Al via la sperimentazione sui sistemi di accumulo in Lombardia

Partirà a beve, con un primo campione di cittadini, la sperimentazione sull’aggregazione in Lombardia di numerosi sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici, per efficientare la produzione, metterla in rete e riutilizzarla durante i picchi di richiesta. Si tratta di un progetto pilota promosso da Regione Lombardia, insieme ad Arera (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, RSE (Ricerca sul Sistema Energetico) e Terna.

Una sperimentazione che consentirà di testare dal reale i sistemi di accumulo, componenti strategiche per lo sviluppo delle reti elettriche intelligenti, in linea con le decisioni di Arera, che ha permesso anche agli utenti di piccola taglia di partecipare al Mercato dei Servizi di Dispacciamento (MSD), in modalità aggregata, per far fronte alla variabilità tipica dei consumi e della produzione da fonti rinnovabili, sempre più numerose.

«Ancora una volta la Lombardia si distingue per essere stata la prima Regione ad aver puntato su sistemi che incentivano l’autoconsumo dell’energia elettrica prodotta con impianti fotovoltaici, con circa 10 milioni di contributi erogati – ha dichiarato l’assessore agli Enti locali, montagna, piccoli comuni e energia Massimo Sertori -. E sarà la prima Regione a introdurre nel mercato dell’energia elettrica la possibilità, a unità di consumo e di produzione di energia elettrica, di partecipare al Mercato dei Servizi di Dispacciamento, per garantire la fornitura dell’energia elettrica».

Al progetto può partecipare ogni utente dotato di sistema di accumulo. La gestione dell’aggregato sarà effettuata da un’azienda, l’aggregatore, che si occuperà sia di interfacciarsi con il mercato sia di predisporre tutti gli strumenti di misura e controllo necessari per gestire i vari sistemi di accumulo, senza alcun onere a carico dei partecipanti al progetto.

Per valutare una possibile adesione al progetto pilota è necessario registrarsi sul sito web dedicato all’indirizzo: https://accumulilombardi.rse-web.it/


Leggi anche

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…

È quanto prevede l’accordo stipulato con Regione Veneto, finalizzato a rendere l’infrastruttura più efficiente, sicura e sostenibile. Un piano di interventi articolato in quattro capitoli che comprendono lo sviluppo della rete, con la realizzazione di nuovi elettrodotti, tra i quali il Dolo – Camin, l’ammodernamento della rete esistente, la realizzazione di corridoi verdi e attività di ricerca tra Terna e le università venete….

Leggi tutto…

La città è la prima a sperimentare in Europa una nuova generazione di pali intelligenti, sviluppati dal gruppo Agsm. Sistemi dotati di led, fibra ottica, con presa per la ricarica veloce dei veicoli elettrici, antenna wifi, telecamera e predisposti per il monitoraggio ambientale, delle infrastrutture e della raccolta rifiuti. Una soluzione in ottica smart city e parte qualificante del progetto Electrify Verona avviato dal Comune con Agsm Verona e Volkswagen Group Italia…

Leggi tutto…

Gravemente danneggiato dal sisma del 2012, l’impianto, snodo fondamentale del sistema elettrico del ferrarese, torna a nuova vita, grazie a un investimento di 1,8 milioni di euro che lo ha dotato dei più avanzati accorgimenti tecnologici. Dalla cabina si diramano oltre 190 km di linee che, attraverso 330 cabine secondarie, garantiscono il fabbisogno energetico di 6 comuni …

Leggi tutto…

Energia: Clara Poletti, commissario dell’Autorità italiana ARERA, eletta alla Presidenza del Comitato dei regolatori di ACER, l’Agenzia europea delle Autorità nazionali dell’energia…

Leggi tutto…