Al via il cluster nazionale dell’Energia

Prende il via a livello operativo il Cluster tecnologico nazionale “Energia” che riunisce 72 realtà del mondo delle imprese, dell’università, della ricerca e degli enti territoriali, per generare opportunità di sviluppo tecnologico per il sistema energetico nazionale. Tra queste Eni, e-distribuzione, Terna, General Electric-Nuovo Pignone, Cnr, Rse, EnSiEl, Lombardy Energy Cleantech Cluster ed Enea che ne compongono il Consiglio direttivo.  

I primi due progetti-pilota approvati e finanziati con circa 2 milioni di euro complessivi riguardano lo sviluppo di tecnologie per smart grid e accumulo energetico da un lato e la produzione di energia elettrica e termica da solare a concentrazione dall’altro.

«Si tratta di un risultato molto positivo, perché nel Cluster ricerca pubblica e privata possono lavorare fianco a fianco, in stretta sinergia e con l’obiettivo comune di fare dell’innovazione tecnologica una leva strategica per ridurre i costi e accrescere la competitività delle nostre imprese», ha commentato il presidente di Enea Federico Testa.

Compito del Cluster realizzare progetti pilota su tutte le tematiche dell’innovazione nel campo dell’energia su scala metropolitana e regionale, sostenere la ricerca scientifica e tecnologica e consolidare le infrastrutture, con tecnologie, prodotti e servizi innovativi a supporto del processo di decarbonizzazione del sistema energetico, che ne riducano i costi e ne incrementino sicurezza e resilienza.

Il Cluster “Energia” è uno dei dodici lanciati in Italia dal 2012 a presidio di ambiti tecnologici prioritari sui quali il Governo intende concentrare gli sforzi di politica di ricerca industriale. Si tratta di reti aperte e inclusive formate dai principali soggetti pubblici e privati attivi sul territorio nazionale nella ricerca industriale, nella formazione e nel trasferimento tecnologico: imprese, università, istituzioni pubbliche e private di ricerca, incubatori di start-up e altri soggetti attivi nel campo dell’innovazione. Ogni aggregazione è focalizzata su uno specifico ambito tecnologico e applicativo ritenuto strategico per il Paese, del quale rappresenta l’interlocutore più autorevole per competenze, conoscenze, strutture, reti e potenzialità.


Leggi anche

Il piano per la mobilità elettrica è stato presentato nel corso dell’Innovation Day organizzato dalla multiutility capitolina. Prevede la realizzazione di oltre 2.000 colonnine di ricarica entro il 2022, delle quali le prime 50 da installare entro quest’anno. Presentate anche le auto elettriche e le nuove soluzioni tecnologiche implementate per la gestione intelligente delle infrastrutture…

Leggi tutto…

Il gestore della rete elettrica nazionale ha siglato un verbale d’intesa con i comuni interessati dagli interventi che renderanno più sicuro ed efficiente il sistema elettrico nell’area della città. Il progetto prevede la realizzazione di circa 24 km di nuova linea in cavo interrato e 14 km di linea aerea e la demolizione di circa 31 km di vecchi elettrodotti…

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…

Il Parlamento tunisino ha approvato la convenzione sottoscritta con la Banca Internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo per il finanziamento da 7 milioni di euro degli studi preliminari del progetto di connessione elettrica tra Tunisia e Italia. Un’opera strategica, che prevede la realizzazione di una linea elettrica sottomarina della lunghezza di 200 km, della cui progettazione si sta occupando Terna con la società elettrica tunisina Steg…

Leggi tutto…