Al via il cluster nazionale dell’Energia

Prende il via a livello operativo il Cluster tecnologico nazionale “Energia” che riunisce 72 realtà del mondo delle imprese, dell’università, della ricerca e degli enti territoriali, per generare opportunità di sviluppo tecnologico per il sistema energetico nazionale. Tra queste Eni, e-distribuzione, Terna, General Electric-Nuovo Pignone, Cnr, Rse, EnSiEl, Lombardy Energy Cleantech Cluster ed Enea che ne compongono il Consiglio direttivo.  

I primi due progetti-pilota approvati e finanziati con circa 2 milioni di euro complessivi riguardano lo sviluppo di tecnologie per smart grid e accumulo energetico da un lato e la produzione di energia elettrica e termica da solare a concentrazione dall’altro.

«Si tratta di un risultato molto positivo, perché nel Cluster ricerca pubblica e privata possono lavorare fianco a fianco, in stretta sinergia e con l’obiettivo comune di fare dell’innovazione tecnologica una leva strategica per ridurre i costi e accrescere la competitività delle nostre imprese», ha commentato il presidente di Enea Federico Testa.

Compito del Cluster realizzare progetti pilota su tutte le tematiche dell’innovazione nel campo dell’energia su scala metropolitana e regionale, sostenere la ricerca scientifica e tecnologica e consolidare le infrastrutture, con tecnologie, prodotti e servizi innovativi a supporto del processo di decarbonizzazione del sistema energetico, che ne riducano i costi e ne incrementino sicurezza e resilienza.

Il Cluster “Energia” è uno dei dodici lanciati in Italia dal 2012 a presidio di ambiti tecnologici prioritari sui quali il Governo intende concentrare gli sforzi di politica di ricerca industriale. Si tratta di reti aperte e inclusive formate dai principali soggetti pubblici e privati attivi sul territorio nazionale nella ricerca industriale, nella formazione e nel trasferimento tecnologico: imprese, università, istituzioni pubbliche e private di ricerca, incubatori di start-up e altri soggetti attivi nel campo dell’innovazione. Ogni aggregazione è focalizzata su uno specifico ambito tecnologico e applicativo ritenuto strategico per il Paese, del quale rappresenta l’interlocutore più autorevole per competenze, conoscenze, strutture, reti e potenzialità.


Leggi anche

Invitalia ha pubblicato il bando nazionale Impresa SIcura che permette alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale (DPI) per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19…

Leggi tutto…

Sede Estra

Lo scorso anno è stato particolarmente positivo per la multiutility dell’energia e dei servizi ambientali, grazie al miglioramento e all’estensione delle performance di tutti i settori di business. Il bilancio consolidato, approvato dal consiglio di amministrazione, ha registrato un incremento dei ricavi del 18% rispetto all’anno precedente, sfiorando il miliardo di euro. Su del 35% anche il margine operativo lordo, pari a 37,8 milioni, e addirittura del 117% l’utile netto pari a 16,7 milioni…

Leggi tutto…

Al via per il terzo anno consecutivo la gara congiunta dei gestori pubblici dell’acqua di Lombardia e Piemonte per la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili. L’importo è di 139 milioni di euro circa…

Leggi tutto…

Le due gare riguardano la manutenzione per i prossimi tre anni di circa 50.000 km di linee aeree a 150 kV sull’intero territorio nazionale. Ad aggiudicarsele tutte imprese italiane sottoposte a una complessa valutazione tecnica per via della complessità dei lavori, che impegneranno tra dipendenti e indotto, oltre 10.000 lavoratori …

Leggi tutto…

Le due società hanno rinnovato il Memorandum of Understanding finalizzato a valorizzare le potenziali sinergie tra il sistema gas e il sistema elettrico. Tre le aree al centro dell’intesa: le centrali dual fuel, il sector coupling, in particolare con l’integrazione delle fonti rinnovabili, e la ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per rendere le reti energetiche sempre più sostenibili…

Leggi tutto…