AGSM AIM: 600 milioni per la crescita sostenibile

Rafforzamento della vocazione green, digitalizzazione delle reti gas ed elettriche, miglioramento della qualità dei servizi e della loro offerta, incremento dei clienti nel mercato energia. Sono i principali driver che guideranno nei prossimi quattro anni l’azione di AGSM AIM, il gruppo nato dalla fusione tra AGSM Verona e AIM Vicenza. Il Gruppo ha varato il piano industriale 2021-2024, che con 600 milioni di investimenti va a supportare l’ambizioso progetto che ne è all’origine: giocare un ruolo di primo piano nel panorama nazionale delle multiutility, in qualità di polo aggregante, in particolare nel Nord-Est.

Crescita all’insegna della sostenibilità

Gli investimenti previsti permetteranno al Gruppo di affrontare le principali sfide che attendono il settore, facendo della sostenibilità e del miglioramento dei servizi le principali leve della crescita, in linea con gli obiettivi di rilancio del New Green Deal Europeo e italiano. Non a caso nel comparto della generazione le risorse saranno destinate agli impianti di produzione da fonti rinnovabili. Nel campo ambientale, assieme a ulteriori sviluppi del teleriscaldamento, si punta a nuovi progetti di economia circolare. Non minore l’impegno nella digitalizzazione delle infrastrutture elettriche e gas e nell’ampliamento dell’offerta di servizi smart e innovativi, con il target di raggiungere al 2024 il milione di clienti.

Generazione sempre più green

Andando un po’ più nel dettaglio, per quanto riguarda la generazione di energia, gli investimenti previsti sono pari a 140 milioni di euro, circa il 20% del totale, con l’obiettivo di perseguire la transizione energetica. Le risorse, infatti, saranno interamente dedicate a incrementare la quota prodotta da fonti rinnovabili e la copertura del fabbisogno energetico. Il target è arrivare a 450 MW di potenza installata a fine piano, della quale il 60% rinnovabile.

Lo sviluppo del teleriscaldamento

Il piano industriale 2021-2014 prevede, poi, 50 milioni di euro (8% del totale) per lo sviluppo del teleriscaldamento a Vicenza e Verona. In questo caso l’obiettivo è di portare la quantità di energia termica venduta a 300 GWh e di raggiungere la leadership nella gestione energetica degli edifici nei territori di riferimento con la proposta di un’offerta integrata.

Reti gas ed elettriche

Importanti risorse sono destinate anche alle infrastrutture elettriche e gas con, rispettivamente, 140 milioni (20% del totale) e 100 milioni (14% del totale). Risorse che serviranno innanzitutto a spingere sulla digitalizzazione delle reti, migliorarne l’efficienza operativa e migliorare le modalità di lavoro del personale operativo. A ciò si aggiunte poi un incremento della capacità gestionale delle procedure di gara in vista delle importanti sfide rappresentate dalle gare ATEM.

Ambiente ed economia circolare

Nel settore ambiente l’obiettivo è lo sviluppo dell’economia circolare. Obiettivo che sarà perseguito con il rafforzamento impiantistico, finalizzato a ottimizzare la gestione dei flussi di rifiuti e al raggiungimento dell’autonomia impiantistica di trattamento e riciclo. Al comparto sono destinati oltre 75 milioni, che permetteranno di incrementare di oltre 300 KTON la capacità di trattamento e smaltimento, grazie allo sviluppo e al rafforzamento di impianti di trattamento della materia.

Servizi smart

Altro ambizioso target di AGSM AIM è di giocare un ruolo di primo piano nella generazione e fornitura di innovativi servizi e soluzioni ad alto valore aggiunto per i territori di riferimento. Con particolare attenzione verso la pubblica amministrazione, il mercato business e le altre business unit del Gruppo in qualità di partner privilegiato. Target sostenuto da investimenti per 100 milioni di euro (14% del totale). Alcuni tra gli obiettivi fissati al 2024:

  • oltre 150.000 punti luce intelligenti  
  • 350 punti di ricarica per auto elettriche a Verona e Vicenza
  • 20.000 stalli di gestione della sosta 
  • efficientamento energetico per la pubblica amministrazione.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

L’amministrazione del comune del milanese ha dato l’ok al progetto di revamping della centrale a metano a servizio della rete di teleriscaldamento di Engie. Il progetto prevede la costruzione di due serbatoi di accumulo e di una caldaia di backup. In questo modo sarà possibile sfruttare l’energia termica che arriverà dal termovalorizzatore di BEA a Desio e ridurre così il consumo di gas per alimentare l’infrastruttura …

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

Il consorzio europeo costituito da 13 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio Italiano Biogas, ha chiesto alla commissione di introdurre nella nuova Direttiva sulle energie rinnovabili un obiettivo vincolante dell’11% di gas rinnovabili sul totale della domanda di gas al 2030. Una misura che aiuterebbe a raggiungere gli obiettivi climatici fissati dall’Unione e ad accelerare la crescita dei gas green …

Leggi tutto…