Alcalá Ecoenergías realizzerà il primo teleriscaldamento solare in Spagna


Sebbene il teleriscaldamento solare stia facendo progressi in paesi come la Danimarca, il suo potenziale comincia appena ad essere sfruttato nei paesi del Sud Europa. Tra questi la Spagna, che può contare su livelli di irraggiamento doppi rispetti a quello dei paesi del Nord Europa, ma che finora ha visto solo la realizzazione di alcuni progetti pilota, quali il tecnoparco delle Isole Baleari a Maiorca. Una situazione destinata a cambiare nel prossimo futuro.
Ciò grazie all’accordo siglato tra Alcalá Ecoenergías, una società spagnola specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, e il Comune di Alcalá de Henares, che prevede la realizzazione di un sistema di teleriscaldamento a servizio della città, che sorge a una trentina di chilometri da Madrid, alimento con energie green: biomasse ed energia solare.
Si tratta di un progetto su grande scala, che ha come obiettivo fornire calore a circa 12.000 unità abitative, per un investimento di 38 milioni di euro, dei quali 32 sono destinati alla costruzione della centrale a biomasse e 6 milioni al parco solare. Quest’ultimo sarà realizzato con sistemi solari termici con concentratore lineare Fresnel oppure con concentratori parabolici. La rete avrà una temperatura di mandata di 110 °c e una temperatura di ritorno di 70°C.
La società ha annunciato di aver già identificato il terreno per la costruzione dell’impianto e di aver firmato contratti con tutti gli investitori, in modo da completare tutti i lavori del primo impianto di teleriscaldamento solare di Spagna per la fine del prossimo anno.


Leggi anche

Entrato in funzione nel marzo dello scorso anno, l’impianto è un gioiello tecnologico a emissioni quasi zero. Può trattare annualmente 400.000 tonnellate di rifiuti che vengono trasformati n energia termica ed elettrica sufficiente a coprire il fabbisogno di, rispettivamente, 62.500 e 160.000 utenze. Sul suo tetto è stata realizzata una pista da sci artificiale che sarà aperta da dicembre …

Leggi tutto…

A realizzare e gestire il sistema, che fornirà calore a circa 800 edifici, sarà Telenergia, società nata dalla partnership tra Egea e Amag, con un investimento di 90 milioni di euro. Il progetto, che sarà ultimato in 6 anni, prevede la costruzione in città di una rete di 62 km alimentata da due centrali di cogenerazioni a gas integrato con fonti rinnovabili: una nella zona Sud e l’altra nella zona Nord…

Leggi tutto…

La giunta provinciale ha dato l’ok alla concessione all’utility energetica dell’Alto Adige delle linee di collegamento del sistema di distribuzione del calore. La concessione, della durata di 29 anni, interessa tre linee per uno sviluppo complessivo di oltre 2,5 km. Il canone di indennizzo annuo è stato fissato a circa 60.000 euro…

Leggi tutto…

L’intesa riguarda il sistema di Settimo Torinese: il big dei cosmetici cederà l’acqua recuperata, depurata e purificata del suo sito di produzione a Engie che la utilizzerà come acqua di reintegro della propria rete. Un esempio di economia circolare che permetterà soddisfare, evitando lo spreco di nuova risorsa idrica, ben il 20% del fabbisogno di acqua della rete della lunghezza di 47 km …

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…