Al via i lavori per il nuovo collegamento Capri Sorrento di Terna


Si apprestano a partire i lavori per il nuovo elettrodotto a 150 kV da Sorrento a Capri. Si tratta del progetto messo a punto da Terna per migliorare l’affidabilità della rete elettrica di trasmissione e di alimentazione della penisola sorrentina, servita attualmente da un’infrastruttura risalente agli anni Sessanta. Il nuovo collegamento consentirà, una volta realizzato anche il collegamento a 150 kV Sorrento-Vico Equense-Agerola-Lettere, di fornire sia a Capri sia alla penisola sorrentina la doppia alimentazione necessaria per garantire maggiore qualità, sicurezza e continuità di esercizio.
L’intervento prevede la realizzazione di una nuova stazione elettrica a Sorrento e di un elettrodotto di 19 km complessivi, dei quali circa 3 km terrestri e 16 km sottomarini, che collegheranno Sorrento all’isola. La stazione sarà realizzata con tecnologie all’avanguardia che ne minimizzeranno l’impatto sul territorio. Le apparecchiature elettromeccaniche, grazie alla tecnologia Gis (Gas-Insulated Substation), saranno inserite all’interno di un edificio a ridotto impatto sul suolo, con un ingombro circa 4 volte inferiori rispetto a una stazione tradizionale, integrato all’ambiente circostante.
L’apertura dei cantieri costituisce la conclusione di un iter di approvazione del progetto molto lungo, frutto di un dialogo continuo e attento con istituzioni e comunità locale, che ha portato allo sviluppo di un progetto pienamente condiviso dai territori interessati.
L’intervento, una volta ultimato, consentirà di demolire oltre 3 km di linee aeree ad alta tensione e 10 vecchi tralicci in un’area di particolare pregio della città. Tali interventi rientrano nell’ampio progetto di riassetto della rete elettrica nella penisola che Terna ha avviato negli anni scorsi nell’area, che ha visto nel Comune di Sorrento già la demolizione di 2 km di linee aeree.
I lavori inizieranno a breve con la posa del cavo terrestre mentre, entro la fine dell’anno, apriranno i cantieri per la realizzazione della stazione. A febbraio 2019, infine, inizierà la posa del cavo sottomarino che durerà 3 settimane circa. Le attività saranno realizzate in modo da evitare danneggiamenti alle posidonie marine sia durante sia dopo la posa del cavo, grazie all’utilizzo di collari fissati al fondale con appropriati dispositivi di ancoraggio. Nei due punti di approdo, Sorrento e Capri, verrà, inoltre, utilizzata la tecnica drilling: sarà scavata dalla terra ferma una galleria orizzontale di 200 metri e 5 metri di profondità all’interno della quale verrà posato il cavo, sorpassando e lasciando intatta la prateria di posidonia nella zona antistante la costa.


Leggi anche

Il bando, che Open Fiber si è aggiudicato, riguarda lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree a fallimento di mercato in Puglia, Calabria e Sardegna. Il contratto prevede la costruzione e la gestione per 20 anni dell’infrastruttura pubblica che collegherà 317.000 unità immobiliari in 959 comuni per oltre 400.000 cittadini interessati, con un investimento pubblico di 103 milioni di euro…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato da Idate e presentato alla FTTH Conference 2019 sottolinea come il nostro Paese abbia registrato il maggior tasso di crescita delle connessioni in modalità FTTH-FTTB in Europa, con il numero delle unità immobiliari passato da 4,4 a 6,3 milioni da settembre 2017 allo stesso mese del 2018. Un incremento del 43,1% a fronte di una media continentale del 15,7% …

Leggi tutto…

Saranno completati entro quest’anno i lavori per portare la rete in fibra ottica in modalità FTTH in oltre 70.000 unità immobiliari della città lombarda. A velocizzare le opere, portate avanti da Open Fiber con un investimento di 16 milioni di euro, la collaborazione con A2A Smart City che, ponendosi come gestore unificato delle infrastrutture fisiche per le telecomunicazioni, ne favorisce un utilizzo coordinato e ottimizzato…

Leggi tutto…

La società di Enel e Cassa depositi e prestiti ha scelto Nokia come partner per la fornitura dei servizi Gigabit nei clusters C e D e per spianare la strada ai futuri sviluppi e alle opportunità offerte dalle tecnologie banda ultra-larga. Le soluzioni della società finlandese consentono infatti di offrire connessioni fino a 10 Gigabit al secondo e nel futuro fino a 40 Gbps…

Leggi tutto…

Conclusi con 5 mesi di anticipo sul programma i lavori per dotare il capoluogo siciliano di un’infrastruttura a banda ultralarga. L’opera, realizzata con un investimento di 90 milioni di euro, ha visto la posa di oltre 2.800 chilometri di fibra ottica in modalità FTTH, garantendo a ben 224.000 unità immobiliari una velocità di connessione di 1 Gigabit al secondo …

Leggi tutto…