Al via il Fondo di garanzia per le opere idriche

Il Fondo di garanzia per le opere idriche punta ad adeguare le infrastrutture

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 30 maggio 2019 che individua gli interventi prioritari e i criteri di utilizzo del Fondo di garanzia delle opere idriche. Il Decreto costituisce un tassello fondamentale per realizzare le opere necessarie a potenziare le infrastrutture idriche su tutto il territorio nazionale e colmare il gap infrastrutturale del settore.

Il Fondo di garanzia istituito presso l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) è dedicato, oltre agli investimenti per le opere del servizio idrico integrato, anche a quelli riguardanti le dighe, con priorità per quelle per l’uso potabile e plurimo.

Il fondo copre gli interventi previsti nel piano nazionale idrico che non siano ancora finanziati e avviati, ma che siano necessari all’adeguamento delle infrastrutture idriche e ai parametri di qualità tecnica fissati da Arera.

Arera e la funzione di controllo

L’Autorità ha il compito di provvedere a definire i requisiti soggettivi dei richiedenti, le modalità di richiesta della garanzia, le modalità e i termini di rilascio della garanzia del valore di subentro riconosciuto, le modalità e i termini delle garanzie di rimborso dei finanziamenti, i finanziamenti e le altre operazioni finanziarie ammessi al rilascio della garanzia, le modalità di accantonamento e le procedure di escussione e di surroga nei diritti del creditore.

Priorità agli interventi pianificati e alle opere per uso potabile

Hanno priorità gli interventi già pianificati e subito cantierabili, di carattere strategico e funzionali al servizio idrico integrato. Il fondo potrà intervenire anche in merito agli interventi riguardanti piccole dighe, non inseriti nel piano nazionale e ancora da avviare, ma già dotati di proprio finanziamento.

La garanzia dello Stato è prevista anche per quelle opere destinate all’uso potabile che, pur non ricadendo nel piano, rispondono ai criteri previsti dal decreto; quindi pure quelle non ancora finanziate e avviate, ma necessarie all’adeguamento delle infrastrutture idriche ai parametri di qualità tecnica fissati dall’Agenzia che, unitamente ai ministeri dell’Economia e finanze, delle Infrastrutture e trasporti, dell’Ambiente e dello Sviluppo economico, dovrà valutare il rischio delle proposte da ammettere al beneficio del credito.


Leggi anche

Il gestore idrico toscano ha dato il via ai lavori per la sostituzione di oltre 1600 metri di condotte di distribuzione idrica nella frazione di Treggiaia del comune della provincia di Pisa. L’intervento punta a eliminare il rischio di perdite dovuto alla vetustà della rete esistente e sarà concluso entro la fine del prossimo luglio. Al suo termine la società procederà anche con il rinnovamento dell’adduttrice …

Leggi tutto…

Messo a punto da Amat e Ireti, il progetto prevede la posa di 9 chilometri di condotte tra Borgo Prino e il comune di Diano Marina per una spesa complessiva di 9,6 milioni di euro. L’opera permetterà di garantire l’approvvigionamento idrico della città ligure e di alcuni comuni limitrofi, messa a rischio dalla vecchia rete, che versa in pessimo stato ed è soggetta a frequenti e dannose rotture …

Leggi tutto…

Il gestore idrico dell’ambito Sarnese-Vesuviano ha avviato una serie di opere sulle infrastrutture idriche e fognarie nel comune del salernitano. Per quanto riguarda le prime, verranno posate in totale oltre 2,5 chilometri di tubazioni per migliorare la distribuzione dell’acqua potabile in alcune strade del centro e in alcune frazioni. Le seconde servono invece a completare lo schema fognario comunale, eliminando definitivamente gli scarichi superficiali in ambiente…

Leggi tutto…

L’intervento progettato da Amap prevede la posa di 3,3 chilometri di nuove condotte per aggirare il tratto dell’infrastruttura gravemente danneggiato da una frana. L’opera, dal costo di oltre 5 milioni di euro, permetterà di ripristinare l’originaria portata della dorsale che approvvigiona la città di Palermo con l’acqua attinta alla sorgente delle Madonie …

Leggi tutto…

RS Ravetti Service ha messo a disposizione di HERA le proprie attrezzature e competenze in un intervento di rinnovo della rete idrica a Bentivoglio (BO) su una condotta di DN 600. I servizi forniti da RS Ravetti Service sono stati fondamentali per portare a termine i lavori in tempi rapidi e senza interrompere la fornitura di acqua potabile ai 50.000 utenti dell’area interessata…

Leggi tutto…