sta predisponendo la documentazione per la gara di affido del servizio, con l’obiettivo di bandirla prima dell’estate. Coinvolti nell’operazione, che ha complessivamente un valore di circa 300 milioni di euro, anche i comuni di Muggia, Duino Aurisina, San Dorligo, Sgonico, Monrupino…

Leggi tutto…

Promosso da Utilitalia, l’accordo è stato sottoscritto da 12 aziende di Molise, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna, per creare uno spazio di confronto e programmazione comune, favorire lo scambio di buone pratiche e affrontare le problematiche emergenti. Verranno creati gruppi di lavoro su diversi temi, dallo sviluppo delle infrastrutture all’accesso ai fondi Ue, dalla gestione del personale all’efficientamento di reti e impianti…

Leggi tutto…

I lavori, del valore di 2 milioni di euro, riguardano il potenziamento dell’impianto, la cui capacità di trattamento sarà portata a 9.730 abitanti equivalenti. L’intervento fa parte del piano di ammodernamento della depurazione della provincia di Foggia, dove l’azienda ha investito negli ultimi tre anni oltre 17 milioni e ha in programma opere al 2021 per oltre 33 milioni …

Leggi tutto…