Aimag realizza un nuovo acquedotto per Carpi

Per la fine del 2019 Carpi potrà godere di una nuova adduttrice, moderna ed efficiente, per l’approvvigionamento dell’acqua. Aimag, la multiutility che gestisce il ciclo idrico, i servizi energetici e ambientali in quattordici comuni dell’area Nord della provincia di Modena e in sette dell’Oltrepo mantovano, ha dato il via ai lavori per la sostituzione della condotta idrica in cemento amianto che trasporta l’acqua in città da Fontana di Rubiera. Un progetto che punta a diversi obiettivi, a partire dalla riduzione della quantità di condotte che possono generare la dispersione di fibre di amianto. A questo si aggiungono la rimodulazione dei volumi idrici ai maggiori fabbisogni della città, che negli ultimi anni ha visto un significativo aumento della popolazione, e, più in generale, una maggiore qualità del servizio erogato. Il nuovo acquedotto si estenderà complessivamente per 15 chilometri e per la sua realizzazione sono stati stanziati 13,5 milioni di euro suddivisi su tre stralci. La prima fase prevede la posa di 6,4 km di tubazioni in ghisa sferoidale, con rivestimento esterno in poliuretano espanso e rivestimento interno in malta centrifugata d’altoforno. La realizzazione di questo tratto richiederà circa 160 giorni di lavoro e comporterà interferenze con sottoservizi, fra i quali vari attraversamenti e parallelismi di canali consorziali e due intersezioni con condotte Snam per il trasporto gas naturale, dove le condotte verranno posate con la tecnologia no dig. Subito dopo si procederà con il secondo stralcio, dalla centrale idrica del Campo Pozzi di Fontana all’attraversamento dell’autostrada A1. Si tratta della porzione d’opera più complessa, proprio perché la condotta dovrà attraversare il blocco rappresentato dall’autostrada e dalle linee ferroviarie dell’alta velocità, anche in questo caso utilizzando una tecnica senza scavo. Infine, il terzo stralcio, che riguarda la realizzazione del tratto dalla Via Cicerone fino all’abitato di Carpi, e delle relative linee di distribuzione. Alla posa della condotta si affiancherà, inoltre, il rifacimento della parte dell’anello principale di distribuzione del comune.


Leggi anche

Nel quadro dei lavori per l’ampliamento dell’impianto di depurazione dei reflui di Borghetto Santo Spirito, eseguiti dall’impresa ZUMAGLINI e GALLINA di Torino, sono state portate a termine con successo due trivellazioni orizzontali controllate (TOC), eseguite dall’Impresa subappaltatrice veneta ANESE che ha diretto la posa di due condotte in ghisa sferoidale – fornite da Saint-Gobain PAM Italia SpA – in parallelo: una DN 400 e l’altra DN 600. Un vero record se consideriamo che il DN 600 è il diametro più grande di tubazioni in ghisa sferoidale tirato finora in Italia con questa tecnica. All’estero si è arrivati fino al DN 800….

Leggi tutto…

Per ridurre al minimo i disagi per la popolazione e i turisti, il Comune, che gestisce il servizio idrico integrato, ha scelto la tecnica della Trivellazione orizzontale controllata per la posa di un nuovo collettore in una strada del centro storico. La sostituzione della vecchia condotta si è resa necessaria per via del suo avanzato stato di deterioramento, causa di continue perdite …

Leggi tutto…

L’intervento riguarda la dorsale principale che assicura l’approvvigionamento della zona industriale di Vado Ligure. Per il recupero funzionale della condotta, che ha una lunghezza di 1 chilometro e un diametro di 300 mm, verrà utilizzata la tecnica Primus line, che prevede l’inserimento di un tubolare all’interno delle tubazioni esistenti. La conclusione dei lavori è prevista per la metà di maggio…

Leggi tutto…

Già avviati i lavori per la realizzazione di una condotta della lunghezza di 12 chilometri che porterà l’acqua in uscita dal depuratore nell’agro di Lentini, a beneficio delle aziende agricole della zona, invece di finire in mare. Le opere, che prevedono anche la costruzione di una vasca di raccolta, saranno completate per la fine dell’anno. Intanto è stato stilato un piano per l’estensione della rete fognaria in città, che in diversi aree ne è ancora priva…

Leggi tutto…

Realizzato il collettore fognario per la raccolta dei reflui della zona delle Mura Megalitiche. Diverse le criticità che i tecnici hanno dovuto affrontare per posare oltre 2 chilometri di condotta, quali la profondità dello scavo e l’attraversamento di una strada statale e di diverse zone di alto pregio paesaggistico e archeologico. L’investimento per i lavori è stato di 1,5 milioni di euro…

Leggi tutto…