Aimag: biometano dai rifiuti e non solo nel progetto del nuovo digestore

È previsto per la fine dell’anno l’avvio dei lavori per la costruzione di un nuovo impianto per la produzione di biometano dalla frazione dei rifiuti di Aimag. Il nuovo impianto sorgerà presso il sito di Fossoli, frazione di Carpi, della multiutility.

L’opera permetterà di produrre il combustibile rinnovabile attraverso il processo di digestione anaerobica dei rifiuti organici. Secondo il progetto, il sistema potrà gestire 66.000 tonnellate di rifiuti organici all’anno, generando oltre 5 milioni di metri cubi di biometano. Il gas pulito sarà immesso nella rete gas di carpi, fornendo così energia rinnovabile e a chilometro zero ad abitazioni e industrie.

Oltre al gas, l’impianto permetterà di ottenere anche circa 18.000 tonnellate annue di compost, da utilizzare per la fertilizzazione dei suoli, chiudendo così in modo virtuoso il ciclo dei rifiuti.
 

Il recupero della CO2

Ma non solo. Perché con questo progetto Aimag ha deciso di spingere forte su sostenibilità e innovazione. Sempre nel sito di Fossoli, infatti, si effettuerà anche il recupero di anidride carbonica prodotta durante i processi di digestione anaerobica dei rifiuti. La CO2, quindi, invece di esser liberata in atmosfera, sarà recuperata e resa disponibile per altri utilizzi. Anche in questo caso si parla di numeri rilevanti: circa 3,8 milioni di metri cubi all’anno.
 

Il progetto Power to gas

Ma non è ancora tutto. La multiutility ha infatti in cantiere un altro progetto sperimentale che ha candidato a diversi bandi europei. Si tratta di un progetto di Power to gas, affiancato al nuovo digestore. Nello specifico il progetto prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico presso la vicina discarica. Con l’energia generata tramite fonte solare verrà prodotto idrogeno attraverso il processo di elettrolisi. L’idrogeno a sua volta sarà combinato con parte della CO2 recuperata per produrre altro biometano, anche questo destinato all’immissione nella rete.

Per quanto riguarda le tempistiche, il progetto di Aimag è ora al vaglio della Conferenza dei servizi, giunta alle battute finali. Una volta ottenuta l’autorizzazione, la multiutility procederà con il bando di gara dei lavori, con l’obiettivo di dare il via entro la fine dell’anno.
 

Il terzo biodigestore

Il nuovo digestore, una volta realizzato, sarà il terzo di Aimag. Il primo è stato realizzato sempre a Fossoli a fine 2013 e tratta circa 30.000 tonnellate di rifiuti organici trasformandoli in biogas. Il secondo è stato invece costruito presso il sito di compostaggio nel comune di Finale Ligure, in provincia di Savona. Entrato in funzione nel 2018 tratta circa 50.000 tonnellate all’anno di frazione organica.

 


Leggi anche

Oltre 70 le realtà della distribuzione gas europee firmatarie di una lettera aperta alla Commissione Europea. Lettera nella quale si chiede di consentire la distribuzione nelle reti esistenti di miscele di idrogeno e gas naturale. Una soluzione fondamentale per accelerare la transizione energetica e per favorire lo sviluppo dell’offerta di idrogeno sul mercato….

Leggi tutto…

Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha spento il forno del termovalorizzatore. L’impianto, costruito negli anni ’80, verrà demolito per procedere alla realizzazione della Biopiattaforma, innovativo impianto green carbon neutral. I lavori inizieranno ad aprile. Presente alla cerimonia l’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo e Riccardo Pase, presidente Commissione Ambiente della Regione…

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano prosegue sulla strada dell’economia circolare aderendo al progetto NO.W! “NO Waste” e permettendo alle persone dell’azienda di acquistare a prezzo scontato prodotti buoni ma non più vendibili nei circuiti della grande distribuzione e provvedendo a trasformare in energia quelli ormai giunti a fine ciclo…

Leggi tutto…

Sarà completato nel 2022 l’impianto di biodigestione che consentirà ad Alia Servizi Ambientali, che gestisce i servizi di igiene ambientale nell’ATO Toscana Centro, di produrre biometano dalla frazione organica dei rifiuti. L’impianto, che sarà il più grande d’Italia con questa tecnologia, sarà realizzato con un investimento di 30 milioni e permetterà di ottenere 11 milioni di metri cubi di gas green all’anno, attraverso il trattamento di 160.000 tonnellate di rifiuti organici….

Leggi tutto…

Sono questi i temi al centro della collaborazione tra Snam e Politecnico di Milano, che avrà un focus dedicato alle potenzialità dell’idrogeno e degli altri gas verdi nella lotta ai cambiamenti climatici. La partnership interesserà anche la ricerca su mobilità sostenibile, biometano, liquefazione e Small Scale GNL, oltre che progetti di cattura, trasporto, stoccaggio e riutilizzo dell’anidride carbonica. …

Leggi tutto…