AGSM AIM: 600 milioni per la crescita sostenibile

Rafforzamento della vocazione green, digitalizzazione delle reti gas ed elettriche, miglioramento della qualità dei servizi e della loro offerta, incremento dei clienti nel mercato energia. Sono i principali driver che guideranno nei prossimi quattro anni l’azione di AGSM AIM, il gruppo nato dalla fusione tra AGSM Verona e AIM Vicenza. Il Gruppo ha varato il piano industriale 2021-2024, che con 600 milioni di investimenti va a supportare l’ambizioso progetto che ne è all’origine: giocare un ruolo di primo piano nel panorama nazionale delle multiutility, in qualità di polo aggregante, in particolare nel Nord-Est.

Crescita all’insegna della sostenibilità

Gli investimenti previsti permetteranno al Gruppo di affrontare le principali sfide che attendono il settore, facendo della sostenibilità e del miglioramento dei servizi le principali leve della crescita, in linea con gli obiettivi di rilancio del New Green Deal Europeo e italiano. Non a caso nel comparto della generazione le risorse saranno destinate agli impianti di produzione da fonti rinnovabili. Nel campo ambientale, assieme a ulteriori sviluppi del teleriscaldamento, si punta a nuovi progetti di economia circolare. Non minore l’impegno nella digitalizzazione delle infrastrutture elettriche e gas e nell’ampliamento dell’offerta di servizi smart e innovativi, con il target di raggiungere al 2024 il milione di clienti.

Generazione sempre più green

Andando un po’ più nel dettaglio, per quanto riguarda la generazione di energia, gli investimenti previsti sono pari a 140 milioni di euro, circa il 20% del totale, con l’obiettivo di perseguire la transizione energetica. Le risorse, infatti, saranno interamente dedicate a incrementare la quota prodotta da fonti rinnovabili e la copertura del fabbisogno energetico. Il target è arrivare a 450 MW di potenza installata a fine piano, della quale il 60% rinnovabile.

Lo sviluppo del teleriscaldamento

Il piano industriale 2021-2014 prevede, poi, 50 milioni di euro (8% del totale) per lo sviluppo del teleriscaldamento a Vicenza e Verona. In questo caso l’obiettivo è di portare la quantità di energia termica venduta a 300 GWh e di raggiungere la leadership nella gestione energetica degli edifici nei territori di riferimento con la proposta di un’offerta integrata.

Reti gas ed elettriche

Importanti risorse sono destinate anche alle infrastrutture elettriche e gas con, rispettivamente, 140 milioni (20% del totale) e 100 milioni (14% del totale). Risorse che serviranno innanzitutto a spingere sulla digitalizzazione delle reti, migliorarne l’efficienza operativa e migliorare le modalità di lavoro del personale operativo. A ciò si aggiunte poi un incremento della capacità gestionale delle procedure di gara in vista delle importanti sfide rappresentate dalle gare ATEM.

Ambiente ed economia circolare

Nel settore ambiente l’obiettivo è lo sviluppo dell’economia circolare. Obiettivo che sarà perseguito con il rafforzamento impiantistico, finalizzato a ottimizzare la gestione dei flussi di rifiuti e al raggiungimento dell’autonomia impiantistica di trattamento e riciclo. Al comparto sono destinati oltre 75 milioni, che permetteranno di incrementare di oltre 300 KTON la capacità di trattamento e smaltimento, grazie allo sviluppo e al rafforzamento di impianti di trattamento della materia.

Servizi smart

Altro ambizioso target di AGSM AIM è di giocare un ruolo di primo piano nella generazione e fornitura di innovativi servizi e soluzioni ad alto valore aggiunto per i territori di riferimento. Con particolare attenzione verso la pubblica amministrazione, il mercato business e le altre business unit del Gruppo in qualità di partner privilegiato. Target sostenuto da investimenti per 100 milioni di euro (14% del totale). Alcuni tra gli obiettivi fissati al 2024:

  • oltre 150.000 punti luce intelligenti  
  • 350 punti di ricarica per auto elettriche a Verona e Vicenza
  • 20.000 stalli di gestione della sosta 
  • efficientamento energetico per la pubblica amministrazione.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

La posa del tratto finale del collettore a servizio di Moriago e Sernaglia della Battaglia sarà effettuata con la tecnica del microtunnelling, scelta sia per ridurre al minimo l’impatto delle opere sia perché permetterà di evitare la costruzione di stazioni di sollevamento. L’intervento che partirà il prossimo mese, prevede l’installazione di 800 m di condotte con un investimento di quasi 2 milioni di euro….

Leggi tutto…

Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha spento il forno del termovalorizzatore. L’impianto, costruito negli anni ’80, verrà demolito per procedere alla realizzazione della Biopiattaforma, innovativo impianto green carbon neutral. I lavori inizieranno ad aprile. Presente alla cerimonia l’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo e Riccardo Pase, presidente Commissione Ambiente della Regione…

Leggi tutto…

La società ha acquisito la rete a servizio della cittadina alle porte di Milano, portando a 15 le infrastrutture di teleriscaldamento gestite in Italia. La rete di Corsico si estende per 6 chilometri ed è alimentata da una centrale a metano e fornisce calore al quartiere Burgo e ad alcuni stabili del centro. ENGIE ne ha previsto la sua estensione, per sfruttarne tutto il potenziale di distribuzione del calore….

Leggi tutto…

Le due utility idriche del Sud hanno siglato un’intesa per collaborare nella formazione del personale. In base all’accordo, AQP Water Academy, il centro di eccellenza di formazione di Acquedotto Pugliese, organizzerà ed erogherà corsi e moduli formativi per i tecnici di Acquedotto Lucano. Una partnership che, grazie al trasferimento e alla condivisione delle migliori pratiche, favorirà la crescita qualitativa delle aziende e del servizio erogato….

Leggi tutto…

UV-CIPP

Si è concluso con successo e nel pieno rispetto delle tempistiche il risanamento eseguito con tecnologia UV-CIPP di uno dei più grandi collettori fognari di Monza, per una lunghezza complessiva pari a circa 2 km. I lavori hanno interessato 885 m di condotta circolare DN800, 308 m di condotta circolare DN1000 e 692 m di condotta ovoidale 1200×1800 (DN1500), poste rispettivamente all’interno dell’asse compreso tra viale Stucchi e viale delle Industrie, due delle principali arterie della città.
Guarda il video

Leggi tutto…