Aimag realizza un nuovo acquedotto per Carpi

Per la fine del 2019 Carpi potrà godere di una nuova adduttrice, moderna ed efficiente, per l’approvvigionamento dell’acqua. Aimag, la multiutility che gestisce il ciclo idrico, i servizi energetici e ambientali in quattordici comuni dell’area Nord della provincia di Modena e in sette dell’Oltrepo mantovano, ha dato il via ai lavori per la sostituzione della condotta idrica in cemento amianto che trasporta l’acqua in città da Fontana di Rubiera. Un progetto che punta a diversi obiettivi, a partire dalla riduzione della quantità di condotte che possono generare la dispersione di fibre di amianto. A questo si aggiungono la rimodulazione dei volumi idrici ai maggiori fabbisogni della città, che negli ultimi anni ha visto un significativo aumento della popolazione, e, più in generale, una maggiore qualità del servizio erogato. Il nuovo acquedotto si estenderà complessivamente per 15 chilometri e per la sua realizzazione sono stati stanziati 13,5 milioni di euro suddivisi su tre stralci. La prima fase prevede la posa di 6,4 km di tubazioni in ghisa sferoidale, con rivestimento esterno in poliuretano espanso e rivestimento interno in malta centrifugata d’altoforno. La realizzazione di questo tratto richiederà circa 160 giorni di lavoro e comporterà interferenze con sottoservizi, fra i quali vari attraversamenti e parallelismi di canali consorziali e due intersezioni con condotte Snam per il trasporto gas naturale, dove le condotte verranno posate con la tecnologia no dig. Subito dopo si procederà con il secondo stralcio, dalla centrale idrica del Campo Pozzi di Fontana all’attraversamento dell’autostrada A1. Si tratta della porzione d’opera più complessa, proprio perché la condotta dovrà attraversare il blocco rappresentato dall’autostrada e dalle linee ferroviarie dell’alta velocità, anche in questo caso utilizzando una tecnica senza scavo. Infine, il terzo stralcio, che riguarda la realizzazione del tratto dalla Via Cicerone fino all’abitato di Carpi, e delle relative linee di distribuzione. Alla posa della condotta si affiancherà, inoltre, il rifacimento della parte dell’anello principale di distribuzione del comune.


Leggi anche

L’intervento programmato dal gestore idrico della provincia di Caltanissetta prevede la posa di 2,2 chilometri di nuove condotte e la sostituzione di oltre 540 metri di rete esistente per garantire l’approvvigionamento dell’area di Santa Caterina, ora servita con autobotti. Per ridurre l’impatto dei lavori verranno adottate la tecnica del tubo dentro tubo e altre soluzioni trenchless ora al vaglio…

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

In meno di due settimane lavorative l’azienda ha concluso la sostituzione di un tratto di rete idrica ammalorata sulle rive della città. Le vecchie tubazioni sono state sfilate dalla condotta esistente in ghisa e al loro posto inserite tubazioni multistrato in Pe, con strato intermedio di alluminio, per proteggerle da eventuali infiltrazioni di acqua di mare …

Leggi tutto…

L’utilizzo della tecnologia No-Dig permetterà di risanare la condotta idrica ammalorata, del diametro di 450 mm, che attraversa i resti dell’antica fortificazione aragonese nel centro della città. Un intervento complesso che consentirà di porre fine ai continui allagamenti dell’importante sito archeologico generati dalle perdite della vecchia tubazione…

Leggi tutto…

Nel quadro dei lavori per l’ampliamento dell’impianto di depurazione dei reflui di Borghetto Santo Spirito, eseguiti dall’impresa ZUMAGLINI e GALLINA di Torino, sono state portate a termine con successo due trivellazioni orizzontali controllate (TOC), eseguite dall’Impresa subappaltatrice veneta ANESE che ha diretto la posa di due condotte in ghisa sferoidale – fornite da Saint-Gobain PAM Italia SpA – in parallelo: una DN 400 e l’altra DN 600. Un vero record se consideriamo che il DN 600 è il diametro più grande di tubazioni in ghisa sferoidale tirato finora in Italia con questa tecnica. All’estero si è arrivati fino al DN 800….

Leggi tutto…