AGS potenzia l’acquedotto di Castelnuovo del Garda con la Toc

È stato un intervento ad alto livello di innovazione e a basso impatto ambientale quello realizzato da Azienda Gardesana Servizi (AGS) a Castelnuovo del Garda per riqualificare una tratta di 363 metri della rete idrica in località Colombara.

I lavori sono stati eseguiti con la metodologia no-dig e hanno visto la posa di tubazioni realizzate in polietilene corazzato di nuova generazione, scelte per la loro capacità di fornire alte garanzie di durabilità ed affidabilità nel tempo.

 

I vantaggi della Toc

Per la posatura delle condotte si è optato per la tecnologia della trivellazione orizzontale controllata (Toc), che consente di realizzare il foro sotterraneo con una fresa rotante teleguidata dalla superficie e la posa in opera delle tubazioni, in tempi molto rapidi e senza alcuno scavo. L’uso di questa metodologia permette inoltre una ridotta produzione di materiali di risulta, limitando di conseguenza anche i costi per il trasporto e lo smaltimento degli stessi. L’opera è stata così realizzata con un impatto minimo sul traffico, aspetto fondamentale, dal momento che l’intervento è stato eseguito sulla strada Regionale 11, senza condizionare la regolare viabilità.

 

Attenzione all’ambiente e ai cittadini

I lavori, eseguiti a fronte di un investimento complessivo di 150.000 euro, hanno portato un ulteriore beneficio. Le nuove condotte sono state posate su sedime pubblico, eliminando le tratte collocate su proprietà privata.

«L’intervento realizzato a Castelnuovo del Garda ha permesso di riqualificare l’infrastruttura di acquedotto in maniera rapida e con un basso impatto ambientale, limitando anche l’incidenza sulla viabilità stradale di quell’arteria – ha sottolineato il presidente di Azienda Gardesana Servizi Angelo Cresco –. Abbiamo operato mediante tecnologie di nuova generazione che garantiscono una significativa riduzione dei tempi e dei costi di realizzazione e di ripristino, con un’attenzione particolare all’ambiente e alle esigenze dei cittadini».


Leggi anche

Aggregare la rete fognaria dei comuni di Conegliano, San Pietro di Feletto, Santa Lucia di Piave e Susegana e, per quanto riguarda quest’ultimo, estenderla a due frazioni. È quanto prevede il progetto da 4,8 milioni di euro sviluppato dal gestore idrico per razionalizzare il sistema fognario dell’area. I lavori comprendono la posa di 4,2 km di nuove condotte per realizzare la nuova linea dedicata al solo convoglio dei reflui, lasciando quella esistente alle acque meteoriche. …

Leggi tutto…

Servizi a Rete è Media Partner della 21a Trenchless Engineering 2023 conference che si svolgerà il 13-15 giugno 2023 a Tomaszowice vicino a Cracovia in Polonia. …

Leggi tutto…

Vale nel complesso circa 20 milioni di euro l’insieme di opere messo a punto dal gestore idrico per rinnovare completamente il sistema idrico della Valdelsa. L’obiettivo è di garantire la sicurezza dell’approvvigionamento ai territori di San Gimignano, Montaione, Gambassi Terme e Certaldo, e migliorare la qualità dell’acqua erogata. I lavori hanno preso il via con l’intervento nel comune di San Gimignano che prevede la posa di 6,3 km di nuove tubazioni …

Leggi tutto…

Aggiudicata la gara per l’eliminazione degli scarichi di acque nere provenienti da alcune zone della città nel canale e il loro convogliamento a depurazione. Il bando pubblicato da Invitalia, centrale di committenza per la Struttura Commissario Unico per la Depurazione, prevede la posa di 3 chilometri di condotte, delle quali 900 metri con la tecnica no-dig del microtunnelling….

Leggi tutto…

Il progetto messo a punto dal gestore prevede la posa di una nuova condotta per un’estensione di circa 2 chilometri in sostituzione di quella esistente, soggetta a dispendiose rotture e sottodimensionata rispetto alle esigenze del comune della provincia di Treviso. Oltre a porre fine allo spreco di acqua, consentirà di ridurre i costi energetici di gestione…

Leggi tutto…