Al Convegno SMAT “I driver dello sviluppo”: l’evoluzione del servizio idrico integrato con orizzonte 2030


La prima giornata dei lavori è stata finalizzata ad approfondire le diverse posizioni rispetto ai nuovi assetti da dare alla governance. In concomitanza con l’inizio della discussione, presso la Commissione Ambiente della Camera, delle Proposta di Legge in materia di gestione pubblica e partecipativa del ciclo integrale delle acque i parlamentari coinvolti, l’ente regolatore, i rappresentanti di associazioni nazionali ed internazionali, dei Comuni e delle aziende del settore hanno fornito un quadro dello stato attuale ed affrontato un confronto sugli eventuali sviluppi futuri, dal quale è emerso un clima aperto al confronto ed alla collaborazione.
Tutti gli interventi si sono rivelati generalmente concordi per un controllo pubblico sulla gestione, le differenze sono emerse sulla forma giuridica e, più ancora che su questo punto, sul finanziamento degli investimenti: dalla tariffa piuttosto che dalla fiscalità generale. Per la maggior parte degli intervenuti la gestione deve essere industriale in modo da garantire efficienza e tempestività nell’affrontare gli investimenti.
La seconda giornata è stata invece dedicata ad illustrare i progetti sviluppati dai gestori, dagli enti accademici ed industriali ed i risultati raggiunti nell’ambito della ricerca applicata nell’attività quotidiana delle utility.
L’impegno di SMAT nella ricerca e nell’innovazione ha avuto dimostrazione tangibile nell’inaugurazione del nuovo dipartimento “Acque Reflue” del Centro Ricerche e della sezione di Deammonificazione del Centro Risanamento Acque di Castiglione Torinese. Quest’ultima realizzazione costituisce un valido esempio di solidarietà su area vasta: la nuova sezione consentirà infatti all’impianto di aumentare del 10% l’abbattimento dell’azoto liberando impianti più piccoli e più vulnerabili e migliorando la tutela dell’ambiente fluviale.


Leggi anche

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…

Innovazione tecnologica, ammodernamento e potenziamento delle infrastrutture al centro del Piano presentato da Mariarosaria Altieri e Matteo Picardi, rispettivamente, presidente e direttore generale della società che gestisce il servizio idrico a Salerno. Con un focus particolare su fognature e depurazione…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Mancano gli ultimi dettagli al progetto esecutivo per la realizzazione della rete idrica e fognaria, rispettivamente, per un’estensione di 7 e 8 chilometri, a servizio del quartiere che sorge nell’estrema periferia Ovest della Capitale. Un’opera del valore complessivo di 8,5 milioni di euro, attesa da tempo e della quale beneficeranno circa 120 utenze, che sarà messa a gara il prossimo settembre. …

Leggi tutto…