alleanza

AGSM Verona e AIM Vicenza: verso la nascita di una nuova multiutility nel Triveneto

Le due società multiservizi AGSM Verona e AIM Vicenza hanno definito il progetto industriale preliminare che pone le basi per la nascita di un soggetto leader nei servizi pubblici essenziali, che possa porsi come polo di aggregazione alternativo e di crescita nel Triveneto. Il progetto risulta ancor più strategico nell’attuale fase di graduale ripresa economica post emergenza sanitaria, poiché potrà fornire stimolo e sostegno alle piccole e medie imprese e alla collettività alle quali i soggetti coinvolti si rivolgono.

Il documento, frutto di un ampio lavoro di analisi che AGSM e AIM hanno condotto nei mesi scorsi, con il supporto di advisor strategici, finanziari e legali, descrive l’assetto che avrà la nuova realtà, nella quale convergeranno alcuni asset industriali di A2A di rilevanza strategica.

L’operazione messa a punto da AGSM e AIM consentirà di assicurare alla nuova multiutility un significativo rafforzamento industriale, ma anche il mantenimento di una solida maggioranza in mano pubblica in capo ai comuni di Verona e Vicenza, così da garantire maggiori investimenti, incremento dell’occupazione e generazione di crescenti dividendi a beneficio dei territori e della comunità. Il rafforzamento industriale previsto per la nuova realtà consentirà la chiusura del ciclo dei rifiuti, l’incremento della capacità di generazione di energia da fonti rinnovabili e lo sviluppo di progetti, soluzioni e infrastrutture smart, a servizio delle città e della loro attrattività.

 

Chiusura del ciclo dei rifiuti

Più in dettaglio, la chiusura del ciclo dei rifiuti – che permetterà di mantenere invariate le tariffe per i cittadini e di dare una concreta risposta alla sfida ambientale – avverrà in seguito all’apporto della nuova realtà del Centro Integrato di Corteolona che comprende un impianto di termovalorizzazione e altri impianti di trattamento dei rifiuti. In particolare, il termovalorizzatore, per cui la costruzione del nuovo impianto a griglia in sostituzione dell’attuale è già stata autorizzata, diventerà uno dei più innovativi sistemi impiantistici del Paese, con una importante capacità di smaltimento in grado di rispondere al fabbisogno attuale e prospettico di trattamento per i territori serviti oggi da AGSM e AIM, e poi dalla aggregazione.

 

Energia da fonti rinnovabili e soluzioni smart

La nuova multiutility avrà inoltre una forte impronta green, in quanto la capacità di generazione da fonti rinnovabili sarà quasi raddoppiata rispetto a quella oggi installata da AGSM ed AIM. Ciò avverrà grazie all’apporto del Nucleo idroelettrico del Friuli composto dalle centrali di Ampezzo e Somplago, con una crescita della componente green fino al 65% del mix (rispetto a circa il 40% oggi). La nuova realtà punta così a diventare un riferimento nel processo di transizione energetica in corso a livello europeo.

Inoltre, grazie all’apporto di una partecipazione strategica in A2A Smart City, verrà trasferito importante know-how che consentirà al nuovo Gruppo di sviluppare progetti, soluzioni e infrastrutture smart a servizio delle città, con investimenti sulle tecnologie intelligenti in grado di rendere più sostenibile, efficiente e interconnesso il sistema delle relazioni nei centri urbani.

 

Crescita economica dei territori

Altro presupposto fondamentale del progetto è quello di assicurare una crescita prospettica dei territori serviti grazie a un piano di investimenti di oltre 900 milioni da erogare nei prossimi 5 anni. Si arriverà quasi a quadruplicare gli investimenti di AGSM e AIM nell’ultimo quinquennio, con evidenti ricadute sui territori in termini di indotto economico e di crescita occupazionale.

La solidità finanziaria e industriale del nuovo Gruppo consentirà infine di promuovere una significativa crescita dei dividendi per i comuni azionisti a beneficio dei progetti di sviluppo sociale e del miglioramento dei servizi alla collettività grazie alle maggiori risorse generate.

 

I prossimi step del progetto

Il progetto industriale preliminare procederà ora il suo iter attraverso un confronto pubblico e politico con i portatori di interesse e in parallelo con una verifica di mercato – a partire dagli attori che hanno manifestato interesse nei mesi precedenti – circa l’infungibilità industriale della progettualità sulla quale le parti hanno lavorato in questi mesi. Qualora non emergano elementi critici, il progetto industriale potrà essere sottoposto ad approvazione da parte dei rispettivi Consigli di Amministrazione di AGSM e AIM e in seguito all’approvazione nei Consigli Comunali di Verona e Vicenza.


Leggi anche

Invitalia ha pubblicato il bando nazionale Impresa SIcura che permette alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale (DPI) per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19…

Leggi tutto…

Sede Estra

Lo scorso anno è stato particolarmente positivo per la multiutility dell’energia e dei servizi ambientali, grazie al miglioramento e all’estensione delle performance di tutti i settori di business. Il bilancio consolidato, approvato dal consiglio di amministrazione, ha registrato un incremento dei ricavi del 18% rispetto all’anno precedente, sfiorando il miliardo di euro. Su del 35% anche il margine operativo lordo, pari a 37,8 milioni, e addirittura del 117% l’utile netto pari a 16,7 milioni…

Leggi tutto…

Al via per il terzo anno consecutivo la gara congiunta dei gestori pubblici dell’acqua di Lombardia e Piemonte per la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili. L’importo è di 139 milioni di euro circa…

Leggi tutto…

Le due gare riguardano la manutenzione per i prossimi tre anni di circa 50.000 km di linee aeree a 150 kV sull’intero territorio nazionale. Ad aggiudicarsele tutte imprese italiane sottoposte a una complessa valutazione tecnica per via della complessità dei lavori, che impegneranno tra dipendenti e indotto, oltre 10.000 lavoratori …

Leggi tutto…

Le due società hanno rinnovato il Memorandum of Understanding finalizzato a valorizzare le potenziali sinergie tra il sistema gas e il sistema elettrico. Tre le aree al centro dell’intesa: le centrali dual fuel, il sector coupling, in particolare con l’integrazione delle fonti rinnovabili, e la ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per rendere le reti energetiche sempre più sostenibili…

Leggi tutto…