Al via il progetto SmartHydroGrid, con l’idrogeno protagonista nel sector coupling

Le strategie energetiche a livello europeo e nazionale prevedono un progressivo aumento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. In tale contesto gli scenari di integrazione tra le reti elettriche e gas giocheranno un ruolo fondamentale per raggiungere gli obiettivi di sicurezza e di flessibilità del sistema energetico, consentendo il passaggio tra diversi vettori energetici. A questi sviluppi guarda il progetto SmartHydroGrid per la Transizione Energetica e la Decarbonizzazione Profonda, che ha presoil via lo scorso aprile.

 

Tutti partner italiani

Progetto presentato da un partenariato di aziende attive nel settore energetico, start up e università. Ha Techfem come proponente e come co-proponenti:

È finanziato dall’Unione Europea, nell’ambito del NextGenerationEU ed è parte dei 15 progetti di ricerca ammessi ai fondi per la ricerca e sviluppo dell’idrogeno del PNRR.

 

Modelli digitali e impianti pilota

Nei suoi tre anni di durata vedrà lo sviluppo di modelli digitali a supporto della gestione e controllo in tempo reale di smart microgrid abbinati all’idrogeno come sistema di accumulo a lungo termine. Altro punto peculiare, sarà la realizzazione di due impianti pilota multi-energy presso la sede di Centria di Arezzo e presso la sede di Techfem di Fano.

 

Il ruolo dei protagonisti

A coordinare i lavori sarà Techfem, storica società di ingegneria italiana specializzata nell’impiantistica per i settori energetici e nello sviluppo di progetti dedicati all’idrogeno rinnovabile. La società contribuirà alla definizione delle specifiche delle microgrid e alla progettazione del digital twin di impianto integrato, il design di due impianti PtoX e la relativa costruzione del sito pilota Power to Power.

Centria, come attore della distribuzione gas, svilupperà invece un modello di gestione delle reti gas in blending con idrogeno, basato su test specifici condotti nei siti pilota e nelle microgrid, valutando gli scenari e le potenzialità di mercato.

Unical, in particolare il Gruppo di Ricerca di Sistemi Elettrici per l’Energia, lavorerà allo sviluppo degli algoritmi per la gestione e controllo real-time della SmartHydroGrid per applicazioni PowerToX. Algoritmi che saranno testati su un prototipo in scala di laboratorio.

Mentre Regas, specializzata nella fornitura di impianti per la gestione delle reti di distribuzione gas e di tecnologie innovative per le aziende energivore nei settori hard to abate, forte della sua pluriennale esperienza nella digitalizzazione delle reti, si occuperà della realizzazione della piattaforma IoT per la gestione e il controllo della SmartHydroGrid.

Infine, CretaES, spin-off dell’Università della Calabria, lavorerà alla realizzazione dei modelli per la corretta integrazione di sistemi di accumulo a idrogeno con sistemi di storage di breve durata con sistemi di generazione da fonti rinnovabili. Lo scopo è di mitigare quanto più possibile la non programmabilità di tali fonti, in particolare vento e sole, e favorire il bilanciamento generazione carico su scala locale e con l’orizzonte temporale che vanno dall’ora alle decine di ore.

 


Leggi anche

Molto proficuo il bilancio delle attività realizzate nel 2023 dall’azienda. Oltre 3,3 milioni gli smart meter installati e più di 330.000 gli impianti rinnovabili connessi all’infrastruttura, che continua a svilupparsi nel segno del digitale e della sostenibilità, per aumentare l’hosting capacity, favorire l’elettrificazione dei consumi e migliorarne la resilienza….

Leggi tutto…

In coerenza con l’Accordo di Parigi e in ottemperanza alla legge europea sul clima, la Commissione europea ha presentato la propria raccomandazione sugli obiettivi di decarbonizzazione per il 2040, analizzando tre possibili scenari di riduzione: fino all’80%, tra l’85% e il 90% e infine tra il 90% e il 95%….

Leggi tutto…

È partito il progetto Odisseo, con il quale il gestore della rete di trasmissione, in collaborazione con la statunitense Terradepth, intende testare l’impiego degli Autonomous Underwater Vehicle per il rilievo dei fondali. Un approccio innovativo a supporto della progettazione dei collegamenti elettrici sottomarini nel rispetto dell’ambiente….

Leggi tutto…

È stato firmato un accordo di collaborazione fra Hera Servizi Energia (HSE), la ESCo del Gruppo Hera, e il Gruppo Martini per la realizzazione di un cogeneratore presso il sito produttivo di Cafar a Gatteo. Il nuovo impianto, che verrà costruito nel corso del 2024, sarà in grado di produrre 12.000 MWh/anno di energia elettrica, pari all’80% del fabbisogno di stabilimento, e 6.600 MW di acqua calda, pari all’89%….

Leggi tutto…

Il nuovo elettrodotto si sviluppa per 28 chilometri, sotto forma di cavo completamente interrato, e unisce le stazioni elettriche di Glorenza, in provincia di Bolzano, e di Nauders, in Austria. Realizzato con un investimento di 80 milioni di euro, aumenta di 300 MW la capacità di interscambio tra i due Paesi, consentendo una maggiore integrazione delle fonti rinnovabili e potenziando l’affidabilità della rete elettrica nelle aree coinvolte….

Leggi tutto…