Al Convegno SMAT “I driver dello sviluppo”: l’evoluzione del servizio idrico integrato con orizzonte 2030


La prima giornata dei lavori è stata finalizzata ad approfondire le diverse posizioni rispetto ai nuovi assetti da dare alla governance. In concomitanza con l’inizio della discussione, presso la Commissione Ambiente della Camera, delle Proposta di Legge in materia di gestione pubblica e partecipativa del ciclo integrale delle acque i parlamentari coinvolti, l’ente regolatore, i rappresentanti di associazioni nazionali ed internazionali, dei Comuni e delle aziende del settore hanno fornito un quadro dello stato attuale ed affrontato un confronto sugli eventuali sviluppi futuri, dal quale è emerso un clima aperto al confronto ed alla collaborazione.
Tutti gli interventi si sono rivelati generalmente concordi per un controllo pubblico sulla gestione, le differenze sono emerse sulla forma giuridica e, più ancora che su questo punto, sul finanziamento degli investimenti: dalla tariffa piuttosto che dalla fiscalità generale. Per la maggior parte degli intervenuti la gestione deve essere industriale in modo da garantire efficienza e tempestività nell’affrontare gli investimenti.
La seconda giornata è stata invece dedicata ad illustrare i progetti sviluppati dai gestori, dagli enti accademici ed industriali ed i risultati raggiunti nell’ambito della ricerca applicata nell’attività quotidiana delle utility.
L’impegno di SMAT nella ricerca e nell’innovazione ha avuto dimostrazione tangibile nell’inaugurazione del nuovo dipartimento “Acque Reflue” del Centro Ricerche e della sezione di Deammonificazione del Centro Risanamento Acque di Castiglione Torinese. Quest’ultima realizzazione costituisce un valido esempio di solidarietà su area vasta: la nuova sezione consentirà infatti all’impianto di aumentare del 10% l’abbattimento dell’azoto liberando impianti più piccoli e più vulnerabili e migliorando la tutela dell’ambiente fluviale.


Leggi anche

Con il via libera della Conferenza unificata il governo può sbloccare circa 250 milioni per il Piano straordinario invasi multiobiettivo e il risparmio di acqua per usi civili e agricoli destinati a 30 grandi opere. Tra queste l’adeguamento del sistema idrico nell’area Flegreo Domiziana, in Campania, e il completamento della derivazione dall’invaso di Castagnara, in Calabria…

Leggi tutto…

Il progetto del gestore del servizio idrico in 69 comuni della provincia di Vicenza prevede la posa di 8,5 chilometri di condotte per realizzare una nuova linea alternativa a quella esistente e garantire la continuità di approvvigionamento a un territorio di 100.000 abitanti. I lavori, sostenuti da un investimento di 13 milioni di euro, saranno eseguiti tra il 2020 e il 2022, e accompagnati dall’adeguamento della rete fognaria …

Leggi tutto…

L’Associazione Riaprire i Navigli, in quest’ultimo anno, si è dedicata ad analizzare le modalità di finanziamento del progetto e le ricadute socioeconomiche dell’investimento. Il 28 novembre presso l’Auditorium Claudio De Albertis – Assimpredil Ance verranno presentati i risultati della Ricerca Progetto Territoriale Fondazione Cariplo…

Leggi tutto…

Cinque i comuni coinvolti nel programma di lotta alle perdite idriche avviato dal gestore idrico sardo: Olbia, Tempio Pausania, Arzachena, La Maddalena e Santa Teresa. Comuni che contano nel complesso circa 300 km di rete con un livello di perdite che supera il 61% nei quali verrà implementato il cosiddetto modello Oliena, una buona pratica che, attraverso l’ingegnerizzazione della rete e la diagnosi dei malfunzionamenti, porta a interventi risolutivi mirati …

Leggi tutto…

Milano, 22 novembre 2018
Milano ha i numeri per diventare il Centro Europeo dei Canali storici.
Questo primo convegno lo dimostrerà con la rassegna dei Navigli, Canali e Rogge realizzati da Milano dopo il Mille e prima del Cinquecento considerati dagli storici il più antico patrimonio di canali d’Europa….

Leggi tutto…