Aimag: biometano dai rifiuti e non solo nel progetto del nuovo digestore

È previsto per la fine dell’anno l’avvio dei lavori per la costruzione di un nuovo impianto per la produzione di biometano dalla frazione dei rifiuti di Aimag. Il nuovo impianto sorgerà presso il sito di Fossoli, frazione di Carpi, della multiutility.

L’opera permetterà di produrre il combustibile rinnovabile attraverso il processo di digestione anaerobica dei rifiuti organici. Secondo il progetto, il sistema potrà gestire 66.000 tonnellate di rifiuti organici all’anno, generando oltre 5 milioni di metri cubi di biometano. Il gas pulito sarà immesso nella rete gas di carpi, fornendo così energia rinnovabile e a chilometro zero ad abitazioni e industrie.

Oltre al gas, l’impianto permetterà di ottenere anche circa 18.000 tonnellate annue di compost, da utilizzare per la fertilizzazione dei suoli, chiudendo così in modo virtuoso il ciclo dei rifiuti.
 

Il recupero della CO2

Ma non solo. Perché con questo progetto Aimag ha deciso di spingere forte su sostenibilità e innovazione. Sempre nel sito di Fossoli, infatti, si effettuerà anche il recupero di anidride carbonica prodotta durante i processi di digestione anaerobica dei rifiuti. La CO2, quindi, invece di esser liberata in atmosfera, sarà recuperata e resa disponibile per altri utilizzi. Anche in questo caso si parla di numeri rilevanti: circa 3,8 milioni di metri cubi all’anno.
 

Il progetto Power to gas

Ma non è ancora tutto. La multiutility ha infatti in cantiere un altro progetto sperimentale che ha candidato a diversi bandi europei. Si tratta di un progetto di Power to gas, affiancato al nuovo digestore. Nello specifico il progetto prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico presso la vicina discarica. Con l’energia generata tramite fonte solare verrà prodotto idrogeno attraverso il processo di elettrolisi. L’idrogeno a sua volta sarà combinato con parte della CO2 recuperata per produrre altro biometano, anche questo destinato all’immissione nella rete.

Per quanto riguarda le tempistiche, il progetto di Aimag è ora al vaglio della Conferenza dei servizi, giunta alle battute finali. Una volta ottenuta l’autorizzazione, la multiutility procederà con il bando di gara dei lavori, con l’obiettivo di dare il via entro la fine dell’anno.
 

Il terzo biodigestore

Il nuovo digestore, una volta realizzato, sarà il terzo di Aimag. Il primo è stato realizzato sempre a Fossoli a fine 2013 e tratta circa 30.000 tonnellate di rifiuti organici trasformandoli in biogas. Il secondo è stato invece costruito presso il sito di compostaggio nel comune di Finale Ligure, in provincia di Savona. Entrato in funzione nel 2018 tratta circa 50.000 tonnellate all’anno di frazione organica.

 


Leggi anche

Sviluppato con un investimento di 10 milioni di euro e installato presso il depuratore di Bologna Corticella, l’impianto permette di convertire energia elettrica rinnovabile e acque reflue in idrogeno verde e, poi, quest’ultimo in biometano da immettere in rete. L’entrata in esercizio è prevista entro il prossimo anno e una volta a regime permetterà di coprire i consumi di 1200 famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di circa 50 Nm3/h di CO2….

Leggi tutto…

Il finanziamento di Cassa Depositi e Prestiti permetterà alla società attiva nella distribuzione e vendita di gas naturale ed elettricità di proseguire il suo percorso di espansione. Le risorse verranno utilizzate per acquisire aziende specializzate nelle attività di impiantistica avanzata, nell’efficientamento energetico e nella produzione di biometano, con benefici anche sul piano occupazionale…

Leggi tutto…

Al posto dell’ex termovalorizzatore di Sesto San Giovanni nasce la BioPiattaforma di ZeroC, un impianto che unirà la termovalorizzazione dei fanghi di depurazione con la produzione di biometano. Infatti, dal trattamento della FORSU – il rifiuto organico urbano – si può ottenere gas 100% naturale e compatibile con l’immissione in rete per uso domestico….

Leggi tutto…

Realizzato da Snam4Environment, l’impianto è il primo di questo tipo in Sicilia e a pieno regime consentirà di recuperare circa 36.000 tonnellate/anno di FORSU, producendo 3,6 milioni di metri cubi di biometano e 10.000 tonnellate di digestato da usare come concime. Permetterà così di migliorare la gestione dei rifiuti nella provincia e di evitare l’immissione in atmosfera di 7.000 tonnellate di CO₂…

Leggi tutto…

Gli investimenti tecnici realizzati dal gestore della distribuzione gas di 101 comuni toscani hanno sfiorato i 70 milioni di euro lo scorso anno, in aumento di ben il 16% rispetto al 2020. Risorse impegnate, in particolare, per metanizzare nuove porzioni di territorio e accelerare il processo di digitalizzazione delle infrastrutture, aspetto strategico per aprire la rete alla distribuzione dei gas rinnovabili…

Leggi tutto…